Archivio Articoli

Primo giorno dell'ultima sessione di test invernali 2016 di Formula 1 e, forse, primo segnale lanciato dalla Mercedes alla concorrenza. Nico Rosberg, sceso in pista questa mattina al volante della W07 Hybrid, ha siglato il miglior tempo assoluto in 1'23"022. Un tempo rimasto inavvicinabile per tutti, nonostante il tedesco non abbia partecipato alla sessione pomeridiana. (continua...)

Mercedes ha infatti scelto di alternare quotidianamente i suoi due piloti, così Nico ha girato per quasi tutto l'arco della mattinata su gomme Medium, per poi concedersi un giro fulmineo con un set di gomme Soft, che potrebbe aver dato il metro della competitività delle nuove vetture uscite dagli stabilitmenti di Brackley. Con il giro sulle morbide, Nico ha staccato Kimi Raikkonen - in quel momento secondo, ma utilizzando esclusivamente gomme medie - di quasi un secondo e nove decimi. La scorsa settimana Vettel, con le medesime gomme di Nico, è risultato più lento di 7 decimi. Non bisogna sottovalutare però i carichi di benzina utilizzati, che potrebbero essere stati molto diversi.

L'unico ad avvicinarsi al tempo di Nico Rosberg è stato Valtteri Bottas, al volante della Williams FW38. Per portarsi in seconda posizione assoluta, il pilota finnico ha dovuto però far ricorso a un set di gomme SuperSoft, dunque in casa Williams il risultato passa in secondo piano. Il divario con i primi è preoccupante, nonostante il cronometro abbia mostrato il contrario.

Terzo posto per Fernando Alonso. L'asturiano ha potuto godere delle modifiche apportate dalla McLaren al cofano motore della Mp4-31, ora più ampio e non più "size-zero", che permette di raffreddare in maniera migliore il retrotreno. L'asturiano ha inanellato 93 giri, il migliore di questi in 1'24"735, ad appena un decimo da Bottas. Fernando lo ha siglato con gomme Soft, dunque un compound più duro rispetto a quello utilizzato dal finlandese.

Nella giornata odierna la Ferrari ha deciso di utilizzare solo gomme Medium, dunque Kimi Raikkonen si è concentrato sui run. Molto interessante l'ultima parte delle prove, in cui il trentaseienne ha siglato una serie di passaggi costanti, sul passo dell'1'26"basso, per poi salire sino all'1'27" dopo una decina di giri. Nelle prime due tornate della mattinata, invece, sulla SF16-H di Kimi sono stati montati due rastrelli all'altezza delle ruote posteriori per raccogliere dati sui flussi che vanno oltre la vettura. Raikkonen ha inoltre provocato una bandiera rossa - la seconda delle tre totali - a causa di un guasto al cambio della sua Ferrari, poi riparato.

Daniil Kvyat ha siglato il sesto tempo assoluto con gomme Soft, al volante della Red Bull RB12. La monoposto di Milton Keynes ha avuto qualche problema in mattinata, con del fumo che è uscito dalla parte posteriore delle pance. Il russo è stato costretto a rimanere fermo ai box a lungo, prima che il team riuscisse a sistemare il guasto e a rimandarlo in pista.

Lewis Hamilton ha ereditato il volante della Mercedes W07 Hybrid da Rosberg e ha girato per tutto il pomeriggio. Lewis ha compiuto un'intera simulazione di Gran Premio, ben 71 giri, con tre stint tutti su gomme Medium. Interessante il passo mostrato nell'ultimo run di 15 giri, molto simile a quello già citato di Kimi Raikkonen.

Buone notizie per la Toro Rosso, che con Max Verstappen ha compiuto ben 144 giri totali, risultando così il pilota che ha girato di più in questa prima giornata del secondo turno di test di Barcellona. 121 invece i giri per Nico Hulkenberg, che ha chiuso a 2 decimi di secondo proprio dall'olandese del team faentino con la sua Force India VJM09.

Felipe Nasr ha portato al debutto la Sauber C35. La monoposto elvetica ha chiuso in nona posizione, a un solo decimo di divario dalla Force India di Hulkenberg. Il miglior tempo del brasiliano è stato ottenuto con gomme morbide. Kevin Magnussen è stato tra i piloti che ha girato di più. Il danese ha compiuto 119 giri, ma la sua Renault RS16 non ha brillato nemmeno con gomme Soft. Da segnalare inoltre il problema che a 10 minuti dal termine lo ha costretto a fermarsi lungo il tracciato, con i commissari che sono stati costretti a sventolare le bandiere rosse e fermare la sessione.

Giornata sfortunata per il team Haas F1, che, nel pomeriggio, ha dovuto fare i conti con un guasto alla pompa della benzina ed Esteban Gutierrez ha dovuto chiudere anzitempo i test di oggi. Bisogna ricordare che questo è il secondo guasto simile a un propulsore Ferrari nel corso dei test invernali al Montmelo.

La Manor ha compiuto 44 dei suoi 46 giri totali nel pomeriggio, perché nel corso della mattina ha individuato un problema al retrotreno della vettura dopo il giro d'installazione. Rio Haryanto ha così potuto girare con continuità solo nel pomeriggio, chiudendo la classifica generale di giornata.

PosDriverCarTimeGapLaps
1 Nico Rosberg Mercedes 1m23.022s - 82
2 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m23.229s 0.207s 123
3 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m24.735s 1.713s 93
4 Kimi Raikkonen Ferrari 1m24.836s 1.814s 72
5 Daniil Kvyat Red Bull/TAG Heuer 1m25.049s 2.027s 69
6 Lewis Hamilton Mercedes 1m25.051s 2.029s 90
7 Max Verstappen Toro Rosso/Ferrari 1m25.176s 2.154s 144
8 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m25.336s 2.314s 121
9 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m25.493s 2.471s 103
10 Kevin Magnussen Renault 1m25.760s 2.738s 119
11 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m26.661s 3.639s 23
12 Rio Haryanto Manor/Mercedes 1m27.625s 4.603s 45

www.motorsport.com