[13] GP d'Italia - Monza

Forum dedicato alla stagione 2014

da Baldi » 02/09/2014, 9:02

Ed eccoci qua, finalmente giunti all'appuntamento atteso tutto l'anno.



Iniziamo dal comunicato Pirelli in merito alle caratteristiche della pista viste dal punto di vista degli pneumatici.


Anteprima Gran Premio d’Italia: Monza, 4-7 settembre 2014


LE MESCOLE PIU’ DURE DEL RANGE F1 PER IL “TEMPIO DELLA VELOCITA’”

LUNGHI RETTILINEI, CURVE VELOCI E CORDOLI ALTI IMPEGNANO
MOLTO GLI PNEUMATICI

UN BASSO CARICO AERODINAMICO ASSICURA LA MASSIMA VELOCITÀ
DI PUNTA DELL’ANNO


Milano, 1 settembre 2014 – Monza è la gara di casa per Pirelli: si trova, infatti, a solo mezz’ora di auto dal quartier generale della società, a Milano, dove vengono progettate le gomme F1.

Con le sue famose curve veloci, come la Parabolica, e i lunghi rettilinei seguiti da chicane lente, dove sono alti i carichi longitudinali in trazione e frenata, il circuito italiano rappresenta una bella sfida per le gomme. Per questo motivo, Pirelli ha deciso di portare qui le due mescole più dure del range F1: il P Zero Orange hard ed il P Zero White medium.

Oltre alle forze scaricate, le gomme devono sopportare ulteriori stress derivanti dagli alti cordoli, tipici del circuito italiano. Proprio i cordoli vengono spesso sfruttati dai piloti per trovare la traiettoria più veloce, e lo pneumatico svolge un ruolo chiave nell’ assorbire gli impatti come parte della sospensione. Quest’anno, i nuovi regolamenti hanno ridotto i livelli di carico aerodinamico, per cui se da un lato le velocità in curva si sono ridotte, dall’altro le vetture raggiungono le più alte velocità di punta di tutto l’anno, sfiorando i 360km/h.

Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli: “Correre in casa è sempre una fonte di immenso piacere e orgoglio per noi, soprattutto perché molti dei nostri dipendenti, che normalmente non viaggiano per le gare, possono vedere i nostri pneumatici in azione.
La nostra gara di casa è anche una delle più impegnative dell’anno per gli pneumatici: non a caso, Monza è conosciuta come ‘il tempio della velocità’. Più un circuito è veloce più diventa impegnativo per le gomme a causa dell’ accumulo di calore che tutte queste forze determinano.
Le vetture corrono con un carico aerodinamico molto basso a Monza, per massimizzare la velocità di punta sui rettilinei. Questo ha un effetto sulle gomme: con un ridotto carico aerodinamico le monoposto tendono a scivolare di più; inoltre, si possono avere dei bloccaggi delle gomme nelle zone di frenata – un elemento chiave a Monza”.

Jean Alesi, consulente tecnico Pirelli: “Monza è la casa della velocitá. Cambiano le monoposto, le regole, i piloti, ma quando corri all’Autodromo la legge è una sola: trovare le migliori condizioni per gestire condizioni limite più vicine ai 400 che ai 300 chilometri all’ora.
Per esaltare la velocità massima sui lunghi rettilinei, serve un’aerodinamica estremamente scarica. Alettoni minimi, quindi, il carico aerodinamico va assicurato a livello meccanico. In queste condizioni, il lavoro numero uno per il pilota diventa salvaguardare al massimo gli pneumatici posteriori. Per riuscirci serve un assetto che garantisca buona trazione in uscita dalle chicane, altrimenti le gomme posteriori si usurano rapidamente e a quel punto anche la frenata si allunga molto, con danni terribili a livello di tempo sul giro.
Ma non basta. A quelle velocità pazzesche, quando si va a frenare si innesca l’effetto ‘lift’: si sente la vettura come se si sollevasse dall’asfalto. È una sensazione esclusiva di Monza: in certi momenti diventa difficile anche tenere la monoposto dritta in rettilineo.
Io ho amato moltissimo Monza. Specialmente quando vi gareggiavo con la Ferrari. Vi ho conquistato un paio di pole position, ho stretto la vittoria in mano fino a due colpi di sfortuna pazzeschi. Ricordo l’emozione di sentire il boato del pubblico in tribuna: indimenticabile. E correvo con un motore 12 cilindri: quest’anno, con il 6 cilindri turbo molto più silenzioso, i tifosi si sentiranno ancora meglio. Beati i piloti di oggi…”

Il circuito dal punto di vista degli pneumatici:

Come a Spa, anche a Monza viene scaricata molta energia sugli pneumatici. Sui rettilinei, la velocità massima può arrivare a toccare i 360km/h; nelle zone di frenata, in un breve lasso di tempo si scende invece fino ai 250 km/h: questo genera una decelerazione di 4,5g. Queste condizioni combinate aumentano la temperatura delle mescole fino a un massimo di 130 gradi sulla superficie del battistrada.

La P Zero White medium è una mescola ‘low working range’, capace di assicurare massime prestazioni anche a basse temperature. La P Zero Orange hard è una mescola ‘high working range’, perfetta per temperature più alte. La temperatura ambientale a Monza è generalemente mite; anche se, in passato, c’è stata qualche gara bagnata (lo scorso anno, ad esempio, cadde della pioggia prima dell’inizio della gara).

I piloti usano il carico aerodinamico più basso dell’anno, al fine di massimizzare la velocità sui rettilinei: elemento fondamentale per ottenere il giro veloce. Questo significa che gli pneumatici devono fornire tutto il grip maccanico necessario per tenere le monoposto in curva.

La strategia vincente dello scorso anno fu a una sosta: Sebastian Vettel, Reb Bull, partì con le mescole medium per poi montare le hard al 23° giro. Il pilota ferrarista Fernando Alonso usò la stessa strategia, arrivando secondo dopo essere partito dalla quinta posizione in griglia.
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Aviatore » 02/09/2014, 10:32

Speriamo di vedere una bella gara. Ai più acculturati tecnicamente chiedo: nella configurazione più scarica a Spa la F14T passava i 340kmh ergo era in cima o giù di lì alla classifica della speed trap :roll:
Però usciva dalla Source in modo osceno, palesando evidenti difficoltà di trazione :angry-cussingwhite:
Cosa ci si può aspettare da Monza?
:think:
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Baldi » 02/09/2014, 10:42

Sembrerebbe che alla Ferrari, per Monza, adotteranno una configurazione scarica.

Certo è che dalle chicanes bisognerà poter uscire veloci, eltrimenti ciccia......


Da dire che è altrettanto facile pensare che la stessa Red Bull rinnoverà la scelta scarica come ha fatto, positivamente, in Belgio.
E loro di downforce generata dal corpo vettura ne hanno eccome.
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Niki » 02/09/2014, 12:44

Baldi ha scritto:Sembrerebbe che alla Ferrari, per Monza, adotteranno una configurazione scarica.


E vorrei vedere pure che adottassero una configurazione carica o medio carico :mrgreen:
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da Baldi » 02/09/2014, 14:44

Niki ha scritto:
Baldi ha scritto:Sembrerebbe che alla Ferrari, per Monza, adotteranno una configurazione scarica.


E vorrei vedere pure che adottassero una configurazione carica o medio carico :mrgreen:


Tutto da vedere e naturalmente tutto è sempre relativo.

A Spa la Red Bull aveva un assetto aerodinamico molto scarico, molto di più del "normale" tenuto conto dei settori più guidati.

A Monza negli ultimi anni la Red Bull ha corse e vinto con un assetto molto carico, decisamente in controtendenza. E il trent ormai stava andando in quella direzione a Monza anche per gli altri.
Ora si dovrebbe tornare a ritenere vantaggioso un assetto scarico, o neglio, più scarico del normale, ossia stile "ali di carta velina".
Ed è quello che si intende per la Ferrari..
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da TANAO 73 » 02/09/2014, 15:51

Aviatore ha scritto:Speriamo di vedere una bella gara. Ai più acculturati tecnicamente chiedo: nella configurazione più scarica a Spa la F14T passava i 340kmh ergo era in cima o giù di lì alla classifica della speed trap :roll:
Però usciva dalla Source in modo osceno, palesando evidenti difficoltà di trazione :angry-cussingwhite:
Cosa ci si può aspettare da Monza?
:think:


Ogni anno c'e'sempre una grande attesa per questa gara,ma alla fine la corsa e'sempre noiosa....
Non vorrei esagerare,ma l'ultimo Gran Premio spettacolare di Monza e'stato nel 1976....
Io non ero presente,non andavo nemmeno all'asilo.. :),ma negli anni
sono riuscito a ritrovare parecchie registrazioni integrali dell'epoca.
Con il tempo ne ho riviste molte,ma ripeto,secondo me quell'anno fu l'ultimo davvero spettacolare...
:) :) :)
"Se mi fanno paura i più di 1000 cavalli della mia auto? Per me non c'è abbastanza potenza fino a che le ruote non slittano a fine rettilineo."
(Mark Donohue)
Avatar utente
TANAO 73
GP2
GP2
 
Messaggi: 858
Iscritto il: 28/12/2013, 10:02
Località: Autodromo di Monza (MB)

da Aviatore » 02/09/2014, 15:53

TANAO 73 ha scritto:
Aviatore ha scritto:Speriamo di vedere una bella gara. Ai più acculturati tecnicamente chiedo: nella configurazione più scarica a Spa la F14T passava i 340kmh ergo era in cima o giù di lì alla classifica della speed trap :roll:
Però usciva dalla Source in modo osceno, palesando evidenti difficoltà di trazione :angry-cussingwhite:
Cosa ci si può aspettare da Monza?
:think:


Ogni anno c'e'sempre una grande attesa per questa gara,ma alla fine la corsa e'sempre noiosa....
Non vorrei esagerare,ma l'ultimo Gran Premio spettacolare di Monza e'stato nel 1976....
Io non ero presente,non andavo nemmeno all'asilo.. :),ma negli anni
sono riuscito a ritrovare parecchie registrazioni integrali dell'epoca.
Con il tempo ne ho riviste molte,ma ripeto,secondo me quell'anno fu l'ultimo davvero spettacolare...
:) :) :)


Si vede che era un periodo magico in molti dicono che Zeltweg 1976 sia stata una delle più belle gare della storia della F1 :clap:
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Powerslide » 02/09/2014, 16:18

A me quello del '88 non era dispiaciuto :mrgreen:
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6394
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da TANAO 73 » 02/09/2014, 16:33

Un bel video appena postato dall'Autodromo che serve per "scaldare" le EMOZIONI(almeno per me che li dentro mi ci hanno portato fin da quando avevo 2 anni..)
8-) 8-) 8-) 8-) 8-) )
http://monzarace.tv/it/Autodromo
"Se mi fanno paura i più di 1000 cavalli della mia auto? Per me non c'è abbastanza potenza fino a che le ruote non slittano a fine rettilineo."
(Mark Donohue)
Avatar utente
TANAO 73
GP2
GP2
 
Messaggi: 858
Iscritto il: 28/12/2013, 10:02
Località: Autodromo di Monza (MB)

da Baldi » 02/09/2014, 16:54

A dir la verità l'edizione super bagnata con la clamorosa vittoria di Vettel con la Toro Rosso è stata notevole...
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Niki » 02/09/2014, 20:27

Monza è una delle piste più noiose, per cui le gare sono quello che sono.
Metteteci che ormai da anni a questa parte le "auto" sono anch'esse quello che sono, ed ecco il risultato.
L'unica è sperare nel diluvio.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da sundance76 » 02/09/2014, 20:51

Niki ha scritto: [..]

L'unica è sperare nel diluvio.


Uhm, però poi si sospende la corsa o si procede dietro alla Show-Car (alcuni ingenuamente la chiamano Safety car).
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8437
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da echoes » 02/09/2014, 21:40

Niki ha scritto:Monza è una delle piste più noiose, per cui le gare sono quello che sono.
Metteteci che ormai da anni a questa parte le "auto" sono anch'esse quello che sono, ed ecco il risultato.
L'unica è sperare nel diluvio.


Fosse stata in Austria o in terra germanica sarebbe stato uno dei circuti piu bello, difficile, tecnico, spettacolare del mondo... ça va sans dire... ;)
"E' l'eterno e sempre presente pericolo della morte a rendere sublimi le corse automobilistiche" (S. Moss)
Avatar utente
echoes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 08/06/2005, 23:00
Località: Bologna

da Aviatore » 02/09/2014, 21:45

echoes ha scritto:
Niki ha scritto:Monza è una delle piste più noiose, per cui le gare sono quello che sono.
Metteteci che ormai da anni a questa parte le "auto" sono anch'esse quello che sono, ed ecco il risultato.
L'unica è sperare nel diluvio.


Fosse stata in Austria o in terra germanica sarebbe stato uno dei circuti piu bello, difficile, tecnico, spettacolare del mondo... ça va sans dire... ;)


Beh oddio dopo la dipartita della seconda di Lesmo a Monza di tecnico cosa c'è rimasto, l'Ascari? Al netto della germanizzazione o meno del tracciato ;)
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da echoes » 02/09/2014, 21:54

Aviatore ha scritto:
echoes ha scritto:
Niki ha scritto:Monza è una delle piste più noiose, per cui le gare sono quello che sono.
Metteteci che ormai da anni a questa parte le "auto" sono anch'esse quello che sono, ed ecco il risultato.
L'unica è sperare nel diluvio.


Fosse stata in Austria o in terra germanica sarebbe stato uno dei circuti piu bello, difficile, tecnico, spettacolare del mondo... ça va sans dire... ;)


Beh oddio dopo la dipartita della seconda di Lesmo a Monza di tecnico cosa c'è rimasto, l'Ascari? Al netto della germanizzazione o meno del tracciato ;)


Penso che guidare e "tenere" quelle auto (o aeroplani al rovescio) a quelle velocità, senza l'ausilio di un buon carico, non sia una cosa per un Taki Inoue qualunque.

Sarà anche semplice, ma se vado a scorrere l'albo d'oro del Gp d'Italia di F1 non ci trovo molti pipponi, mi sembra quasi tutta gente d'un certo livello...
"E' l'eterno e sempre presente pericolo della morte a rendere sublimi le corse automobilistiche" (S. Moss)
Avatar utente
echoes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 08/06/2005, 23:00
Località: Bologna

Prossimo

Torna a 2014

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti