Il futuro pilota Ferrari

Discussioni di carattere generale sul sito, news, eventi etc.

da 330tr » 11/08/2018, 14:53

groovestar ha scritto:Ma tutti questi giovani che darebbero la paga a finlandese senza orgoglio in che categoria corrono esattamente?
Chi sono, i giubilati di altri top team?

E del pavido e bizzoso Vettel dimentichiamo come ha raddrizzato le stagioni 2010 (ricca di errori) e 2012, battendo Alonso cuor di leone?


1) Chi dovrebbe dare la paga a Rai, e perché? Egli è perfetto marchingegno della Ferrari Vetteliana. Un duo potenzialmente immutabile ed eterno.
Leclerc, vola verso altri lidi che i senatori la "cadrega" te la fanno vedere col binocolo. Viva i giovani.
2) Mi par di ricordare cori monocordi di ferraristi accusare il tedesco di correre su un'astronave, contro Sant'Alonso a far miracoli su una carriola scassata senza una ruota. Ma sicuramente ricordo male.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da groovestar » 11/08/2018, 17:45

La memoria dovrebbe essere utile anche per ricordare che nel 2016 tutti volevano Bottas al posto di Räikkönen perché “chiunque può far meglio e la Ferrari ha bisogno di due prime guide”.

Bottas...
Non mi pare che il finlandese abbia mostrato di essere qualcosa in più di una seconda guida.

Poi ricordiamo quanti podi consecutivi ha fatto Kimi, a volte raddrizzando gare nate male?

Poi ovvio: Kimi buca là pole a Baku, ed è da appiedare.

Se prende 3 decimi da un mezzo pilota come Vettel, meglio cambiare!

Poi è bellissima la parabola di Alonso: le sue auto erano talmente pessime da permettergli di lottare 2 anni su 5 per il titolo.
2 anni in cui Alonso si presentava nel finale di stagione avanti a Vettel.
Ma non si possono paragonare le Ferrari attuali con quelle di Alonso (poi lui si che aveva un compagno di box competitivo si tempi!).

Ogni tanto il dubbio che qualcuno legga i risultati delle gare, invece di guardarle, viene...
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7044
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da 330tr » 11/08/2018, 18:21

Pazzesco come possano esistere memorie opposte e inconciliabili..io ricordo invece come l'ipotesi Bottas in Ferrari abbia "scatenato un coro" di mugugni e malumori, dato che il finlandese andava esattamente come Massa pur essendo molto più giovane. :think:
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Laffite26 » 12/08/2018, 2:33

330tr ha scritto:
Laffite26 ha scritto:Kimi Raikkonen è stato l'ultimo pilota che ha portato il titolo in Ferrari.Questo molti tendono a dimenticarlo

La Ges lo ha sempre trattato con rispetto da punto di vista professionale e umano. Non è un piantagrane e questo aspetto fa comodo ad ogni squadra.Credo che la decisione di un eventuale rinnovo sta a lui prenderla,se accettare o meno.


Raikkonen è stato licenziato per mancanza di risultati una prima volta senza tanti complimenti, e Monty lo criticava ogni 3x2 dicendogli di svegliarsi dal torpore. Gare anonime, sonnacchiose, e alla fine giro più veloce. Inconcepibile. Bisognerebbe ricordarsi pure di questo..
Rai corre solo se gli va. È un pilota arrivato, e lo è da 10 anni.
Ci sono fior di giovini con la bava alla bocca e il coltello tra i denti pronti a giocarsi l'esistenza per dimostrare di saper vincere, da Kvyat a Giovinazzi a Leclerc.
E poi c'è lui, un anziano campione, gregario per eccellenza, capro da sacrificare senza scrupolo alcuno sull'altare di Vettel, Barrichello 2 con ancor meno probabilità di vittoria.
E Vettel ne è, giustamente, entusiasta, dopo essere riuscito a "domarlo" non senza difficoltà e incidenti fraticidi orrendi (vedi SPA un paio di stagioni fa).
In una Ferrari vettelcentrica Raikkonen il "senzorgoglio" è secondo pilota vita natural durante.
E Leclerc un problema.


Messa così sembra che Raikkonen sia diventato campione del mondo per caso e che adesso sia una copia di Max Chilton.
Montoya, pilota che apprezzavo tantissimo perchè davvero pochi erano veloci come lui,alla fine non è stato riconfermato in McLaren,anzi fu licenziato anzitempo. Da quel che dice doveva essere il finlandese a fare armi e bagagli ma così non è stato.

E'verissimo comunque che dopo il 2007 Raikkonen ha subito un involuzione preoccupante,appagato dal suo titolo e poi ripiombato nel torpore parzialmente mitigato dall'entusiasmo del suo ritorno con la Lotus. Però si parla pur sempre di un pilota che fino all'ultimo ha conteso il titolo a Schumecher nel 2003,di uno che se non avesse avuto una McLaren nel 2005 senza problemi di affidabilità molto probabilmente avrebbe battuto Alonso. Sono questi i risultati grazie al quale è arrivato in Ferrari e non mi pare che a Maranello scelgano i piloti sfogliando una margherita.

Su Bottas però avrei avuto qualche rimpianto che non sia arrivato in rosso nel 2016 sostituendo Raikkonen.I fatti dimostrano che è più veloce del connazionale e il lavoro che sta portando avanti in Mercedes lo giudico egregio. Non vale certamente Hamilton ma a volte sa mantenergli testa. Avrebbe fatto comodo a Maranello perchè con le sue prestazioni sta facendo ricredere chi era prevenuto nei suoi confronti.
"A special hello to our dear friend Alain, we all miss you Alain."
Laffite26
Formula Renault
Formula Renault
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 04/10/2016, 23:23

da 330tr » 12/08/2018, 10:46

Ma nessuno mette in dubbio che Raikkonen sia stato un pilota fortissimo, tant'è che è un campione del mondo a pieno merito e titolo.
Quel che IO trovo sbagliato, innaturale, ed ebbi modo di esprimerlo più e più volte, è che un campione di adatti ad essere gregario, secondo, guardaspalle, pupazzo di una squadra che lo sacrifica per far vincere l'altro.

Ragionamento.

Nel ciclismo è capitato che il campione a fine carriera si "adatti" a tornar gregario.
Ricordo perfettamente Bugno portar le borracce. Lì il campione, organicamente superato da più giovani portenti, con senso di responsabilità, facendo parte di una squadra in lotta per la vittoria, si converta a "meccanismo" dell'insieme e grazie all'esperienza si metta a disposizione della nuova punta, consigliandolo sulle strategie eccetera.

La F1 è uno sport "solitario" che non è totalmente legato alla condizione fisica; l'essere atleta non è tutto. Il campione ha una "speranza di vita" ai massimi livelli maggiore, fino, grossomodo, ai 40 anni, cioè finché ha velocità di reazione adeguate.
Ecco perché è più difficile vedere la trasformazione di un campione in gregario. Ed ecco perché giudico innaturale che un Campione di F1 si abbassi a "portar le borracce" al capitano. Il Campione di F1 per me è "eterno", ha un'aura tale proprio perché può dimostrare le sue capacità per tutto l'arco della (seppur breve) carriera. E storicamente quando un pilota si accorge di non stare più al passo, semplicemente..emigra; il Campione da sempre si ritira, magari dopo un'ultima stagione difficile (Fangio, Lauda, Mansell ecc ecc ecc)
Raikkonen è un'eccezione.
Lo ripeto: è come se Scheckter avesse scelto di continuare dopo l'80 e nel 1991 fosse ancora compagno di Prost, suo secondo. Contronatura.

Su Bottas.
Ricordo l'alzata di scudi di TUTTI che dicevano: "cacchio, abbiam mandato via Massa e prendiamo uno che va uguale?? Ma teniamoci piuttosto Raikkonen!".
Il discorso non faceva una grinza.
Bottas oggi pare certamente più performente del finlandese, considerata la gerarchia delle vetture, e credo darebbe maggiori garanzie di "raccolta punti", e forse qualche gara l'avrebbe pure vinta. Ma tant'è, s'è scelta la continuità per far star tranquillo il capitano su cui s'è puntato anni fa.
E Leclerc diventa davvero un problema. Perché non è un secondo pilota, lui. Che farne?
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da groovestar » 12/08/2018, 12:51

Bottas è così più performante di Raikkonen che al giro di boa, a parità di ritiri, si ritrova dietro al ferrarista.
Non male per un pilota che ha fatto il suo tempo.

Così come non è male per un pilota finito già nel 2008, lottare ai vertici con una scuderia che ne prima ne dopo il suo arrivo, ha più lottato per la vittoria.

Ma poi dico io: guadagno decine di milioni di euro e corro con il team più prestigioso al mondo e forse con la vettura più performante e dovrei abbandonare perchè il mio status di ex campione del mondo non è rispettato quando mi si da un ordine di scuderia?
Esattamente in quale mondo accadono cose del genere?
Soprattutto quando si è terzi nella classifica iridata 2018 a 39 anni.

Su Bottas mi espressi ai tempi: perchè cambiare Raikkonen con un pilota del suo stesso livello, chiamato ad avere le medesime mansioni?
In Mercedes è una chiara seconda guida e si comporta molto professionalmente e con una maggiore aggressività del connazionale (che talvolta travalica nell'incidente), non certo il cavallo di razza. Anche lui sacrificato nei momenti buoni per "ragion di stato".

Quest'anno poi Kimi ha perso più punti a causa di errori del team rispetto ad errori commessi da lui.
Per il resto molti dei difetti che il finlandese ha, se li porta dietro dal 2001, compresa una minore aggressività rispetto a piloti che si sono formati in anni di kart e formule minori (sul punto rimando alla lettura del libro di Hill, che esplica come tale background, se non lo ottieni in tenera età, non lo otterrai mai).
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7044
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da orfeo68 » 12/08/2018, 17:46

Appena sopita la querelle tra i sostenitori di Alonso ed i suoi non estimatori, rimane viva la questione Raikkonen, le argomentazioni sono molte ed amio avviso non se ne esce fino a che non si mette da parte la fede sportiva per lasciare il posto alla razionalità.

Nel post precedente chiedevo su quale base si deve valutare un pilota? dal taglio di capelli? se ha una moglie "bona" se ha una bella decorazione sul casco? non sarà che il modo più indicato e vedere i suoi risultati?, certo a volte i risultati possono venir falsati da episodi di gara che vanno a compromettere una stagione, altre volte l'auto non permete di esprimersi al meglio e ci sta pure questa evenienza, ma quando un pilota e in squadra da 5 anni e non ha conra vinto nulla quale motivazione si può accampare? pur comprendendo la fede dei suoi estimatori Raikkonen e indifendibile.

Lo tengono in squadra per non disturbare il Sig. Vettel? beh contenti loro, a Maranello perderanno il mondiale perchè la pressione e tutta sulle spalle di Vettel e che pressione, non vincono da dieci anni, eppoi Hamilton quando serve ha sempre qualche decimo nel suo taschino da usare in extremis.
Stimo Vettel, grande professionista, buna gestione di gara e dei pneumatici, forse gli manca quella scintilla che possiede Hamilton.

Quindi che succederà il prossimo anno? correrà ancora Kimi in attesa che al museo Ferrari sia pronto il suo spazio?, vedremo Giovinazzi alla guida dei carrelli in sala mensa?, a Leclerk daranno il cappellino Ferrari firmato da Kimi? Arrivabene senza Marchionne cosa si inveterà visto che e stato solo esecutore delle direttive dello scomparso manager?, si, ne vedremo delle belle.
orfeo68
Rookie Driver
Rookie Driver
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 31/07/2018, 14:16

da groovestar » 12/08/2018, 18:41

Nel 2016 in molte occasioni si è mostrato più performante di Vettel, nel 2017 ha dovuto rinunciare a 2 vittorie e nel 2018 è terzo.

Perché sarebbe indifendibile?
Che risultati hanno tirato fuori i possibili sostituti?

Pérez? Bruciato in McLaren.
Ocon? Giubilato da Renault e messo in freezer da Mercedes.
Werlhein? Fuori dalla F1.
Sainz? È sotto contratto Redbull.
Kvyat? Siamo seri...

Giovinazzi è più veloce e consistente di Räikkönen?
Strano che non lo voglia nessuno Ferrari a parte.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7044
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da leon_90 » 12/08/2018, 19:35

orfeo68 ha scritto:vedremo Giovinazzi alla guida dei carrelli in sala mensa?


Niente più agriturismo?
Immagine
Avatar utente
leon_90
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 483
Iscritto il: 23/02/2015, 20:21
Località: Puglia

da 330tr » 12/08/2018, 20:53

:lol: :lol: :happy-jumpgreen:
Portapizza sempreinterra forever!!

Insomma, s'è capito.
Raikko per groove è intangibile ed eterno.
La "scuola" Ferrari serve a crear disoccupati.
In ogni caso tutto resta come piace a groove, nessun problema. Inutile polemizzare.
Vedremo il dinamico duo che combinerà. Con in testa il famoso motto "squadra che vince non si cambia".
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3915
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Skater » 12/08/2018, 21:33

Il problema è che continua a non vincere
Avatar utente
Skater
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 07/03/2016, 10:07
Località: Sesto San Giovanni

da leon_90 » 12/08/2018, 21:48

330tr ha scritto:"squadra che vince non si cambia".


vincesse, almeno :D
Immagine
Avatar utente
leon_90
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 483
Iscritto il: 23/02/2015, 20:21
Località: Puglia

da groovestar » 12/08/2018, 23:00

Sembra di essere su formula passion.
Che tristezza...
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7044
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Laffite26 » 12/08/2018, 23:01

Per taluni aspetti sia groove che 330 hanno ragione entrambi

Kimi nonostante tutto in Ferrari riesce comunque a rendere nonostante l'età e nonostante l'incertezza del suo ruolo. L'ambiguità di essere una seconda guida per cui Ferrari forse non ha trovato il coraggio di investirlo ufficialmente come tale (vedi il team radio di Budapest dove hanno usato un lungo giro di parole per comunicargli che doveva cedere la posizione a Vettel, differenza di quanto fecero perentoriamente con Massa e Barrichello anni fa) facendo finta di non sapere che non esiste un paritò di trattamento tra lui e Vettel.

Ma è anche vero che non si trovano ragioni per cui un campione del mondo si trovi da troppo tempo in un limbo iniquo dove basta solamente salire sul podio e mordere solo dove è strettamente necessario. E' vero che non si addice ad un fuoriclasse questo atteggiamento però mi ricordo che anche il grande Schumacher (precisiamo subito,era un altro pilota) decise di trascorrere tre anni in Mercedes facendo da cavalier servente a Nico Rosberg. A me personalmente ferì vedere un fenomeno del genere vivacchiare senza prospettive. Prost,Senna e Lauda mai avrebbero accettato di proseguire la carriera senza ambizioni e facendo da guardia spalla a giovani emergenti. Altri invece avevano aperto un proprio team rimanendo un pò defilati dai riflettori, vedi G.Hill e Fittipaldi.

In definitiva Raikkonen è garanzia di uno status quo che in Ferrari sono convinti che paghi ma è lo stesso Kimi consapevole di valere di più e meritare di più. Volere è potere. Dipende anche da lui

La Mercedes ora giustamente pensa di aver fatto un terno secco scegliendo Bottas. Pilota affidabile e concreto adattissimo a chinare la testa per proteggere il suo caposquadra. E se proprio Hamilton lo ha elogiato pubblicamente significa che accenni di lotta in casa Mercedes tra i due piloti sono praticamente inesistenti.
"A special hello to our dear friend Alain, we all miss you Alain."
Laffite26
Formula Renault
Formula Renault
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 04/10/2016, 23:23

da groovestar » 12/08/2018, 23:07

Sia Mercedes che Ferrari, consapevoli delle difficoltà di conferma/conquista dell’iride, hanno scelto un secondo pilota funzionale alle ambizioni della prima guida, ed utile a mantenere il clima nel team disteso e concentrato solo sullo sviluppo della macchina.

E non è un caso che i risultati dei due team siano in attivo, rispetto ad altre realtà.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7044
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

PrecedenteProssimo

Torna a Generale

cron
  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 85 registrato il 09/05/2018, 20:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti