[09] GP Austria - Red Bull Ring

Forum dedicato alla stagione 2018 di F1

da Tangorfopper » 27/06/2018, 8:38

Leggo che ci saranno "addirittura" 3 zone DRS.
Praticamente ogni tratto "abbastanza" rettilineo consentira' di usare l'ala mobile di Takaya Todoroki.

Non vi devo neanche spiegare dove si trovano i 3 tratti interessati dal DRS perche' sono gli unici in cui e' applicabile sul circuito.
Avatar utente
Tangorfopper
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1149
Iscritto il: 09/02/2010, 14:53

da Jackie_83 » 27/06/2018, 9:25

Tanto vale liberalizzarlo su tutti i rettilinei del mondiale...

Inviato dal mio ASUS_Z00ED utilizzando Tapatalk
Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 6797
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da Baldi » 27/06/2018, 10:23

Sarei curioso di vedere "l'effetto che farebbe" una liberazione del DRS ad esclusivo giudizio del pilota.
Apertura e chiusura dipendente dal volere del pilota ed in qualsiasi punto del tracciato. Anche senza il fatidico distacco entro il secondo.

Un pò come accadeva agli albori delle ali...
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10209
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Powerslide » 27/06/2018, 11:01

Baldi ha scritto:Sarei curioso di vedere "l'effetto che farebbe" una liberazione del DRS ad esclusivo giudizio del pilota.
Apertura e chiusura dipendente dal volere del pilota ed in qualsiasi punto del tracciato. Anche senza il fatidico distacco entro il secondo.

Un pò come accadeva agli albori delle ali...


Se si potesse utilizzare anche senza il distacco sotto il secondo diventerebbe completamente inutile perché verrebbe aperto sia da chi insegue sia da chi è inseguito. Andrebbero ambedue più veloci, ma il distacco rimarrebbe lo stesso che avrebbero a DRS chiuso per tutti e due.
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6082
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da 330tr » 27/06/2018, 13:58

Ma infatti, che assurdità.
Obbligassero il "superando" a spegnere il motore. Così il sorpasso, a parità di sportività, sarebbe finalmente certo e indipendente dagli influssi aerodinamici.
Spettakolo!!!
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3638
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 27/06/2018, 16:53

Più ci penso e più mi vien rabbia. Ok che la F1 è "mezzodipendente", cioè dipendente da un mezzo meccanico che può essere più o meno performante.
Ma accettare supinamente il fatto che le auto a distanze inferiori al secondo NON POSSANO SORPASSARSI CAUSA AERODINAMICA DI M..DA e perciò si imponga un mezzo ANTISPORTIVO, anzi, CONTRO lo sport che prevede si debba gareggiare con le stesse possibilità, è qualcosa di aberrante, di mostruoso.
Come se nel ciclismo si permettesse l'uso della pedalata facilitata a chi sta dietro per prendersi i traguardi volanti.
Io piuttosto CAPISCO il Bop, che DOVREBBE tendere ad appiattire le prestazioni dei mezzi per esaltare l'ABILITÀ del pilota, ma che senso ha impedire a quello davanti di utilizzare il boost consentito a quello dietro? È l'inverso, l'imposizione di un ANTIBOP, è togliere 100 kg alla macchina che segue rendendola non più simile a quella che la precede, è una diversificazione legale del mezzo tecnico che rende i mezzi diversi, di due differenti categorie per alcuni istanti.
È corretto far correre due diverse categorie (seppur diversificandole per un tempo parziale sul giro) nella stessa categoria? È corretto? È sportivo?

Ancora. È corretto e sportivo penalizzare un pilota perché il mezzo tecnico è carente? Perchè parti di macchina si sfasciano? Il pilota rischia la pelle tirando nelle prove, cede un ingranaggio e viene spedito in fondo alla griglia per colpe imputabili al mezzo meccanico?
Chi ha fatto queste regole? È mai stato un pilota? Se sì che coscienza può mai avere? Perché mai il Campionato Piloti deve essere falsato da penalizzazioni che riguardano la costruzione meccanica????
Ma scusate, ci vuole tanta intelligenza a penalizzare i costruttori TOGLIENDO PUNTI AI COSTRUTTORI anziché mortificando gli uomini?
Fine dello, sfogo, grazie a tutti.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3638
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Powerslide » 27/06/2018, 17:25

Premessa: sono contrario al DRS come al BoP.

Ciò detto, a parziale consolazione di 330, il DRS favorisce lo scambio di posizioni solo se colui il quale viene sorpassato è più lento di chi lo ha sopravanzato.
In caso contrario, se i due binomi macchina/pilota fossero equivalenti, al giro successivo le posizioni si scambierebbero nuovamente.

Resta ovviamente quanto detto nella premessa.

Una considerazione però: possibile non esista un'altra configurazione aerodinamica che. senza compromettere troppo le prestazioni in aria pulita, risenta meno del disturbo quando si è in scia?
Non vorrei che i progettisti si fossero appisolati da qualche lustro su una situazione considerandola indispensabile :think:
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6082
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da 330tr » 28/06/2018, 4:23

Powerslide ha scritto:Ciò detto, a parziale consolazione di 330, il DRS favorisce lo scambio di posizioni solo se colui il quale viene sorpassato è più lento di chi lo ha sopravanzato.
In caso contrario, se i due binomi macchina/pilota fossero equivalenti, al giro successivo le posizioni si scambierebbero nuovamente.


Ma io trovo che sia un'eresia assoluta!!
Quello che scrivi è pura teoria. Le corse, la battaglia in pista è tutt'altra cosa!
Dici che "a parità di binomio..", ma perché appiattire ed annullare questa differenza? Perché disintegrare le differenze di abilità, in nome dello spettakolo?
Ti par giusto riscrivendo la storia che a Monaco 1992 abbia trionfato Mansell, grazie al DRS a 5 giri dalla fine??
Non trovi sia un'aberrazione impedire a chi sta davanti di sfoggiare le sue qualità di pilota pur con auto inferiore?
Schumacher in quella famosa Canada, forse 2010, grazie a una strategia diversificata (se non ricordo male) poteva vincere, poteva cogliere l'ultimo frutto della carriera.
Arrivano agli ultimi giri da dietro in 300 e grazie a questa MERAVIGLIA lo sverniciano come fermo.
Tutto molto bello, tutto molto sportivo.
Scommetto pure che nel '95, l'"incapace" Hill col DRS avrebbe SVERNICIATO Schumacher anziché speronarlo in 3/4 occasioni, et voilà che un pilota IN CRISI con una macchina superiore diventa un Supercampione, mentre il Campione assiste impotente e ringrazia gli inventori di quest'obbrobrio che anziché ESALTARE IL PILOTA CHE CONCORRE AL CAMPIONATO DEL MONDO CONDUTTORI diventa strumento per piallare le capacità, tanto che pure io saprei diventare un campione del sorpasso.
Arte del tutto inutile, tanto schiaccio il bottone in rettilineo e fotto l'avversario.
Proprio non ce la faccio.
Questa F1 non è roba per me, spiacente.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3638
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da groovestar » 28/06/2018, 7:59

Ma non è poi vero che, anche col DRS, tutte le ciambelle vengono col buco.

Ricciardo a Monaco ha vinto con una Redbull ampiamente sotto ritmo in pieno stile Senna/Mansell, così come Vettel è riuscito a difendere la sua vittoria contro Bottas in Bahrein.

Abbiamo visto in diverse occasioni come un buon pilota, anche in difficoltà, riesca a difendersi nelle zone no drs e salvarsi.

Il DRS dovrebbe essere inteso come ausilio per scavalcare la problematica del disturbo aerodinamico in fase di approccio.
Forse potrebbe essere perfettibile per rendere il tutto più "reale", ma di base può, e deve, essere inteso come uno strumento "artificiale" per risolvere un problema reale.

Per rendere la competizione più "onesta" forse bisognerebbe calcolare la percentuale di perdita di carico in fase di scia e calibrarla sull'apertura dell'ala così da eliminare uno svantaggio.
Così sarebbe decisamente più accettabile.

Per il resto ha ragione Power: l'uso del DRS è offerto anche al sorpassato che, nel caso, può ritentare di riprendere la posizione.

Personamente mi offende molto di più la performance delle gomme ed i relativi obblighi sulle mescole che incidono in maniera assurda - e troppo spesso artatamente - sulla performance globale.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6829
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Baldi » 28/06/2018, 11:02

Powerslide ha scritto:
Baldi ha scritto:Sarei curioso di vedere "l'effetto che farebbe" una liberazione del DRS ad esclusivo giudizio del pilota.
Apertura e chiusura dipendente dal volere del pilota ed in qualsiasi punto del tracciato. Anche senza il fatidico distacco entro il secondo.

Un pò come accadeva agli albori delle ali...


Se si potesse utilizzare anche senza il distacco sotto il secondo diventerebbe completamente inutile perché verrebbe aperto sia da chi insegue sia da chi è inseguito. Andrebbero ambedue più veloci, ma il distacco rimarrebbe lo stesso che avrebbero a DRS chiuso per tutti e due.


Infatti.

Ma infatti, con il mio pensiero, ragionavo non tanto su un sistema che consenta ai piloti che seguono di "recuperare" quella velocità che viene perduta con l'effetto negativo dello stare in scia nelle curve...

...quanto piuttosto di un sistema libero che consenta di esaltare le doti di guida di un pilota perchè maggiormente capace di scaricare l'ala il prima possibile (e acquisire velocità) prima dei rivali, sfruttando il suo "pelo".

(Tutto ciò però lo abbinerei ad una drastica riduzione di potenze, ali, tenuta gomme ecc...)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10209
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da 330tr » 28/06/2018, 13:58

groovestar ha scritto:

Il DRS dovrebbe essere inteso come ausilio per scavalcare la problematica del disturbo aerodinamico in fase di approccio.


Groove, scusa mo no e poi no, non è vero!
L'approccio in fase di sorpasso è ben prima! Qui stiamo parlando di sistema per SORPASSARE IN RETTILINEO, non per superare le diffictà aerodinamiche!!
Mettiamo le cose in chiaro.
Io non vedo più gran premi, ma leggo che il drs quest'anno è FALLITO poichè le influenze aerodinamiche di fatto SUPERANO l'inequità dell'aiuto illegale legalizzato.
Io ho ricordi di anni precedenti con miliardi di sorpassi e controsorpassi assolutamente FINTI, ed era ciò che i capoccia volevano. Quest'anno sono tutti delusi perché il loro sistemino del tubo..NON FUNZIONA!!!
Qui non si discute dei risultati, quest'anno purtoppo-per costoro-sotto le aspettative, ma del concetto in sé.
Se vi piace...mi dispiace, ma mi trovo sull'altra sponda.
Le gomme..problema contingente e superabile.
Il drs..artificio appositamente studiato (e oggi FALLIMENTARE) per creare spettakolo artificiale.
Non mi avranno, non cedo. :violence-sniperdark:
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3638
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 28/06/2018, 14:41

groovestar ha scritto:..
Per rendere la competizione più "onesta" forse bisognerebbe calcolare la percentuale di perdita di carico in fase di scia e calibrarla sull'apertura dell'ala così da eliminare uno svantaggio.
Così sarebbe decisamente più accettabile.


Groove, con tutta la buona volontà, ti invito a rileggere più e più volte quel che hai scritto.
Poi ti presto la mia DeLorean e a far leggere questo paragrafo a Nuvolari, Ascari, Fangio, Clark e chi più ne ha più ne metta.
Io stesso mi chiedo che diavolo sta diventando questa roba, a che livelli di tortuosità ingegneristica, a come sta degradando, distorcendo, disintegrando il concetto di "sport".
Non trovo le parole.
Anziché DISTRUGGERE ali e effetti minigommati e correre, preferiamo elaborare il teorema di Zeckendorf e applicarlo ad un aggeggio che falsifica il contenuto sportivo della competizione.. :snooty:
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3638
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Powerslide » 28/06/2018, 14:42

Caro 330 ti consiglio un momento di riflessione anche a salvaguardia delle coronarie: ho scritto come prima cosa che sono contrario al DRS.
Sono contrario al DRS come lo sono a tutti quegli artifizi che infestano la F1 e non solo. E fra un po' andremo anche sul tema gomme come giustamente fatto notare da groove.
Ma restiamo un attimo alla tua. Per quanto riguarda Monaco 92 sì, sarebbe stata più equa una vittoria di Mansell perchè Senna non ha dovuto sfoderare alcuna abilità: a Monaco, da quando hanno tolto il Gasometro e cambiato il disegno della St. Devote e della Chicane, non si passa più e stop. Anzi, chi ci prova viene accusato di essere un pazzo dai commentatori e pure penalizzato dalla direzione gara. Che si tratti di un'anomalia del circuito e non delle vetture è stato dimostrato dal Legend Gp di quest'anno dove macchine del 1965, quindi senza aerodinamica esasperata, freni in carbonio e chi più ne ha più ne metta, non riuscivano a sorpassarsi. Eppure nella corsa dell'epoca lo fecero eccome (andare a guardare le tabelle per credere).
Ciò detto veniamo al punto base: quando e perchè è nato il DRS. La causa scatenente fu il Gp di Abu Dhabi del 2010 Per marcare Weber, Alonso effettua un improvvido pit e rientra sì davanti all'australiano, ma dietro a tal Vitaly Petrov che aveva effettuato la sosta al primo giro approfittando di una SC. Spagnolo e australiano resteranno tutto la gara dietro al russo non riuscendo neppure ad effettuare un tentativo di sorpasso e giocandosi, ambedue, le possibilità del titolo. Petrov non aveva nè la macchina, nè le capacità di contenere la Ferrari e la RB e neppure gran merito per averlo fatto (o almeno nessuno glielo riconobbe) eppure divenne arbitro di un mondiale. Il Circus si trovò quindi, anche spinto dall'opinione pubblica, a dover affrontare il problema. Ora aveva due possibilità: aspettare almeno un paio di stagioni per dare il tempo alle squadre di rivoluzionare le F1 da capo a piedi, oppure inventarsi l'odiato aggeggio. Ora noi, impavidi paladini del purismo avremmo scelto la prima soluzione, ma trovandoci invece nei panni dei reggitori del baraccone siamo proprio certi che non avremmo sposato l'idea del DRS che, e non è poco, faceva risparmiare ai componenti del Circus cifre a 9 zeri?
Casomai la colpa è nell'immobilità che c'è stata nei successivi otto anni.
Ma quali sono i problemi dell'attuale F1 ? Uno in particolare: eccesso di aderenza. Questa è data principalmente da due componenti: gli attuali pneumatici e il carico aerodinamico. Prendiamo ad esempio lo spazio di frenata perchè se questo è sceso del 150% negli ultimi 35 anni, un sorpasso in staccata me lo posso solo sognare. E attenzione: l'attrito pneumatico/asfalto è così elevato che se non si fosse calmierato il numero di pompanti ammessi per ogni pinza oggi si raggiungerebbero i 6 g di decelerazione. Rimedi? Certo: 1) diminuire la down-force, 2) montare dischi carboceramici, 3) vietare gomme che non durino almeno 300 km Così si castra il progresso? Me ne fotto se questo significa viaggiare rasoterra, non poter frenare se prima l'impianto non ha raggiunto qualche centinaio di gradi (se poi prendo fuoco al semaforo pazienza) e, partito da Milano per Firenze dovemi fermare a Bologna per sostituire le gomme.
Ma l'aderenza frega anche i sorpassi in scia (seconda possibilità concessa oltre a quelli in frenata). Facciamo un esempio pratico: 35 anni fa chi usciva per primo dalla Parabolica veniva sorpassato prima del traguardo.Ora però non venitemi a dire che la linea è stata anticipata, lo so anche io, fate riferimento alla linea che esisteva prima. Questo sorpasso in scia era tanto più certo quanto più era limitata la potenza di cui le auto disponevano e questo dovrebbe essere intuitivo visto che i cv assorbiti erano tanti rispetto a quelli complessivi e c'era più tempo per sfruttare il divario di velocità. Oggi, per quell'eccesso di aderenza, si riescono a scaricare a terra molti più cavalli rispetto agli anni '80, l'accelerazione è impressionante e i tempi in scia tendono ad accorciarsi. In poche parole non c'è più il tempo materiale per completare il sorpasso, cosa vieppiù ostacolata dalla difficoltà per chi segue di uscire veloci dalla curva ritrovandosi l'ala anteriore in deficit di carico perchè costretta a lavorare in aria sporca.
Come si può capire il DRS non è il peggiore aggeggio su una F1, ce ne sono molti che lo battono ed è proprio il concetto delle attuali F1 ad essere "deficitario di sportività".

Per Baldi. Fino a un paio di stagioni fa il DRS non era regolamentato in qualifica, ma non è che si siano visti degli sfracelli in termini di competività. Liberalizzarlo altro non vorrebbe dire che il ritorno all'ala mobile di fine anni '60 che venne vietata per motivi di sicurezza. Oggi la professionalità è tale che un dispositivo aerodinamico mobile non dovrebbe portare un aumento dei rischi, ma non porterebbe neppure un beneficio allo spettacolo o allo sport. Ogni circuito ha il suo compromesso di carico (la vecchia Hockenheim era uno spettacolo in questo senso), con un DRS libero avremmo invece un carico zero sul dritto, ma un carico altissimo in curva livellando vieppiù l'abilità del pilota.
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6082
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da Tangorfopper » 28/06/2018, 15:11

Powerslide ha scritto:Caro 330 ......


Applauso.
Ottimo intervento.
Avatar utente
Tangorfopper
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1149
Iscritto il: 09/02/2010, 14:53

da groovestar » 28/06/2018, 15:29

330tr ha scritto:
groovestar ha scritto:..
Per rendere la competizione più "onesta" forse bisognerebbe calcolare la percentuale di perdita di carico in fase di scia e calibrarla sull'apertura dell'ala così da eliminare uno svantaggio.
Così sarebbe decisamente più accettabile.


Groove, con tutta la buona volontà, ti invito a rileggere più e più volte quel che hai scritto.
Poi ti presto la mia DeLorean e a far leggere questo paragrafo a Nuvolari, Ascari, Fangio, Clark e chi più ne ha più ne metta.
Io stesso mi chiedo che diavolo sta diventando questa roba, a che livelli di tortuosità ingegneristica, a come sta degradando, distorcendo, disintegrando il concetto di "sport".
Non trovo le parole.
Anziché DISTRUGGERE ali e effetti minigommati e correre, preferiamo elaborare il teorema di Zeckendorf e applicarlo ad un aggeggio che falsifica il contenuto sportivo della competizione.. :snooty:


Non possiamo tornare indietro di 50/80 anni per fare paragoni, con coefficienti di aderenza, potenza e carico nemmeno lontanamente avvicinabili a quelli odierni.

Quando venne studiato il DRS si era stimato che le turbolenze iniziassero a farsi sentire a circa 1 secondo di distanza dal diretto avversario. L'apertura dell'ala avrebbe permesso di eliminare quell'effetto elastico che, fino al 2010, ti mostrava vetture avvicinarsi, salvo poi perdere terreno e riavvicinarsi, con possibilità di sorpasso in finestre ristrette a causa delle problematiche nel restare in scia (sia per aerodinamica che per meccanica).

Dal 2017 si è stimato che la perdita di carico si intuirebbe già da circa 2 secondi di distanza.
Prima di aumentare le zone DRS si era pensato di alzare la soglia di utilizzo, ma effettivamente sarebbe stato un vantaggio forse eccessivo.

Possono non piacere, ma questi sono i fatti e queste sono le ragioni del DRS.

Artificale? non più del push to pass, quantomeno a livello ideale.

In Francia non ha falsato in alcun modo la competizione, a meno che non si volesse vedere Vettel e Bottas intruppati dietro ad una Force India a mangiarsi le gomme.
Insomma, ha agevolato il sorpasso di vetture che viaggiavano mediamente con un ritmo fino ad oltre un secondo più lente al giro...

Il vero problema semmai è vedere tante volte vetture impossibilitate a difendersi per la differenza in fase di trazione a causa del consumo delle gomme.
Del resto il DRS è efficacie al massimo quando si va a sommare ad un degrado di gomme diverso dra inseguitore ed inseguito.
Per ritmi simili e degradi simili, diventa poco influente.

Poi sono questioni di punti di vista.
La vittoria di Ricciardo in Cina mi è sembrata molto più artefatta, così come quella del 2014 in Ungheria.
Per carità, belle gare, ma quale competizione c'è se un pilota si trova improvvisamente impossibilitato a difendersi?
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6829
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

Prossimo

Torna a Formula 1 2018

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 85 registrato il 09/05/2018, 20:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti