JOHN SURTEES - il figlio del vento

Aneddoti, immagini, informazioni inerenti le vecchie stagioni

da avvocato » 15/03/2017, 19:10

Sì comunque Dragoni avrà le sue pesantissime colpe nell'addio di Surtees a Maranello, però Enzo Ferrari commise veramente un errore madornale nel cacciare il mitico John!
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 822
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da 330tr » 15/03/2017, 20:28

Per l'appunto...su Autosprint sono riproposte le 2 pagine dell'edizione '66 post licenziamento. Sono ancora sotto shock. Incredibile l'equilibrismo "psichedelico" dell'allora direttore, che si scaglia contro Dragoni prostrandosi a zerbino col drake...che, poverino (tesi allucinante) non ha potuto far altro che allontanare suo malgrado il pilota per riportare serenità in squadra, tra l'altro tra strette di mani, pacche sulle spalle e sorrisi. Bah.
La cosa che risalta è che fu chiaro fin da subito che quello era un mondiale già vinto buttato nel cesso.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2902
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da sundance76 » 15/03/2017, 20:52

L'apporto tecnico di John, e la sua capacità di messa a punto in una stagione di grandissimi cambiamenti come il passaggio tra i motori 1500 ai 3000, sarebbe stato più che decisivo. Anzi, inestimabile.

Ed Enzo Ferrari, aggirandosi ai box durante le prove di Monza, non avrebbe dovuto guardare in modo enigmatico il retrotreno della Brabham e le testate "Repco".
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7742
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 15/03/2017, 21:12

Io dico anche come pilota. A Monza vinse comunque una rossa con Scarfiotti, ma Surtees globalmente era secondo solo a Clark (che quell'anno correva con mezzo inferiore).
Visti i risultati con la Cooper non ho dubbi che John avrebbe vinto nel '66. E perché no, anche l'anno dopo, con buona pace dei carrarmatini australiani. Svuotando tra l'altro l'enorme attesa e pressione nei confronti di Bandini a Monaco...e la storia avrebbe preso tutt'altra piega; ma la stessa non si fa coi se...inutile aver nostalgia di ciò che non fu né mai potrà essere!
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2902
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da sundance76 » 15/03/2017, 22:48

Infatti il suo scorcio di stagione '66 alla Cooper-Maserati per me è uno dei suoi (tanti) capolavori.
Cooper non vinceva un GP da quattro anni. E con lui in pratica diventano vicecampioni del mondo (i punti totali furono superiori alla stessa Ferrari).
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7742
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 16/04/2017, 20:11

http://www.ilgiornale.it/news/sport/leroe-dei-due-mondi-che-streg-ferrari-1373988.html
Di Enrico Benzing.

Con John Surtees abbiamo perso l'ultimo campione dei due mondiali, moto e Formula 1; l'ultimo ad aver emulato le gesta di Tazio Nuvolari e di Achille Varzi, fino ad Alberto Ascari, nell'era moderna.
Ed è per me un immenso dolore, perché, d'un paio d'anni più anziano di lui, gli sono stato sempre molto vicino, specie nei momenti più difficili. Il tempo vola, si sa. Mi sembra ieri quando l'ho incontrato in un aeroporto - era in perfetta forma - e gli ho riportato alla mente gli episodi migliori: «Ricordi quando a Zandvoort, nel 1961, con una Cooper-clienti, contro le F1 ufficiali, hai fatto la pole position in 1'295?» Rideva divertito a quel revival. E, di rimando: «Ma tu come fai, dopo tanti anni, a ricordare con precisione, quel tempo-record?». Certi avvenimenti si imprimono nella mente e vi rimangono indelebili. Agonisticamente, i ricordi più strepitosi sono quelli del Nürburgring, con le sue 174 curve in 22 chilometri, e del Messico o di Monza. Sempre ai limiti quando massime erano le difficoltà. E in gioventù, all'epoca delle moto da gran premio, voleva sempre sapere dei campioni che l'hanno preceduto: E Bandirola? E Pagani? Con le quattro cilindri 500, come la sua MV-Agusta. E Duke, prima re delle Norton mono e poi dominatore con la Gilera a quattro cilindri? Quindi, la Ferrari: come guidava lui la 158 era fenomenale, pur essendo stato anche alla scuola delle grandi vetture Sport, potentissime. A un certo punto, in una svolta delle più delicate, Ferrari ha voluto perfino richiamarlo e diceva: «Lui che è il figlio del vento, può tornare al Nürburgring e vincere!».

Effettivamente, Ferrari aveva una vera adorazione per quel campione, che lo riportava ai tempi eroici dei grandi personaggi degli anni Cinquanta. Non ho mai capito alla perfezione quel duro passaggio del 1966, con quel suo brusco licenziamento. Ricordo il GP del Belgio a Francorchamps del 1966, con la Ferrari 3000: partenza in prima fila, accanto ai favoriti Stewart e Rindt, e la sua clamorosa vittoria. Un campione così non si può mettere alla porta. Ricordo la chiamata di Ferrari, a Maranello: non eravamo più di tre o quattro invitati. Che dolore. Anche perché non era tutto veramente chiaro. «E per noi, via Dragoni!», titolai sulla Gazzetta dello Sport. Anche se Dragoni era uno sportivo appassionatissimo, milanese, della Scuderia Sant'Ambroeus, divenuto ottimo direttore sportivo del Cavallino. Surtees era pallido e tesissimo. Solo dopo è affiorata la storia di lui come costruttore, anzi, pilota-costruttore alla Brabham. Si è parlato di disegni già in suo possesso e perfino di proposte fatte all'Ingegner Forghieri, il quale, da gran signore e pieno di gratitudine per Ferrari, non è mai entrato in argomento. Per Surtees, se così fosse stato, sarebbe stata una impresa favolosa, tanto più grande di quel piccolo team di F1 che poi è riuscito ad allestire.

Anche un grande campione può conoscere travagli complessi. Ma, avendolo conosciuto come persona leale, aperta e confidente, ho sempre respinto certe versioni. E da allora la sua parabola di grande uomo di sport veniva minata. Ora che se n'é andato, dopo anni di silenzio dignitoso, vorrei che fosse ricordato solo come il Figlio del vento, trionfatore delle competizioni più impossibili, con il suo pallore e il grande fuoco dentro. Credo proprio che, in quel momento e con quei mezzi, come pilota-costruttore avrebbe compiuto imprese eccelse, in termini più concreti e meritevoli, tali da entrare a grandi lettere nella storia degli sport motoristici.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2902
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

Precedente

Torna a Formula 1 Storica

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 78 registrato il 02/09/2017, 14:38
  • Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti