Archivio Articoli

lotus_33E anche a Tony Fernandes tocca fare un passo indietro. Il boss del Team Lotus decide di accogliere il suggerimento dei suoi tifosi, interpellati attraverso un sondaggio: anche nel 2011 rimarrà con l’attuale livrea giallo-verde, cassando i programmi già annunciati di passare alla colorazione nera e oro resa leggendaria dallo sponsor John Player Special negli anni ‘70 e ‘80. (continua...)

La decisione è giunta dopo l’annuncio del rivale Gruppo Lotus di utilizzare la stessa colorazione nera e oro per la Renault dell’anno prossimo, di cui è diventata socia. “Avere quattro vetture nere con lo stesso disegno penso che sia sciocco e qualcuno deve rinunciarci,” spiega Fernandes all’agenzia di stampa “Reuters”. “Non siamo dei bambini, non diciamo ‘Oh no, dobbiamo essere neri e oro’. Siamo pragmatici,” ha aggiunto.

L’imprenditore malese ha anche rivelato che l’idea di utilizzare una livrea ispirata da un marchio di sigarette aveva causato della “negatività”. Ma se sulla colorazione della vettura Fernandes è pronto a fare un passo indietro, sul nome Lotus prosegue la sua battaglia con la consueta grinta. La questione finirà davanti all’Alta Corte di Londra all’inizio del prossimo anno. “Penso che avere due marchi Lotus in griglia non sia un problema,” ha dichiarato.

La risposta della Lotus Renault GP è giunta ieri dalle parole del team principal Eric Boullier, intervistato da 422race.com: ““E’ molto negativo per i tifosi, secondo me, perchè è falso. Parlare ai tifosi della storia della Lotus e così via è sbagliato. Se ti chiami Lotus e costruisci vetture, allora il tuo è l’unico nome ufficiale. Questo è tutto. Se trovassi qualcuno in Inghilterra che magari si chiama Richard Ferrari, potrei comprare il diritto di usare il suo nome. Sarebbe altrettanto stupido quanto questa situazione.”

Intanto, però, il Team Lotus continua a lavorare. Anche sui piloti. Confermati ufficialmente Jarno Trulli e Heikki Kovalainen (a meno di sorprese dell’ultim’ora) come titolari, il pilota del venerdì Fairuz Fauzy lascerà invece la squadra dopo uno solo dei suoi cinque anni di contratto. A rivelarlo è stato il suo padre e manager Haji Fauzy: “Il team ha concluso prematuramente il contratto la settimana scorsa e senza motivo. Ora stiamo cercando per lui un sedile da titolare in una categoria internazionale della stessa statura, ma ovviamente la Formula 1 è la nostra prima priorità.”

Il motivo lo spiega un portavoce del team alla stessa “Reuters”: a ricoprire il ruolo di collaudatori e piloti di riserva del Team Lotus nella prossima stagione saranno i due piloti della neonata squadra di GP2 di Fernandes, la AirAsia. “Ci saranno due ragazzi che avranno l’opportunità di colmare il gap dalla GP2 alla F1,” ha detto. E’ sempre più probabile che uno di essi sia Johnny Cecotto Jr, il venezuelano figlio d’arte quest’anno al debutto nella categoria cadetta con la Trident Racing.

Già fissata anche la data per il pagamento della scommessa di Sir Richard Branson, che si è impegnato a trascorrere una giornata da hostess della compagnia aerea del rivale Fernandes poichè la sua Virgin è giunta alle spalle della Lotus nella classifica 2010. “La data è stata confermata per il 21 febbraio 2011,” ha scritto Fernandes sulla sua pagina Twitter, rivelando che il volo sarà da Londra a Kuala Lumpur.

www.422race.com