Ferrari SF16-H

Forum dedicato alla stagione 2016 di F1

da 330tr » 03/08/2016, 13:29

Alettoni enormi, gomme pazzesche..se quest'anno sono le F1 più veloci di sempre o quasi, che roba diventeranno?
Ma soprattutto: perché?? Io devo ancora capirlo. Proprio non capisco l'utilità di far andare il doppio in curva 'sti affari da 1000 cavalli.
Si tratta di estetica fine a sé stessa? Di renderle più belle, più accattivanti (e benissimo, io sono un esteta) ma fregandosene dell'aspetto competitivo?(vero dramma attuale)

Boh..risposta non c'è, o forse si vedrà.. È l'era dei "regolamenti a casaccio". Potrebbe anche funzionare.. :?
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4262
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Niki » 03/08/2016, 14:18

Le ruote posteriori mi piacciono, da sempre le macchine da corsa sono sinonimo di gomme enormi. Quelle davanti invece no, devono essere più piccole delle posteriori. Dovrebbero tornare ai cerchi da 13".
Quelle di ora sembrano le gomme della 313 di Paperino.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da Rovert » 04/08/2016, 21:51

330tr ha scritto:Alettoni enormi, gomme pazzesche..

Boh..risposta non c'è, o forse si vedrà.. È l'era dei "regolamenti a casaccio". Potrebbe anche funzionare.. :?


Anche io ho avuto questa sensazione. Cercano in sostanza qualcosa che aiuti a stare in scia (perché il drs a volte non è efficace, soprattutto toglie motricità se aperto troppo presto o con rettilinei troppo corti) i piloti più veloci, e non si rendono conto che l'unico modo è eliminare il muso alto e quella lama di coltello sotto il cuelo dei piloti....?


Rovert su tapatapatapa
Avatar utente
Rovert
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1033
Iscritto il: 30/11/2010, 13:29

da 330tr » 05/08/2016, 8:23

Sinceramente non so se si tratta del muso, non penso abbia tutta questa importanza.. :think: ; se si fa mente locale per rendere possibile stare in scia avevano ridotto l'alettone posteriore e ingrandito l'anteriore. Hanno fatto un sacco di studi e ricostruzioni di flussi, il problema è cosa la macchina si lascia dietro e quanto è sensibile l'anteriore (con alettone ant più grande non è ulteriormente sensibile la vettura ai cambi di pressione? ).. Ora produrranno più turbolenza grazie alla maggiore sezione complessiva e alettone post più grande, senza correttivi. Guardassero gli States, Dallara ha fatto macchine poco sensibili. Alettoni (se proprio li vogliamo, io li toglierei) semplici, effetto suolo moderato per mantenere pressione negativa costante, insensibile alle scie.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4262
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Baldi » 05/08/2016, 8:43

Per non accusare negativamente la scia basterebbe abolire del tutto le ali, lasciando all'anteriore giusto una piccola superficie regolabile per trovare un bilanciamento aerodinamico adeguato.

La scia è dannosa nel momento in cui danneggia la "purezza" dell'aerodinamica.

Se togli importanza ad essa, togli gli effetti negativi della scia.
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Baldi » 09/11/2016, 12:51

Copio questo articolo preso dal sito f1grandprix.motorionline


Da Rory Byrne alla Dallara, tante voci e poche certezze: qual è il progetto Ferrari?
La Ferrari è chiamata a dare un sengale importante, ma il progetto 2017 resta un'incognita



L’ennesimo mondiale che volge al termine scandisce il tempo come l’orologio ingerito dal coccodrillo che terrorizza Capitan Uncino. E se la Ferrari sembra il vascello di Hook che naviga allo sbando, fresca e sempreverde appare una Red Bull formato Peter Pan, pronta a candidarsi quale squadra da battere nel 2017. Dal Cavallino il mondo della F1 si attende (sempre) una pronta reazione, per poi rimanere puntualmente deluso. La domanda, stavolta, è ancora più angosciante: chi firmerà la rutilante corazza rossa che accompagnerà in pista i prodi Vette e Raikkonen?

Brasile ed Abu Dhabi, gare dense di significato solo per due piloti, ovvero Hamilton e Rosberg. Ai due ragazzacci della Mercedes gli onori di giocarsi il mondiale, per il resto è già 2017. E mentre tutte le squadre s’affannano a fare proclami, ad illustrare i loro progetti tecnici d’avanguardia, a fregiarsi delle loro diarchie o triadi di tecnici super graduati, la Ferrari è lì in un angolino, con un motorista, seppur bravissimo, promosso nel ruolo di direttore tecnico e il progettista Simone Resta che sembra ormai lasciato solo al suo destino.

La SF16-H firmata dall’ex James Allison s’è rivelata essere un progetto fallimentare. Non può altresì definirsi una monoposto che soffre le alte temperature, in una disciplina che annovera tra i suoi capisaldi il calore delle componenti, dell’arsura dell’asfalto, della gomma incollata alla pista. Dire “Abbiamo una vettura di F1 che soffre il caldo” equivale a costruire una squadra di calcio con undici giocatori che non hanno fiato. E’ su queste basi, e da un foglio bianco che spaventa più che ispirare, che la Ferrari sta lavorando – nel più assoluto mistero – alla vettura della rivoluzione aerodinamica.

Noi ci affanniamo a difendere il podio conquistato da Vettel in Messico, inseguiamo le briciole, speranzosi di vedere quel cambio di passo tanto sdoganato da Marchionne al momento del suo insediamento a Maranello. Ma le voci di corridoio non lasciano ben sperare. La collaborazione con la Dallara non è stata smentita e allora vien da chiedersi come si potrebbe parlare di “grande fiducia nelle risorse interne” se poi ci si rivolgesse per l’aerodinamica ad un’azienda esterna.

Inoltre, nemmeno fosse il deus ex machina del teatro latino, la Ferrari – secondo i soliti beninformati – parrebbe essere vicina ad ingaggiare ancora una volta Rory Byrne nel ruolo di consulente, una figura che ormai oscilla tra il mitologico e il surreale. Ingegnere mitico degli anni d’oro, ma “salvatore della patria” poco efficiente già un po’ di anni fa, all’epoca di Fry e Tombazis. Non ha senso, nessun senso, pensare che un progettista in pensione, seppur un fuoriclasse del settore, possa risolvere con la bacchetta magica i problemi della Ferrari. Potrà dare valide indicazioni, ma queste vanno trasformate in fatti concreti.

In attesa di una smentita sull’ingaggio di Byrne, che difficilmente arriverà da parte di una Ferrari ultimamente alquanto criptica nella comunicazione, resta la sensazione che per chiudere il gap manchi sempre qualcosa. Di primo acchito è mancato un mercato tecnici portato avanti con l’intenzione di vincere. James Allison non è stato rimpiazzato da una figura di pari spessore e non sembra stiano per arrivare tecnici di alto livello da altre squadre. Il modello di lavoro orizzontale potrà essere anche una scommessa vincente, ce lo auguriamo, ma allora perché convocare ancora una volta Byrne? Lasciamo le leggende in pace, a pescare nei mari della Thailandia, e proviamo a guardare avanti, investendo e potenziando la scuderia. Facendo presto, perché il coccodrillo che fa Tic Tac s’avvicina…

Antonino Rendina
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da groovestar » 09/11/2016, 20:14

Le premesse di Byrne non sono certo ottime, visto che nel recente passato ha messo la firma sulla pessima F14T.
Anche affidarsi alla Dallara lo trovo sconcertante.
Possibile che un team come la Ferrari debba dipendere da una struttura esterna?
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7585
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Tangorfopper » 28/11/2016, 11:38

Avatar utente
Tangorfopper
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1310
Iscritto il: 09/02/2010, 14:53

da Baldi » 28/11/2016, 12:05

La notizia mi lascia molto perplesso.

Byrne è stato indubbiamente uno dei geni assoluti in F1 degli anni novanta/duemila.
Ma io credo che un progettista deve "restare sul pezzo" per rimanere sempre aggiornato su ogni nuova tendenza e nuova tecnologia da utilizzare.

Un Byrne che negli ultimi anni ha fatto un pò di consulenza ma che principalmente si è dedicato alla pesca subacquea per i paradisi tropicali mi lascia pensare che non potrà mai essere al top come può essere un Newey o un Costa.
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da groovestar » 28/11/2016, 13:10

Anche io sono molto perplesso, dato che gli aiutini una tantum non hanno affatto giovato alla rossa.

Il dubbio che mi viene scrivendo è che l'allontanamento di Allison possa essere dovuto all'esistenza di un team di lavoro parallelo che, in ogni caso, aveva come referente esterno Byrne.
Difficilmente un tecnico di peso come Allison avrebbe potuto accettare interferenze esterne dal suo ex capo progettista.

Questo spiegherebbe in ogni caso la scelta di Binotto come D.T.
E certamente Byrne sta lavorando alla vettura 2017 quantomeno dall'estate di quest'anno.

Non so cosa pensare.
Nel 2012 ha aiutato ha risolvere certi problemi della Ferrari, portando a migliorarne la competitività dopo un avvio disastroso.
Nel 2014 ha collaborato a creare quell'aborto della F14T, rivisitata poi con un motore più competitivo nella vincente F15T.

Di certo è l'unico nome spendibile sul mercato in questo momento.
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7585
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Jackie_83 » 28/11/2016, 14:52

La F14T è stata un flop disastroso, ma molto andava imputato ad un motore inguardabile

Sul telaio penso rimarremo con un grosso punto interrogativo

Inviato dal mio LT22i utilizzando Tapatalk
Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7175
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da groovestar » 28/11/2016, 19:28

Concordo.
Tuttavia aggiungo che la vettura 2015 ne era la ovvia evoluzione e non era tanto male
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7585
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da 330tr » 28/11/2016, 19:41

La f14ecc. era carente, anzi, completamente cannata per quanto riguarda la geometria della sospensione anteriore. Il tirante orizzontale la rendeva difficilissima da guidare, Raikkonen diventò pazzo. Per non parlare del "motore",con turbina mal dimensionata eccetera..
È bastato un ridisegno di telaio/attacco tirante per renderla una buona macchina, assieme alla rivisitazione del motore, unità motrice, fonte di energia e trazione, centro per la crazione di moto, PU o come diavolo lo chiamano... :mrgreen:
Poi è arrivato l'astruso nuovo modello, la folle sfqualcosa, che va solo col plenilunio dalle 5 alle 5 e un quarto con marte in gemelli...mai vista prima una macchina così lunatica e imprevedibile.. :|
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4262
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Jackie_83 » 28/11/2016, 20:10

330tr ha scritto:La f14ecc. era carente, anzi, completamente cannata per quanto riguarda la geometria della sospensione anteriore. Il tirante orizzontale la rendeva difficilissima da guidare, Raikkonen diventò pazzo. Per non parlare del "motore",con turbina mal dimensionata eccetera..
È bastato un ridisegno di telaio/attacco tirante per renderla una buona macchina, assieme alla rivisitazione del motore, unità motrice, fonte di energia e trazione, centro per la crazione di moto, PU o come diavolo lo chiamano... :mrgreen:
Poi è arrivato l'astruso nuovo modello, la folle sfqualcosa, che va solo col plenilunio dalle 5 alle 5 e un quarto con marte in gemelli...mai vista prima una macchina così lunatica e imprevedibile.. :|

Che...a sua volta è un'evoluzione aerodinamica della macchina dell'anno scorso ma con un nuovo tipo di sospensione

Non mi stupirei se la 2017 ripetesse le gesta della 2015 intervenendo solamente sulla sospensione e poco altro...

Inviato dal mio ASUS_Z00ED utilizzando Tapatalk
Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7175
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da bibo » 29/11/2016, 2:07

Beh Insomma meglio Byrne che niente. Sarà anche un tecnico un po "passato" però sul mercato non c'era poi molto da scegliere. Poi un impegno a tempo pieno mettendoci la faccia, credo sia meglio e diverso
da una semplice consulenza esterna, no? Almeno maglioncino ha iniziato a capire come funziona veramente la F1...e a Binotto facciamogli fare i motori che se la cava non male.
bibo
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 72
Iscritto il: 05/10/2008, 23:30

PrecedenteProssimo

Torna a 2016

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti