Archivio Articoli

La Mercedes sul giro secco non teme rivali! Nico Rosberg con la W07 Hybrid dotata di gomme a mescola Supersoft ha sparato un incredibile 1'31"001 nel secondo turno di prove libere del Gp del Bahrain, arrivando a meno di un secondo dal record assoluto della pista che risale al 2004 quando Michael Schumacher con la Ferrari F2004 dotata del motore V10 aveva firmato la pole in 1'30"139. (continua...)

E' possibile che domani in qualifica con una pista più gommata le frecce d'argento possano attaccare anche il primato del tracciato che adesso, fra l'altro, è stato leggermente allungato. Nico Rosberg si conferma in gran forma, mettendosi alle spalle Lewis Hamilton che paga un paio di decimi.

Va detto che il campione del mondo non ha mai chiuso un giro perfetto, eccedendo in qualche bloccaggio in frenata di troppo, mentre il tedesco sembra sia in grado di rispettare di più le coperture. Se la W07 Hybrid ha impressionato per la superiorità con cui riesce a sparare un giro secco, fa pensare i tecnici di Brackley nella simulazione di passo gara, perché il decadimento registrato sulla freccia d'argento del campione del mondo è stato più netto di quanto i ferraristi abbiano registrato sulla Rossa. risultando addirittura meglio con la bianca, vale a dire la media.

Dietro alle Mercedes ci aspettavamo la Ferrari e, invece, è venuta fuori a sorpresa la McLaren. Si proprio la vituperata monoposto spinta dal V6 Honda che su una pista che esalta il motore ha centrato un sorprendente 1'32"281, vale a dire a un distacco di 1"2 dalla vetta. Jenson Button non è mai stato così competitivo con la power unit giapponese che, dopo aver trovato l'affidabilità, sembra migliorare anche nelle prestazioni.

Si mangerà il fegato Fernando Alonso che deve stare ai box a guardare Stoffel Vandoorne: il campione della GP2 è undicesimo nella lista dei tempi (niente affatto male per un debuttante assoluto) ma ha lasciato quasi sette decimi con un errore nel primo tratto della pista, segno che anche il belga è in grado di fare subito bella figura.

Il quarto tempo ci regala un'altra sorpresa: si tratta di Max Verstappen con la Toro Rosso capace di un incredibile 1'32"406 dotata del motore Ferrari 2015. Il ragazzino olandese è riuscito a stare davanti alla Ferrari di Kimi Raikkonen di 46 millesimi di secondo.

La Rossa si deve accontentare della teorica terza fila: con le temperature più basse del previsto in Bahrain, la SF16-H non sembra adattarsi alle gomme Supersoft, mentre ha mostrato un buon passo nella simulazione di gara con le medie. Il finlandese, come questa mattina, è riuscito a stare davanti a Sebastian Vettel.

Il tedesco nel giro buono ha pagato un bloccaggio in frenata e poi è finito larghissimo all'ultima curva perdendo tantissimo tempo: il quattro volte campione del mondo, senza problemi,  dovrebbe essere nella condizione di mettere la Ferrari subito dietro alle Mercedes, ma Sebastian non è riuscito a completare la sessione perché ha dovuto accostare la sua monoposto per un problema alla trasmissione dopo cinque giri di long run con le medie.

I ferraristi, infatti, hanno lasciato intendere che non si tratta di niente di grave, ma la power unit spenta per l'emergenza al cambio ha iniziato a fumare dall'airbox: speriamo che la mancanza dei ventilatori che usano di solito i meccanici per tenere basse le temperature dei radiatori non intacchi l'affidabilità della power unit.

Valtteri Bottas è ottavo, chiuso nella morsa delle due Red Bull racing con Daniil Kvyat davanti alla RB12 di Daniel Ricciardo. Chiude la top ten Felipe Massa che nella notte riceverà il nuovo muso corto che è in viaggio insieme alla nuova ala anteriore.

Molto positivo Esteban Gutierrez, 12esimo con la Haas, mentre è stato un promeriggio di tribolazioni per Grosjean: il francese prima ha rotto l'ala su un cordolo (forse per il cedimento di un pilone del muso proprio come era successo nei test di Barcellona) e poi è dovuto rientrare d'urgenza ai box dopo una brutta fumata dallo scarico unico dello 059/5.

La Haas sembra prestazionale, ma terribilmente debole (nel primo turno aveva perso il coperchio del serbatoio). Male la Renault spronfondata nella seconda parte del gruppo, mentre Marcus Ericsson e Felipe Nasr sono già stati risucchiati dalla Manor di Pascal Wehrlein. Meno male che la squadra svizzera che c'è Ryo Haryanto a fare da scopa...

PosDriverCarTimeGapLaps
1 Nico Rosberg Mercedes 1m31.001s - 38
2 Lewis Hamilton Mercedes 1m31.242s 0.241s 32
3 Jenson Button McLaren/Honda 1m32.281s 1.280s 32
4 Max Verstappen Toro Rosso/Ferrari 1m32.406s 1.405s 31
5 Kimi Raikkonen Ferrari 1m32.452s 1.451s 38
6 Sebastian Vettel Ferrari 1m32.650s 1.649s 26
7 Daniil Kvyat Red Bull/TAG Heuer 1m32.703s 1.702s 34
8 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m32.792s 1.791s 39
9 Daniel Ricciardo Red Bull/TAG Heuer 1m32.870s 1.869s 23
10 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m32.873s 1.872s 36
11 Stoffel Vandoorne McLaren/Honda 1m32.999s 1.998s 30
12 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m33.129s 2.128s 31
13 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1m33.177s 2.176s 36
14 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m33.384s 2.383s 23
15 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m33.406s 2.405s 35
16 Kevin Magnussen Renault 1m33.447s 2.446s 34
17 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m33.570s 2.569s 37
18 Jolyon Palmer Renault 1m33.640s 2.639s 35
19 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1m33.953s 2.952s 21
20 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m34.224s 3.223s 31
21 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m34.477s 3.476s 34
22 Rio Haryanto Manor/Mercedes 1m34.562s 3.561s 33

www.motorsport.com