Pagina 1 di 16

Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 11:46
da Baldi
Immagine

Sto male

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 11:50
da 330tr
Oh mio Dio

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 12:15
da Jackie_83
Non passa settimana senza che capiti qualcosa di orribile sulle nostre strade

Osservando la foto temo che stavolta non andrà "di lusso" come la settimana scorsa...ma spero fortemente di sbagliarmi

Inviato dal mio Redmi 5 Plus utilizzando Tapatalk

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 12:33
da Baldi
E' un disastro immane.
E si potrebbe pure dire "annunciato".

L'Italia dei ponti crolla e continua a crollare e lo farà in futuro. Il cemento armato è a scadenza e le manutenzioni sono quasi zero.

Quel tratto autostradale era percorso tantissimo. Quante volte ci son passato io...
Ora di certo ci saranno serissimi problemi di viabilità.

La "lunga" Genova è divisa in due, si va anche per l'aeroporto.

Da qui, i "padani" saranno costretti a rientrare per la Serravalle", non oso immaginare il casino.
E, giuro, spero che i viadotti di quel tratto...

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 13:21
da Powerslide
Baldi ha scritto:Immagine

Sto male


Non sei solo :cry:
L'ho visto nascere quel belin di ponte. Prima, venendo da Milano, si usciva a Bolzaneto per riprendere poi l'autostrada per Ventimiglia, che allora si chiamava Camionale. La sua costruzione è stata bloccata per anni e anni perché un pilastro sarebbe finito sulla linea ferroviaria. Insomma per anni il Ministero dei Trasporti ha litigato col Ministero dei Trasporti :shock:
Poi infine l'opera fu completata. E adesso ......
Non ci credo: siamo da terzo mondo :cry: :angry-cussingwhite: :cry: :angry-cussingwhite: :cry: :angry-cussingwhite: :cry:

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 14:00
da duvel
Terribile :o e a mio modo di vedere assolutamente inconcepibile per un paese in teoria "avanzato". Non è il primo caso in questi ultimi tempi, ma stavolta il disastro è di ben altra portata.
E non lo chiedo per creare polemiche gratis (non è il caso) ma solo per un'opinione di chi magari è meglio informato: secondo voi ha qualcosa a che fare con le privatizzazioni?

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 14:11
da duvel

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 14:22
da 330tr
Io a Genova ho abitato 10 anni, laureandomi architetto.
Ho fatto quel ponte infinite volte.
E l'ho pure "studiato", o meglio a scienza delle costruzioni ci spiegavano la genesi e l'assoluta pericolosità della struttura.
Il tutto parte dalla "follia" ideativa di costruire gli elementi sottoposti a trazione, i tiranti, in cls armato anziché in acciaio.
Con lo scopo di EVITARE LA MANUTENZIONE a cui l'acciaio deve essere sottoposto.
Questo ipotizzando che il cemento armato...sia eterno!!
Quindi: tiranti enormi, pesantissimi, fortemente armati e chiaramente "in difficoltà" visti i carichi e il degrado a cui la parte cementizia è sottoposta negli anni, con infiltrazioni, ossidazione, rottura dei copriferro ecc.
Degrado accentuato dall'inconsueta mole e inusitata funzione "inversa" di questi "pilastri" al contrario..
Degrado ben visibile, conosciuto e monitorato, tant'è che da anni parti di tiranti erano stati supportati esternamente da cavi in acciaio, che però andavano a gravare complessivamente col loro peso, in un gioco perverso di rattoppi/nuove falle.
Evidentemente gli interventi sull'esistente erano palliativi. La struttura stava su per miracolo.
Dio ha tolto la mano, la deficitaria opera umana ha compiuto la triste parabola a cui era destinata sin dalla nascita, portandosi dietro un tributo terribile.
Vedremo le responsabilità di coloro destinati al monitoraggio, ma temo che i più siano """"felici"""" che il ponte non ci sia più.
Era veramente un enorme problema, che NESSUNO era in grado di affrontare. Coloro che piangono le vittime ringrazieranno l'infinita fiducia riposta nel cemento che si ebbe nei '60, e il timore e immobilismo dei nostri giorni.

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 15:06
da 330tr


Grazie, illuminante.
L'ing parla di "tranquillizzare, rassicurare". Chissà se gli addetti SAPEVANO ed han taciuto sulle reali condizioni del mostro.

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 15:30
da 330tr
Lo stesso ing interpellato oggi dopo la tragedia


Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 17:52
da Baldi
Diciamolo:
Certe cose erano risapure.

Io OGNI volta che ci passavo AUTOMATICAMENTE pensavo ad un cedimento strutturale.
Giuro, ogni volta. Se poi c'era pioggia e vento...


Ma, quando lo percorrevo da piccolo, con gli occhi di un bambino restavo solo incantato da cotanta possenza ingegneristiva. Lo giuro.

Arditezza costruttiva.



Ora, mentre scrivo, mi viene in mente solo ICARO

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 18:13
da Powerslide
L'ho percorso centinaia di volte, ma non mi è mai venuto in mente un possibile cedimento strutturale.
Quelle cose si vedono solo nei film americani, mica da noi!!!
E adesso? Adesso penso a tutti quegli altri viadotti a est e ovest di Genova, a tutti quelli sparsi per l'Italia.
Che immensa tristezza :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry:

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 18:21
da Baldi
Io sempre. Sempre.


E visto che periodicamente ne son crollati, di più piccoli se vogliamo.

Insomma. la mia fiducia su chi monitora è molto bassa.
C'è un gruppo di ingegneri su Face che posta foto di viadotti, ponti e piloni che fa paura. PAURA!

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 19:44
da gilles70
Che disastro !!!!!
da quello che avete scritto, purtroppo sembra che molti altri ponti possono fare la stessa fine.
Non pensavo che una cosa del genere potesse accadere in Italia. Ha ragione chi ha parlato di terrore mondo.

Re: Ponte sul Polcevera

MessaggioInviato: 14/08/2018, 21:16
da Laffite26
Volevo scrivere qualcosa per commemorare la memoria del Drake

Ma l'attualità dei fatti mi porta a considerare che la manutenzione sulle nostre strade è peggiore anche di quella del Camerun. Intanto della povera gente non c'è più.