Ponte sul Polcevera

Tutto quello di cui volete parlare e che non trova categoria, hardware, manifestazioni etc.

da groovestar » 14/08/2018, 22:23

Chi nel nord Italia non ha percorso quel tratto almeno una volta...
Non ci sono parole per esprimere l’amarezza ed il disgusto per una tragedia simile.

Ora non è il momento delle polemiche, ma di riflettere.

E smettere di guardare sempre dall’altra parte, sperando che vada sempre tutto bene.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7321
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Rovert » 15/08/2018, 14:23

L'ho saputo ieri sera in tarda serata, ero all'oscuro di tutto... Veramente agghiacciante
Avatar utente
Rovert
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 30/11/2010, 13:29

da 330tr » 16/08/2018, 4:46

L'articolo "assoluto", in cui si spiega meglio il perché e il percome

https://www.ilpost.it/2018/08/15/storia-problemi-e-critiche-del-ponte-morandi-di-genova/amp/

Mi pare interessante anche copincollare la relazione del 2009: nella “dichiarazione” ufficiale datata 29 maggio 2009, Autostrade per l’Italia afferma che l’opera non presenta problemi di carattere strutturale: “In più occasioni durante il dibattito è stato ventilato il tema della presunta vetustà del viadotto Morandi – si legge al punto 2.1.2.5, nella seconda parte della relazione conclusiva – Aspi più volte ha fornito garanzie sull’assoluta sicurezza e stabilità dell’opera, la quale, dopo essere stata sottoposta ad un importante intervento di manutenzione straordinaria negli anni ’90, abbisogna soltanto, come tutte le opere di un certo rilievo, di una costante manutenzione ordinaria con costi standard (circa 250.000 euro per anno).


https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/15/ponte-morandi-da-assoluta-stabilita-a-intenso-degrado-cosi-autostrade-cambio-in-soli-2-anni-il-giudizio-nei-report-ufficiali/4559928/

Vi propongo lo screenshot rassicurante del doc di autostrade per l'Italia
Allegati
1534391239192.jpg
1534391239192.jpg (121.05 KiB) Osservato 4106 volte
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4107
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da avvocato » 16/08/2018, 8:11

Il bilancio 2017 di Autostrade per l'Italia, a fronte di 4 miliardi di euro di fatturato, portava un utile lordo di 2,4 miliardi (miliardi leggete bene). Una percentuale di reddività superiore al 50%. Al mondo solo i mercati illegali (droga ed armi) hanno una percentuale di redditività superiore. Non esiste che io sappia (e di bilanci ne leggo tanti) attività legale in Italia con maggiore ritorno.

Avete ancora bisogno di riflettere?

Autostrade per l'Italia ha un solo obbligo, a fronte del pagamento del pedaggio: manutentare la linea autostradale. La vedete la linea su gomma a pagamento esistente in Italia, oppure trascorrete la giornata a meditare?

Avete ancora bisogno di riflettere?

Autostrade per l'Italia ha in questi venti anni di attività acquistato il 50% di Autostrade Spagna, l'aeroporto di Nizza e quote dell'Eurotunnel.

Avete ancora bisogno di riflettere? Guardate che con le vostre infinite riflessioni questa gente ha perpetrato quello che è sotto i vostri occhi, nel silenzio tombale dei mezzi di informazione posseduti in parte proprio dai proprietari di Autostrade per l'Italia.

Svegliatevi, anche se è già troppo tardi.
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 893
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da duvel » 16/08/2018, 9:51

C'è poco da controbattere :(
Anni fa il governo doveva far cassa e ha svenduto, accontentandosi di un paio d'uova ma rinunciando al pollaio.
Nel frattempo, "stiamo lavorando per voi"
:angry-cussingwhite:
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2060
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da Powerslide » 16/08/2018, 10:17

Nei miei 70 e passa anni di vita sono rimasto troppe volte schifato dagli insabbiamenti con cui mai si è fatta giustizia.
Però sono più spaventato dalla cultura dei processi sommari, dal dagli all'untore che se viene dai massimi livelli del Governo assume una valenza molto preoccupante.
Io credo che si posso e debba fare Giustizia (la maiuscola è voluta) senza per forza usare toni e atteggiamenti da barricaderi.
Tanti, troppi in questi giorni stanno speculando sulla tragedia, chi per convenienza politica, chi per accrescere la sua figura. Dal Governo, dall'opposizione, perfino dai conduttori televisivi.
Mi viene spontanea una domanda: il Procuratore Capo di Genova ha affermato, dopo neppure 12 ore dal crollo e senza verifica scientifica alcuna, che non si è trattato di fatalità, ma di responsabilità umana. O ha delle evidenze che tiene nascoste o crede che una laurea in giurisprudenza lo renda un tecnico.
Potrà anche avere ragione, anzi è probabile, ma un esponente delle Istituzioni dovrebbe astenersi da dichiarazioni simili.
Ciò detto senza preferenza politica alcuna.
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6303
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da groovestar » 16/08/2018, 11:36

Per quanto attiene al Procuratore, ritengo che sia in possesso di evidenze che a noi sono sconosciute o, per ragioni di indagine, taciute e che, quasi sicuramente, non attengono in alcun modo alla dinamica della tragedia.

Sul resto concordo al 100%: non si possono trarre conclusioni prima che venga fatta effettiva chiarezza su ciò che ha determinato il crollo e tanti, dalle istituzioni ai mezzi di informazione, dovrebbero tacere per rispetto delle vittime ed avere un maggior senso di responsabilità.

I processi sommari, dettati da ragioni politiche o di opportunità, sono disgustosi ed irrispettosi dello stato di diritto.

Parlare partendo da indici economici per emettere una sentenza equivale a dichiarare colpevole qualcuno solo perchè è brutto sporco e cattivo...

Tragedie di proporzioni immani come questa pretendono un rigore assoluto nella determinazione delle responsabilità e delle cause ultime dell'evento.
Ciò nel rispetto delle vittime e per evitare che situazioni del genere debbano determinarsi nuovamente.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7321
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da 330tr » 16/08/2018, 14:04

Parole. Qui ne esce devastata l'immagine dell'Italia nel mondo. È un danno umano, morale, economico colossale.
Lo Stato Italiano verificata l'inefficienza dell'affidatario Aspi deve farsi parte offesa e portargli via pure le mutande.
Spero che questo governo "rivoluzionario" faccia cose inusitate. Che l'era degli insabbiamenti e delle "tragiche fatalità" sia solo ricordo.
Non riesco ad essere garantista, in fatti di "fatalità programmatica" come questo.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4107
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da groovestar » 16/08/2018, 14:27

Nessuno parla di fatalità, ma prima di chiedere a qualcuno il conto, occorre capire cosa è successo e perché.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7321
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da avvocato » 16/08/2018, 14:41

Atlantia (la società che controlla Autostrade per l'Italia e che vedi soci la famiglia GAVIO e la famiglia BENETTON) in questi venti anni ha distribuito dividendi ai soci per sei miliardi di euro. SEI MILIARDI DI EURO.
Cosa significa tecnicamente distribuire dividendi ai soci? Significa che l'utile maturato al termine di ogni esercizio annuale, invece che essere reinvestito nell'ammodernamento dei cespiti e delle strutture della società, viene intascato dai soci. Se, in questi venti anni, solo l'1% di questa somma (DICONSI 1 PER CENTO) fosse stato destinato a migliorare la rete stradale a pagamento su gomma, non scriveremmo questi post.

Volete ancora riflettere?

La convenzione tra concessionario Autostrade per l'Italia e Stato è soggetta da venti anni a segreto di Stato. Segreto de che? E perchè? Chi lo ha stabilito? L'ex ministro Del Rio a gennaio 2018 ha rimosso questo segreto, non pubblicando però gli allegati più scottanti che regolamentano le tariffe e le condizioni per le loro modifiche.

Volete ancora riflettere?

Chi controllava la manutenzione ordinaria e straordinaria che eseguiva sulla rete Autostrade per l'Italia? Non c'era un organismo preposto che lo facesse, il controllo di chi manutenta un settore cosi delicato da un punto di vista pubblico era nessuno.

Volete ancora riflettere?
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 893
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da Baldi » 16/08/2018, 14:45

Powerslide ha scritto:Mi viene spontanea una domanda: il Procuratore Capo di Genova ha affermato, dopo neppure 12 ore dal crollo e senza verifica scientifica alcuna, che non si è trattato di fatalità, ma di responsabilità umana. O ha delle evidenze che tiene nascoste o crede che una laurea in giurisprudenza lo renda un tecnico.


Perchè potrebbe essersi trattato di una fatalità?
Che genere di fatalità?

Fatalità è un terremoto (ma sarebbe una concausa, non una fatalità)
Fatalità potrebbe essere un aereo che ci cade sopra per un incidente.
Fatalità (ma non sarebbe plausibile) è l'ipotesi ventilata di un fulmine. Che, per inciso non è attendibile e, in ogni caso, non dovrebbe generare comunque un crollo del genere.

E quindi mi chiedo: che genere di fatalità potrebbe essere mai stata?



Se non è fatalità allora è per forza una responsabilità umana.

Poi capire quale, è tutto un altro (enorme) discorso.



No ai processi sommari, chiaro. Ma qui, finalmente, dobbiamo davvero guardarci in faccia e chiamare le cose col loro vero nome.
Aspettiamo le indagini.
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10442
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da 330tr » 16/08/2018, 14:46

groovestar ha scritto:Nessuno parla di fatalità, ma prima di chiedere a qualcuno il conto, occorre capire cosa è successo e perché.

Verissimo.
Il problema è che, seguendo i tempi della giustizia italiana, potremmo non arrivare MAI a scoprire la verità.
Quindi?
Non si prendono provvedimenti fino al grado n di giudizio cassazione ricorsi a tribunali europei prescrizioni ecc?
Ponte crollato morte persone.
Fine.
Chi aveva responsabilità sganci e le concessioni siano tolte per gravissime inadempienze.
La giustizia penserà tra 80 anni morti tutti i protagonisti a verificare se l'ingegner Peppino ha mentito sulla relazione.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4107
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Pennywise » 16/08/2018, 15:01

Bando per lavori di aggiunta di nuovi cavi alle pile 9 e 10 (stessa tipologia di rinforzi fatti alla pila 11 negli anni 90)

http://www5.autostrade.it/applica/gare/ ... =IT&Lavori

Data scadenza presentazione offerte: 11/06/2018

Data presunta inizio lavori: settembre 2018

Il ponte non ha aspettato.
" Ferrea Mole, Ferreo Cuore "

" Unguibus et rostro "

" Chi osa vince "

" Mai discutere con un idiota (coglione), ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. " :clap: :bow-blue: ... 8-)
Avatar utente
Pennywise
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6975
Iscritto il: 26/07/2010, 16:01
Località: Al Mare

da Powerslide » 16/08/2018, 15:13

Baldi ha scritto:
Powerslide ha scritto:Mi viene spontanea una domanda: il Procuratore Capo di Genova ha affermato, dopo neppure 12 ore dal crollo e senza verifica scientifica alcuna, che non si è trattato di fatalità, ma di responsabilità umana. O ha delle evidenze che tiene nascoste o crede che una laurea in giurisprudenza lo renda un tecnico.


Perchè potrebbe essersi trattato di una fatalità?
Che genere di fatalità?

E quindi mi chiedo: che genere di fatalità potrebbe essere mai stata?


Faccio due esempi.

Il primo riguarda una cosa che non è fatalità, ma su cui si può riflettere.
Il ponte, molto probabilmente le funi di ferro all'interno dei tiranti, degli stralli, erano consumate. Il passaggio di un numero di autoveicoli molto maggiore a quanto preventivato in sede di progetto aveva accelerato la "fatica" del materiale. Queste funi però sono ricoperte dal cemento e non esistono tutt'ora metodi o attrezzature per misurarne lo stato di salute.
Che fare? Certo, chiudere il ponte per un limitato spazio di tempo, non più di una settimana, e fare dei prelievi sufficientemente invasivi.
Non so quanto l'avrebbero fatto a fronte di un rischio tutto da dimostrare.

Il secondo invece sarebbe proprio una fatalità.
Quel giorno tirava un forte vento (circa 35 nodi) che certamente faceva oscillare il ponte.
Contemporaneamente questi era investito da una marea d'acqua che oscillava con lui.
Ad un certo punto la quantità d'acqua che aderiva alla struttura si distaccava mutando così la massa vibrante di svariate tonnellate.
Ora ovviamente la struttura doveva cambiare la frequenza d'oscillazione, passandone molte, prima di ritrovare un equilibrio dinamico.
Se in questa fase incappava nella "sua" frequenza di risonanza il cedimento strutturale diveniva molto probabile.

Dico ciò senza voler assolutamente credere che quanto ipotizzato sia veramente accaduto, ma solo per dimostrare che a volte potrebbero esistere molte cause che al momento vengono trascurate.
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6303
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da avvocato » 16/08/2018, 15:47

Scusa Power se mi permetto, premettendo che non ho le tue competenze tecniche e che parlo assolutamente da profano.

Il Morandi progettò con queste tecnologie costruttive in quel periodo tre ponti: Genova, Libia e Venezuela. Quest'ultimo, credo nel 1964, vide una petroliera scontrarsi contro un pilone e crollare per una buona parte.

Se io giustifico ad un qualunque ingegnere strutturista la caduta del ponte venezuelano con l'impatto della petroliera, il tecnico ti risponderebbe che i piloni devono essere progettati anche per prevenire questa eventualità, perchè può capitare che una petroliera come una qualunque imbarcazione cocci contro in ponte: in sede progettuale questo va previsto proprio perchè, molto semplicemente, NON deve esistere la fatalità nel crollo di un ponte.

Analogamente, non esiste che il ponte di Genova crolli per la forza congiunta e dinamica di acqua e vento, l'acqua ed il vento per quanto forti non possono generare la fatalità del crollo. Ci sono materiali e calcoli, progetti da migliaia di anni che l'uomo utilizza per elaborare queste costruzioni, tranne i casi di palese errore progettuale oppure di utilizzo di materiale inidoneo a ciò, e quindi di palese errore umano.
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 893
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

PrecedenteProssimo

Torna a Off-Topic

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 107 registrato il 24/10/2018, 16:41
  • Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite