Mille Miglia - il mito delle corse su strada

GP2 Series, Rally, Nascar, Cart, IRL, Superbike, MotoGP etc etc

da sundance76 » 19/04/2020, 14:57

330tr ha scritto:Piccolo OT, mi fa sempre un gran piacere leggere i resoconti degli anni che furono, perché le vetture più prestigiose del Campionato del Mondo piloti sono "vetture da Gran Premio", G.P., le Grand Prix..
Negli anni d'oro era questa la terminologia corretta per denominare le macchine più spartane e veloci che correvano sulle piste più prestigiose..la formula utilizzata era una variabile poco interessante..formula peso del passato, formula cilindrata, formula mista, formula A, uno, due..poco importa.
Sono le vetture da Gran Premio!! 8-)


Sottoscrivo anche le virgole!
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 9423
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 19/04/2020, 22:17

Terza parte

Immagine

Immagine
La partenza


Domenica mattina ci alzammo alle 5 del mattino e un amico ci portò alla partenza, dov'erano i meccanici con la 3500 in attesa già scaldata, e anche se il tempo era bello il team manager Ugolini ci disse di aspettarci pioggia entro un'ora dall'inizio. Alle 5.54 scendemmo dalla rampa e partimmo, il nostro numero era 554, mentre Taruffi aveva 553, Collins 551, Castellotti 548 e Perdisa 547. Sebbene avessimo cercato di rallegrarci l'un l'altro suggerendo dove li avremmo superati tutti e due sapevamo entrambi che in realtà si trattava di dove Musso e Fangio ci avrebbero superato, poiché Musso stava iniziando due minuti dietro di noi, il numero 556, e Fangio era il numero 600, l'ultimo lontano. In poco tempo ho capito che Moss era tutt'altro che contento della macchina, perché stava guidando con molta cautela anche in curve aperte, e su alcuni dei dossi che avevo indicato come "a tavoletta" stava alleggerendo l'acceleratore. Il sottosterzo è una qualità che un passeggero non può percepire e solo osservando fino a che punto il guidatore gira il volante per una determinata curva si può capire quanto sottosterzo viene applicato. Al limite la perdita iniziale di aderenza viene avvertita istantaneamente dal guidatore, ma fino a quando la parte anteriore della vettura non riesce a cambiare direzione il passeggero non se ne accorge. Con un'auto sovrasterzante il passeggero può percepire ogni angolo di slittamento che le ruote posteriori sviluppano e può vivere con il pilota in ogni curva e situazione. Di tanto in tanto Moss mi lanciava lunghe occhiate ed era ovvio che la maneggevolezza era tutt'altro che piacevole, mentre sui rettilinei la tirava fino a 5.600 giri in quinta marcia (quasi 260 km/h) e la parte anteriore ondeggiava in modo orribile, così ho iniziato a capire perché alleggeriva sui dossi da fare in pieno. Nonostante i guasti del telaio, il motore funzionava bene e stavamo facendo un tempo ragionevole, ma niente a che vedere col tempo record, e arrivammo a Padova in poco più di un'ora, ma, proprio come Ugolini ci aveva avvertito, il iniziò la pioggia.

Fino ad ora pensavamo di aver avuto problemi, ma con la pioggia cominciarono per davvero, perché l'acqua si riversava da sotto la macchina e si alzava tra i sedili con uno spruzzo violento, così che oltre alla pioggia che ci batteva da sopra il parabrezza abbiamo avuto anche la pioggia battente verso l'alto dalla parte posteriore dei sedili. In pochi minuti fummo bagnati fradici e sotto il sedile di guida c'erano alcuni centimetri d'acqua. Non contenta di essere così intensa, era pure turbolenta, come se fosse stata sbattuta da una frusta per uova, e alla stessa velocità con cui cercavo di asciugare gli occhiali di ricambio per Moss, quelli che indossava diventavano inutili. Anche un'auto che corre dritta ad alta velocità può essere difficile sul bagnato, quindi non riuscivo a immaginare come stesse affrontando questa Maserati, ma ogni tanto vedevo la lancetta fino a 5.200 giri al minuto sul contagiri con la leva del cambio in quinta posizione. A questo punto avevamo superato alcuni dei concorrenti più lenti, ma naturalmente non avevo visto alcun segno degli altri piloti ufficiali. Su un lungo rettilineo prima di Ferrara ci stavamo facendo strada a tentoni a circa 210 km/h quando Musso ci passò sulla sua Ferrari a quattro cilindri da 3 litri e mezzo e come riusciva a vederci non lo potevamo immaginare, perché la pioggia stava davvero venendo giù forte. Un po' più avanti, su una sezione tortuosa, la pioggia si è attenuata un po' e abbiamo visto Musso proprio davanti a noi, e questo ha spronato Moss che ha ripreso e superato la Ferrari, forzando il muso della Maserati accanto a Musso mentre ci avvicinavamo ad una curva di una cittadina in modo che la Ferrari cedesse. Su un altro lungo rettilineo vicino a Ravenna abbiamo raggiunto una Ferrari da 2 litri che viaggiava a circa 190 km/h e lo spray e la beffa che s'innalzavano dal suo retro erano formidabili. Nulla che potessimo fare attirò l'attenzione del pilota, perché la strada era abbastanza larga solo per due auto e questo era concentrato nel rimanere esattamente al centro. Per due o più chilometri siamo rimasti sulla scia di questa macchina, e a volte l'acqua addirittura celava la sua coda rossa, che era solo circa una sessantina di centimetri davanti alla nostra macchina. Con uno sforzo da o la va o la spacca, Moss si fece strada al suo fianco, i pali di cemento sul mio lato della strada fastidiosamente vicini, quindi passammo e, al confronto, la semplice pioggia pareva una giornata asciutta. L'unico pensiero incoraggiante era che Musso avrebbe dovuto esibirsi in una simile performance, perché la strada era ancora dritta per miglia; non che gli augurassimo nulla di male. Poco prima di Ravenna, superammo John Heath che stava andando molto cauto con la sua H.W.M., anche se non sapevamo che sarebbe stata l'ultima volta che l'avremmo visto.

Il controllo di Ravenna lo superammo senza intoppi, la nostra carta fu timbrata mentre eravamo ancora in movimento, e poi scattammo di nuovo. Le strade erano come piste di pattinaggio ghiacciate in alcuni punti, e in alcune città i ciottoli erano così scivolosi che dovevamo attraversarli in punta di gas, perché accelerare avrebbe comportato un disastro. Scendemmo sulla costa adriatica, la pioggia non cessava mai e ora eravamo così bagnati che il freddo stava cominciando a farsi sentire, nonostante il calore del motore proveniente dalla paratia. La nostra bella scatola di biscotti e frutta era piena d'acqua e il cibo era diventato una pappetta, mentre guardavo le nostre bottiglie di succo d'arancia e sorridevo tra me, perché dovevamo già aver bevuto un litro di acqua piovana ed ero sicuro che stesse cominciando a filtrare attraverso i pori della mia pelle. Indossavamo indumenti impermeabili, ma era come se fossimo stati nudi, e se fossimo stati su un telaio senza carrozzeria non avremmo potuto essere più bagnati. Ho guardato Moss mentre scrutava sotto la pioggia e mi chiedevo cosa facesse continuare un pilota in tali circostanze, poiché a parte tutti i disagi fisici c'era l'ulteriore sforzo mentale di sapere che aveva un limite di sicurezza minimo o nullo con la macchina se avesse dovuto esagerare in una curva, mentre alcuni dei dossi avevano provocato orribili ondeggiamenti sul davanti. Ma continuò a spingere e, quando mi resi conto che tutti gli altri piloti soffrivano più o meno degli stessi problemi, vidi la Mille Miglia nella sua vera luce e cominciai a percepire un barlume del perché le persone vi gareggiassero e del perché si stavano rifiutando di abbandonare. Lungo la strada vedevamo macchine distrutte, alcune in fossati, altre sottosopra, un'altra con il muso attraverso un muro, una così lontana dalla strada in un campo che era difficile immaginare come ne sarebbe mai uscita di nuovo. Cominciai a capire che questa non era una corsa automobilistica, era qualcosa di molto più grande, molto più duro - era una battaglia tra la razza umana e tutte quelle cose che il suo brillante cervello aveva progettato. Qui l'Uomo stava cercando di dimostrare a se stesso che le macchine che aveva realizzato, le strade che aveva costruito, le case, i muri, i ponti, tutto quel che aveva creato, erano per il suo uso e che ne era padrone, ma la natura stava mettendo in atto tutta la sua migliore opposizione, e tutto ciò che l'Uomo aveva fatto con il suo cervello e le sue mani stava cospirando per ucciderlo. Se avessimo rinunciato ora, avremmo ammesso di essere stati sconfitti dalle nostre proprie creazioni. Potevo comprendere che dobbiamo andare avanti, dobbiamo combattere fino in fondo; questa non era una battaglia di un uomo contro un altro, era una lotta impossibile dell'Uomo contro se stesso, e rinunciare ora vorrebbe dire perdere parte della ragione di esistenza della razza umana.
Era solo sotto una pressione così tremenda che l'essere umano poteva dirsi soddisfatto di essere padrone della terra. Questa era più di una gara automobilistica, non stavamo correndo contro Musso, Castellotti o Fangio; sembrava che stessimo combattendo per il semplice diritto di continuare a vivere. Forse non saremmo stati abbastanza bravi per vincere questa battaglia, ma altri lo sarebbero stati, e ho sentito che chiunque stesse guidando questa, la più grande di tutte le battaglie, doveva andare fino in fondo, a prescindere da quanti fossero caduti sul ciglio della strada. Conoscendo i piloti da corsa come io li conosco, ero sicuro che alcuni di loro si sarebbero fatti strada, e potevo vedere chiaramente, forse per la prima volta, il motivo per cui un uomo guida un'auto da corsa in competizione.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4861
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 20/04/2020, 16:52

Quarta e ultima parte

Poco prima di Fano, su un altro lungo rettilineo, Musso ci passò di nuovo, e non potemmo stargli dietro, ma più tardi, dopo Senigallia, lo vedemmo sul ciglio della strada e il nostro primo pensiero fu che aveva rotto la macchina. Tuttavia, abbiamo visto che stava alleviando la sua vescica, perché correre con quella piena significa rischiare gravi lesioni interne in caso di una leggera botta. Mentre ci avvicinavamo a Pescara, la pioggia cessò e un debole sole si sforzò di sfondare le nuvole, e per gli ultimi 20 minuti prima di raggiungere Pescara le strade erano quasi asciutte, ma eravamo ancora fradici. Di fronte vedemmo una Maserati da 3 litri e, sebbene stessimo a 5.600 giri al minuto nella marcia più alta, non guadagnavamo nulla sui rettilinei. Dopo alcune curve ci avvicinammo abbastanza da riconoscere l'elmetto giallo di Perdisa, ma nonostante il nostro mezzo litro in più non riuscimmo a superarlo sul rettilineo. Dopo alcune altre cittadine lo prendemmo e ci mettemmo in scia giusto a Pescara, lo passammo in frenata per la curva a S oltre il passaggio a livello, e arrivammo al controllo e al nostro primo rifornimento di carburante proprio di fronte a lui. Nonostante le due auto Maserati fossero arrivate insieme, i meccanici fecero un ottimo lavoro, entrambi i serbatoi della nostra auto furono riempiti rapidamente e ripartimmo. Al pit ci dissero che eravamo al quarto posto di classe, ma solo al sesto posto assoluto, il fantastico von Trips era secondo sulla sua 300SL e Castellotti era in testa.

A soli cinque minuti da Pescara, diretti verso le montagne abruzzesi, la pioggia è ricominciata, e ancora una volta ci furono cambi di occhialoni e pulizie da fare per il pilota, e avevamo Perdisa sulla coda. Fino a Popoli ci siamo passati e ri-passati, ma mentre salivamo sulle montagne sulla strada per l'Aquila Moss iniziò a pestare un po' di più con la Maserati e ci scrollamo di dosso Perdisa, anche se era ovvio che la 3 litri si stava dimostrando molto più facile da gestire sulla strada bagnata e scivolosa. Su una curva avevamo visto la 300SL di von Trips, fuori strada e girata nel nostro senso, con il frontale distrutto, e sperammo che non si fosse fatto male, mentre in montagna ci imbattemmo in un'Alfa Romeo 1.900 accartocciata malamente contro il muro di sostegno. All'Aquila la pioggia si fermò di nuovo, ma solo per pochi minuti, poiché quando iniziammo la discesa verso Rieti riprese, e questa volta sul serio, con le nubi quasi fino al livello della strada. Poco prima di raggiungere Rieti la strada scende lungo il fianco della montagna in una serie di curve abbastanza veloci fino al villaggio di Antrodoco, che si trova ai piedi dei monti. Durante la discesa subimmo uno slittamento veramente notevole, durante il quale era abbastanza ovvio che Moss aveva perso completamente il controllo, ma per pura fortuna la macchina smise di scivolare prima che avessimo esaurito la larghezza della strada. A solo quattro chilometri dalla conclusione di questa discesa ai piedi della montagna approcciammo una dolce S destra/sinistra seguita da una brusca curva a destra, tutta in discesa. Tutto stava andando bene, a parte la pioggia torrenziale, e quando Moss entrò nella curva a S in linea retta attraverso l'apice, frenò, pronto per la curva a destra. I momenti successivi sono stati tra i più pregni che abbia mai vissuto.

Per un momento fugace le ruote anteriori si bloccarono sulla strada sdrucciolevole, tutta l'adesione delle gomme venne persa e l'auto scivolò impotente attraverso la strada verso la banchina destra. Con uno schianto clamoroso colpimmo un muretto di pietra, lo scavalcammo e iniziammo a risalire la sponda di terra sulla destra della strada. Per fortuna la macchina stava ancora andando dritta e abbattemmo una recinzione di filo spinato, e poi mi resi conto che eravamo a circa 45 metri sopra la strada, a 45 gradi rispetto all'orizzontale, e ero convinto che l'auto si sarebbe rovesciata lateralmente , perché potevo vedere Moss molto sopra la mia spalla destra. L'istinto, o l'allenamento in motocicletta, mi ha fatto raggomitolare e tenere le braccia piegate di sotto, poi ho sentito l'automobile riprendere l'orizzontalità ancora una volta e ricordo di aver pensato con sollievo che dopo tutto non si sarebbe ribaltata. Alzai lo sguardo appena in tempo per vedere che ora stavamo precipitando oltre il terrapieno, poi ci fu uno scorcio fugace della strada e davanti a noi c'era un muro di sostegno in cemento bianco e nero con pali e traverse, sull'esterno della curva secca a destra. Mi sono chinato, c'è stato un forte botto, una scossa e la macchina si è fermata. Tutto taceva, tranne il clacson, che suonava forte. Con un certo sollievo mi resi conto che almeno non eravamo in fiamme, poiché ero ben consapevole del grande serbatoio di benzina accanto al mio sedile. Come ci fermammo sentii Moss che urlava "Fuori, presto", e lo vidi saltare dalla macchina. Sono uscito velocemente e sono caduto di faccia tra gli arbusti e l'erba, e insieme ci siamo allontanati dal relitto, nel frattempo l'unico suono era la lunga nota singola del clacson elettrico e lo scroscio costante della pioggia battente.

Ci siamo assicurati che nessuno di noi fosse ferito e poi con cautela siamo tornati alla povera Maserati malconcia e abbiamo spento il circuito elettrico principale, che ha fermato il suono del clacson lasciando solo il rumore della pioggia. L'auto si era appoggiata di muso contro un albero a circa 45 metri dalla strada, ma lungo un pendio erboso inclinato a 60 gradi. Mentre risalivamo sulla strada, sentimmo avvicinarsi le macchine e vedemmo passare Musso e Perdisa, e facemmo cenno loro che stavamo bene. Quindi siamo tornati indietro e abbiamo esaminato il percorso del nostro volo incontrollabile, dal momento in cui abbiamo perso l'aderenza delle ruote anteriori. Abbiamo scoperto che il primo muro che avevamo colpito era alto circa 30 centimetri ed è stato su quell'impatto che ho capito che la nostra Mille Miglia era finita. Poi abbiamo guardato le tracce lungo la sponda a 45 gradi e ci siamo resi conto che se avessimo rallentato non avremmo mai percorso l'intera lunghezza e saremmo sicuramente finiti a testa in giù sulla strada. Alla fine del terrapieno avevamo superato un muro di 90 cm ed eravamo entrati a contatto con la barriera all'esterno della curva senza toccare la strada, poiché nessuno di noi ricordava di aver sentito un urto mentre atterravamo. Quindi Moss sentì che aveva un graffio sulla guancia destra e scoprimmo che il filo spinato gli aveva lasciato una linea sottile appena sotto l'occhio destro. Quando abbiamo trovato il parabrezza, il vetro dell'orologio che porta al polso destro e anche il vetro degli occhiali e l'elmetto graffiati, ci siamo resi conto di quanto fosse stato vicino a ferirsi seriamente. Poi abbiamo scrutato oltre il bordo della strada e ci siamo guardati immediatamente l'un l'altro, pensando entrambi la medesima cosa. La Maserati era poggiata col muso contro l'unico albero per molti metri intorno, e oltre l'albero il pendio di 60 gradi scendeva per circa cento metri fino al letto di un fiume disseminato di massi, con niente di più se non piccoli cespugli lungo la scarpata.

Fu in quel momento che mi ricordai della ballata "Alberi".

L'intero incidente era iniziato a circa 110 km/h e aveva impiegato circa 200 metri per esaurirsi, e il fatto che nessuno di noi avesse qualcosa di rotto e nemmeno contusioni si spiega solo con uno di quei colpi di fortuna che lasciano in vita alcune persone.

Non c'era niente che potessimo fare per l'auto, quindi, recuperando occhiali di ricambio, il nostro road-book e una banana solitaria, partimmo per andare a piedi verso Antrodoco, circa 3 chilometri e mezzo più in basso lungo la montagna. Proprio in quel momento sentimmo avvicinarsi una Ferrari, e poteva trattarsi solo di Fangio, quindi ci fermammo sul lato della strada e gli feci il segno "pollice su" e, sia benedetto il suo caro vecchio cuore argentino, si fermò per chiedere se fosse tutto a posto e ci offrì un passaggio sul sedile passeggeri fino alla città successiva. Con un cenno di ringraziamento e saluto gli ricordammo che teoricamente era lì per gareggiare, ma sorrise e scrollò le spalle, indicandoci che non aveva fretta e che sarebbe andato "a passeggio" fino alla fine. Fangio è troppo vecchio e saggio per buttarsi in condizioni impossibili, ovviamente non aveva alcuna intenzione di farsi male. "Il Maestro" sa quando e dove andare veloce. Abbiamo continuato a sguazzare lungo la strada e dopo un po' abbiamo incontrato alcuni degli abitanti del luogo che salivano, avendo visto l'auto apparire oltre il bordo della banchina dal basso.

Il nostro ritorno a Brescia oltre che un processo lungo e noioso, per mantenere un senso di umoristica proporzione, sarebbe stato pure una sofferenza.

Un concorrente su un'Alfa Romeo 1900 si fermò e ci diede un passaggio fino alla periferia di Roma, dove uno spettatore ci portò con una Fiat 1400 in un hotel. Apparivamo entrambi inzaccherati e tremanti dal freddo e dall'umido, e il direttore dell'albergo fu piuttosto sorpreso dalla nostra richiesta di una camera e un bagno all'ora di pranzo. Alla fine la nostra circolazione riprese a scorrere, mangiammo e chiamammo l'agente Maserati a Roma. In breve tempo arrivò con dei vestiti asciutti e, imballando i nostri indumenti da corsa fradici in carta da pacchi, prendemmo un taxi per la stazione. Mancavano cinque minuti prima che un espresso partisse per Bologna e mentre guardavo Stirling Moss in piedi alla biglietteria che comprava due biglietti per Bologna, con indosso un abito e un impermeabile in prestito, con un pacchetto legato con lo spago sotto un braccio, e il suo caschetto e gli occhialini sotto l'altro, scoppiavo dalle risate, perché questo era davvero il modo più divertente per finire una Mille Miglia, soprattutto ricordando come avevamo terminato la gara dell'anno scorso. Sul treno poi apprendemmo che Castellotti aveva vinto la gara e lo elogiammo per l'eccezionale coraggio e abilità.
Entro le 9 di sera eravamo a Bologna a telefonare al meccanico di Moss, Alf Francis, che stava a Modena e che ci venne a prendere con la sua Vanguard. I nostri problemi non erano ancora finiti, perché la pioggia persistente aveva gonfiato i fiumi e la strada principale era allagata. La polizia ci ha fatto fare una deviazione di 30 chilometri che terminava su un ponte che era stato spazzato via, quindi siamo tornati sulla strada principale e dopo un sacco di urla e strepiti ci siamo tuffati attraverso le inondazioni. Facendo turni alla guida siamo tornati a Brescia alle 2,30 del mattino, e siamo strisciati in albergo e quindi a letto sentendoci felici di essere vivi ma così stanchi che è difficile crederci.

Fine
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4861
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da sundance76 » 20/04/2020, 17:07

Emozioni e fatica, che a leggerle le senti addosso, grazie mille!
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 9423
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 20/04/2020, 17:15

Bella e rara foto a colori della partenza della Mille Miglia 1956. Sono le 5,54 del mattino. Jenkinson e Moss non sarebbero tornati a Brescia con questa auto..

Immagine
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4861
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Powerslide » 20/04/2020, 22:59

Grazie 330 bellissima lettura! :clap: :clap: :clap:
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6522
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da 330tr » 21/04/2020, 5:45

Prego!! :)
Per chiosa finale ho provato a cercare Antrodoco, il luogo dell'uscita di strada.. qualcuno tempo fa (1975) l'aveva già fatto ripercorrendo le strade della Mille Miglia (qui link al numero di Motor Sport), e quella porzione di strada pericolosa risultava già completamente trasformata, con un ponte che cancellava qualsiasi ricordo del preesistente..pure della vettura incidentata non ho trovato immagini, anche se la storia della vettura continua, e ad esempio qui, dove si racconta a grandi linee la sua storia dopo che Moss, "campione tedesco" (sigh..) l'ebbe incidentata... :doh:
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4861
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 08/05/2020, 9:08

Documento d'antan (spottone Alfa..anni '70?) sulla MM

https://youtu.be/8hXI6kYavjI
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4861
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da sundance76 » 01/02/2023, 20:16

A San Piero a Sieve è in programma la presentazione della nuova opera di Francesco Parigi, il nostro Pedro59, dedicata alla Mille Miglia.
Allegati
326435307_504724178466072_3889468466808714081_n.jpg
326435307_504724178466072_3889468466808714081_n.jpg (127.22 KiB) Osservato 3204 volte
325966695_560542112670749_4551875399181967072_n.jpg
325966695_560542112670749_4551875399181967072_n.jpg (196.42 KiB) Osservato 3204 volte
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 9423
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da leon_90 » 02/02/2023, 21:45

Purtroppo abito a svariate centinaia di chilometri di distanza, però faccio i miei migliori auguri a Pedro(Francesco) e complimenti per l'opera :clap: :clap:
Avatar utente
leon_90
GP2
GP2
 
Messaggi: 999
Iscritto il: 23/02/2015, 20:21

da sundance76 » 27/02/2023, 21:46

sundance76 ha scritto:A San Piero a Sieve è in programma la presentazione della nuova opera di Francesco Parigi, il nostro Pedro59, dedicata alla Mille Miglia.


Ecco la presentazione dell'opera al Ruote Classiche Club Prato:

https://www.facebook.com/ClubRuoteClass ... 8670115592
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 9423
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

Precedente

Torna a Mondo Motori

cron
  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 98 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 98 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 589 registrato il 17/01/2020, 0:54
  • Visitano il forum: Nessuno e 98 ospiti