Wembley-Azteca: Londra-Mexico 1970

GP2 Series, Rally, Nascar, Cart, IRL, Superbike, MotoGP etc etc

da sundance76 » 23/08/2012, 9:20

Dallo stadio di Wembley allo stadio dell'Azteca.

Nel 1966 i Mondiali di Calcio si svolsero in Inghilterra.

Nel 1970 erano stati programmati in Messico.

Il quotidiano inglese "Daily Mirror" allora, sulla scia della famosa maratona massacrante Londra-Sidney svoltasi nel 1968 e organizzata dal rivale "Daily Express", decise di organizzare un mega-raid che unisse i due Paesi organizzatori dei Mondiali di Calcio.

Una maratona ancora più lunga e dura della Londra-Sidney.

La nuova corsa venne denominata "World Cup Rally", lunga ben 25'000 km tra tutta l'Europa e il Sud/Centro-America.

Immagine

La Ford, che già stava vivendo nei rallyes un momento molto positivo grazie alle vittorie della Escort TC tra il 1968 e il '69, decise di mettere sul piatto ogni risorsa per vincere questo "Rally della Coppa del Mondo", e già nel 1968 ingaggiò il finlandese Mikkola (che sarà poi campione mondiale nell'83 con l'Audi).

Immagine

Immagine


Aggiungo anche un altro articolo, tratto da Motorsport blog.it:

[size="5"]Rally della coppa del mondo 1970[/size]

Immagine

I mondiali di calcio che stanno per cominciare in Germania ci danno l’occasione per parlare di un evento unico nella storia dell’automobilismo il rally della coppa del mondo 1970. L’occasione scaturì dalla vittoria ottenuta dall’Inghilterra nei campionati mondiali di calcio del 1966, e dalla difesa del titolo in Messico nel 1970, si decise di creare un gemellaggio tra Londra e Città del Messico attraverso un rally su grandi distanze che avrebbe attraversato le nazioni europee e sudamericane. La gara fu sponsorizzata dal Daily Mirror, e il percorso assai severo fu scelto con molta cura, si iscrissero più di cento concorrenti e le squadre ufficiali più preparate erano la Ford e la BMC, la prima preferì optare per vetture semplici e leggere con due uomini di equipaggio, mentre la BMC aveva scelto vetture più pesanti con tre uomini di equipaggio.

Immagine
La Ford di Jimmy Greaves

Oltre alla Ford con le Escort 1850 GT, e alla BMC con le Triumph 2.5 PI presero il via molte altre vetture come Citroen, Morris, Austin, BMW, Mercedes, addirittura delle Moskvich sovietiche, ed auto più pittoresche come un Buggy Volkswagen e due Rolls Royce. La partenza fu data il 19 aprile 1970 dallo stadio di Wembley con una cerimonia molto festosa, e le auto raggiunsero Dover e quindi la Francia, il percorso europeo benché lungo 7242 km venne considerato poco più di un allenamento, in attesa delle certamente più impegnative prove sudamericane. Le vetture attraversarono tutta l’europa fino alla Bulgaria, e quindi tornarono indietro e la prima sosta di riposo fu prevista a Milano, da qui si prosegui verso Lisbona ma solo 71 auto raggiunsero la città portoghese, molte furono fermate da guasti, incidenti e squalifiche.

Immagine
La Triumph 2.5 Pi di Paddy Hopkirk

Fino a questo punto conduceva Renè Trautmann su Citroen DS21 con due minuti di vantaggio sulla Ford Escort di Hannu Mikkola, le auto si imbarcano per Rio de Janeiro, qui iniziano le grandi difficoltà in Brasile e Argentina è autunno e oltre alla lunghezza delle varie tappe bisogna abituarsi alla polvere, alle alte temperature a livello del mare, al gelo e addirittura alla neve nei tratti di montagna. In queste difficoltà Trautmann danneggia la sua Citroen e cede il comando a Mikkola, in sudamerica il pubblico era incredibilmente numeroso ed entusiasta e si affollava per assistere al passaggio delle vetture non solo nelle città ma anche nelle campagne e ai posti di frontiera, dove le guardie svolgevano con particolare rapidità le pratiche doganali per favorire i concorrenti.

Immagine
Una sosta sulle Ande Peruviane

Nazioni che avevano avuto forti divergenze le appianarono momentaneamente in onore del Rally, e si dice che per l’occasione sia stata addirittura rimandata una rivoluzione. Non mancarono episodi di concorrenti trovatisi in una sparatoria a un passaggio di frontiera, molti altri concorrenti si ritirano in questa fase perché fuori tempo o privi di assistenza meccanica, l’unico a non avere problemi nonostante l’insidia del percorso è Hannu Mikkola. Niente riesce a fermarlo fossi, animali sul percorso, nuvole di polvere che rendono la visibilità nulla, Mikkola guidò cosi veloce da provocare le proteste del suo navigatore Gunnar Palm, al punto che minacciò di abbandonare l’auto se non si fosse dato una calmata. Andrew Cowan subisce un incidente, e i problemi meccanici e climatici a causa della lunghezza delle tappe si fanno sempre più drammatici, in Perù si disputa una speciale di 901 km dove dei concorrenti bucarono anche dieci volte, e Zasada su Escort sostitui l’avantreno della sua auto montando un freno a disco e uno a tamburo. 52 vetture raggiunsero Montevideo, 43 Santiago del Cile e 30 La Paz, durante questi percorsi si ingaggia un’avvincente battaglia per i primi posti tra Mikkola e Rauno Aaltonen su Ford, e Paddy Hopkirk e Brian Culcheth su Triumph, sono ancora in gara tre delle Moskvich, mentre un incidente ad una Citroen costò la vita al copilota, e la Escort di Greaves investi un cavallo imbizzarrito.

Immagine
L’insolita Rolls Royce Silver Cloud

A Panama arrivano solo 26 vetture, e Culcheth passa al secondo posto scavalcando Aaltonen, solo 23 concorrenti superstiti arrivano a Fortin prima del percorso d’onore di 322 km che li avrebbe portati a Città del Messico, dove allo stadio Azteca li attendeva Graham Hill. Il Daily Mirror dedicò tutta la prima pagina all’impresa di Mikkola, e molti continuano a ricordare la Londra Città del Messico come il rally di Mikkola, ma a contribuire al successo della gara non fu solo la bravura del pilota della Ford, ma molti altri fattori come la grande adesione del pubblico l’eccezionale lunghezza del percorso un totale di 25.750 Km, la varietà del fondo stradale, la partecipazione di equipaggi da tutto il mondo. Per la prima volta un rally includeva l’attraversamento della Pampas Argentina e delle Ande Peruviane e Boliviane. Per la Ford il rally fu un grande successo piazzando cinque vetture nei primi otto, e fu l’occasione per battezzare il nuovo modello “Mexico”, da allora si disputarono altri rally sulla lunga distanza, ma nessuno seppe uguagliare per durezza del percorso ed entusiasmo del pubblico in due continenti la Londra – Città del Messico del 1970.

Classifica Finale.

1- H. Mikkola/G. Palm Ford Escort 1850 GT
2- B. Culcheth/J. Syer Triumph 2.5 PI
3- R. Aaltonen/H. Liddon Ford Escort 1850 GT
4- P. Hopkirk/A. Nash/N. Johnston Triumph 2.5 PI
5- T. Makinen/G. Staepelaere Ford Escort 1850 GT
6- J. Greaves/A. Fall Ford Escort 1850 GT

Foto del titolo:i primi classificati si dirigono verso Città del Messico

Fonte: http://www.motorsportblog.it/post/785/r ... mondo-1970

Un bel filmato sulla gara:

http://www.youtube.com/watch?v=WdyoB2ZF7nE&feature=player_embedded
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7780
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da sundance76 » 24/08/2012, 8:15

Un sito francese che in 6 pagine racconta tutto il rally:

http://rcma.free.fr/escort/recit1.htm

Due anni fa per il quarantennale è uscito questo libro:

Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7780
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da sundance76 » 17/01/2013, 12:07

I due articoli che AS dedicò alla conclusione della massacrante maratona:

Immagine
Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7780
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da sundance76 » 14/06/2017, 9:19

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7780
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia


Torna a Mondo Motori

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale c’è 1 utente connesso :: 1 iscritto, 0 nascosti e 0 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 78 registrato il 02/09/2017, 14:38
  • Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti