[17] - GP India - New Delhi

Discussioni inerenti la stagione di F1 2012

da sundance76 » 28/10/2012, 15:13

I frequenti episodi di piloti coinvolti in deleteri urti dovuti agli alettoni larghissimi che tagliano le gomme, mi fanno venire in mente un caso di quando le ali non c'erano ancora.

Al Gran Premio del Messico 1967, il futuro vincitore Jim Clark partì lentamente e alzò il braccio, ma Dan Gurney con la sua Eagle non potè evitare di toccare col muso gli scarichi sporgenti della Lotus, che bucarono il suo radiatore, decretandone il ritiro...
Curiosamente, Clark non soffrì di guai agli scarichi, rimontò e vinse.

Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8441
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Baldi » 28/10/2012, 15:26

[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
Io non ho la certezza. Voi l'avete?
Semmai complimenti!

Dico solo che potrebbe essere stato benissimo un detrito della pista.
D'altra parte non ci sono solo i pezzi di carrozzeria nel caso di incidenti, ma anche pezzi degli pneumatici (non sono solo gomma).


In ogni caso io dico che sarebbe curioso saperlo.

[/quote]


Ho la certezza di aver visto un fondo che toccava a 7 giri dal termine e a 5 si è alzato.

[/quote]

...difatti non era il fondo (integro) che toccava
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Die Mensch-Maschine » 28/10/2012, 15:33

[quote="Jackie_83"]
Altra cosa che mi è saltata alla mente è la capacità della McLaren di mettere in pista vetture potenzialmente da titolo per 3 anni di fila (2010, 2011 e 2012) per poi perdersi per strada e non finirci nemmeno vicino, forse la mancanza di Dennis al muretto si fa sentire  :confused1:
[/quote]

Esattamente. I risultati, tutto sommato buoni, della vettura hanno fatto da tappeto sotto il quale nascondere la polvere di una situazione "politica" interna al team letteralmente allo sbando. Finora la gestione di Whitmarsh è stata disastrosa, e questo è forse il motivo principale dell'addio di Hamilton.
Questa è la mia sensazione, forse mi sbaglio.
Fine esteta und kampionen di raffinatezzen.
Avatar utente
Die Mensch-Maschine
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2627
Iscritto il: 17/09/2007, 23:00
Località: Avia Pervia

da Baldi » 28/10/2012, 15:38

A questo punto però sarebbe molto interessante capire cos'è veramente quel curioso pezzo del sistema sospensivo anteriore della Red Bull "sgamato" dalle telecamere.
Più che sapere cos'è, il tipo di funzionamento.

Se si tratta (com'è probabile) di un pezzo del'elemento centrale della sospensione e se è davvero (magari qualcuno ha preso una bufala eh eh, non sarebbe la prima volta) ha un dispositivo pneumatico (o simile), potrebbe esser interessante capire se e come funziona.

Per quel che potremo saperne noi il pezzo può rivelare qualsiasi cosa: da un sistema di controllo dell'altezza da terra e comandabile durante la gara (!), a un semplice sistema di regolazione legale perchè modificabile sono quando consentito o ancora rivelare che questo elemento centrale (so di spiegarmi molto male) un sistema di "molleggio" pneumatico, magari per assorbile in un modo particolare i movimenti sospensivi.





Se io fossi la federazione non aspetterei nessuna denuncia di altri team, andrei a controllare di corsa.
Che poi potrebbero averlo già fatto da tempo.
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da groovestar » 28/10/2012, 15:45

Certamente il mondiale non è finito ed il gap con la Redbull è veramente minimale, però centrare 4 vittorie filate ha un che di devastante. Per vincere Alonso deve sperare di arrivare 3 volte su 3 avanti a Vettel in posizione di vertice, roba non facile, tuttavia se capitasse mai una sfortuna a Seb e partisse anche lui dalla quinta posizione, le cose potrebbero cambiare. Basterebbe un problema al motore, roba non certo improbabile per vederlo di nuovo in difficoltà.

Son altresì sicuro che esista un segreto in questa Redbull che ha permesso il doppio salto mortale a Vettel da Monza a Suzuka, anche perchè Valencia a parte, non si è mai vista una Redbull in vantaggio tecnico netto.
Legale o meno io son davvero perplesso, dato che McLaren e Ferrari mica sono stati fermi a guardare...
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7584
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Baldi » 28/10/2012, 15:47

[quote="Die Mensch-Maschine"]
[quote="Jackie_83"]
Altra cosa che mi è saltata alla mente è la capacità della McLaren di mettere in pista vetture potenzialmente da titolo per 3 anni di fila (2010, 2011 e 2012) per poi perdersi per strada e non finirci nemmeno vicino, forse la mancanza di Dennis al muretto si fa sentire  :confused1:
[/quote]

Esattamente. I risultati, tutto sommato buoni, della vettura hanno fatto da tappeto sotto il quale nascondere la polvere di una situazione "politica" interna al team letteralmente allo sbando. Finora la gestione di Whitmarsh è stata disastrosa, e questo è forse il motivo principale dell'addio di Hamilton.
Questa è la mia sensazione, forse mi sbaglio.
[/quote]

La Mclaren a inizio stagione sembrava la più solida come monoposto.

I principali top team avevano tutti qualche problema nel momento in cui si cercava in qualche modo di recuperare il carico dopo l'abolizione degli scarichi soffiati.
La Red Bull aveva perso competitività e prestazioni in maniera smaccata e lavorava sugli scarichi in mille modi ma senza riuscire a trovare una soluzione valida ed afidabile.
La Ferrari si era accorta di avere per le mani un "cancello"
La Mclaren aveva s i suoi problemi, ma sembrava avere più potenziale; salvo poi che nei primi GP è sembrata quella che, tra errori, pit stop sbagliati e varie sciocchezze in ordine sparso, s'era clamorosamente mangiata vittorie possibilissime.

Lo sviluppo dopo i primi GP ha palesato un regresso clamoroso; c'è stato un momento in cui Button non trovava l'assetto nemmeno rivolgendosi al Mago Othelma e anche Hamilton non scherzava. Vince a Montreal e poi sparische!

Dalla Germania la Mecca cambia molto e innova la monoposto. Per molti GP sembra una vettura schiacciasassi, fino a Monza.
Poi, letteralmente il baratro prestazionale.

Ferrari e Red Bull, a mio parere sembrano aver lavorato nettamente meglio e più proficuamente.
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da russora » 28/10/2012, 18:20

[quote="Baldi"]
[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
Io non ho la certezza. Voi l'avete?
Semmai complimenti!

Dico solo che potrebbe essere stato benissimo un detrito della pista.
D'altra parte non ci sono solo i pezzi di carrozzeria nel caso di incidenti, ma anche pezzi degli pneumatici (non sono solo gomma).


In ogni caso io dico che sarebbe curioso saperlo.

[/quote]


Ho la certezza di aver visto un fondo che toccava a 7 giri dal termine e a 5 si è alzato.

[/quote]

...difatti non era il fondo (integro) che toccava
[/quote]

Non metto in dubbio che la RB8 è forte, ma siccome negli ultimi 4 gp si distingue troppo da MC e F allora qualcosa di diverso ha.

.... Proprio santarelli non sono:



Michael Schmidt è uno dei giornalisti più rispettati della F.1. Il tedesco, sul sito di Auto Motor und Sport, ha tirato fuori un retroscena emerso a Budapest relativo al Gp del Canada che riguarda la Red Bull Racing. Un episodio che sarebbe stato svelato da una gola profonda della FIA che però ha voluto restare anonima. Cos’è successo a Montreal? Pare che siano stati sorpresi i meccanici della squadra di Milton Keynes ad effettuare delle regolazioni all’altezza da terra delle due RB8 mentre la monoposto era in parco chiuso. Una grave violazione regolamentare, dal momento che è vietato cambiare l’assetto fra le qualifiche e la gara. La FIA proprio per evitare le solite “furbate” ha imposto alle squadre di lavorare con strumenti ben visibili e facilmente riconoscibili, per dare modo ai commissari di verificare chi e come interviene sulle monoposto (quando ci sono delle rotture si può chiedere l’autorizzazione alla sostituzione di un pezzo).

MODIFICA FATTA CON LE DITA I meccanici della Red Bull Racing, invece, sarebbero in grado di variare l’altezza da terra modificando l’estensione del terzo ammortizzatore con le dita. Sono stati beccati dal commissario del box mentre simulavano di pulire accuratamente i bracci delle sospensioni. Insomma sono stati presi di nuovo con le mani nella… marmellata.

SMASCHERATI DALLA FIA Charlie Whiting e Jo Bauer, i delegati tecnici della FIA, subito informati sono intervenuti per far ripristinare le misure precedenti e hanno imposto alla squadra di Milton Keynes di dotarsi di strumenti adeguati, altrimenti sarebbe scattata una squalifica.

E SUBITO GRAZIATI La Red Bull Racing, quindi, è stata inspiegabilmente graziata in Canada, ma questo episodio testimonia come la squadra diretta da Christian Horner interpreti le corse: non bisogna essere dei complottisti per vedere quale sia l’atteggiamento dei “bibirati”, sempre pronti ad andare al limite se non ben oltre ai regolamenti.

LA FILOSOFIA DELLE FURBATE Questo episodio precede quello delle mappature di Hockenheim e il puntone al limite dei cinque gradi di incidenza a Valencia (è rientrato nella regolarità solo grazie alle tolleranze).
.....
Avatar utente
russora
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 14/05/2011, 17:21
Località: Boscoreale

da Niki » 28/10/2012, 19:03

In formula 1 il più pulito ha la rogna, e questo dalla notte dei tempi.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da groovestar » 28/10/2012, 19:33

Non è una novità che la Redbull adotti tante soluzioni oltre il limite, dai correttori del parco chiuso alle ali troppo flessibili alle mappature particolari.
Come sempre capita il trucco ci sarà, ma invisibile e così gli altri perdono tempo a spaccarsi la testa con alette particolari.

Secondo me hanno trovato il nodo per la gestione delle gomme, che permette loro di involarsi nella fase iniziale.

Sul resto quoto Power e Schumacher: io credo che Alonso potesse averne di più di quanto mostrato, ma abbia un po' tirato al consumo delle gomme. Certo il giro veloce ottenuto all'ultimo giro beffando Vettel è abbastanza emblematico di una vettura che ha ancora quel qualcosa in più da dare...
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7584
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Baldi » 28/10/2012, 19:52

[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
Io non ho la certezza. Voi l'avete?
Semmai complimenti!

Dico solo che potrebbe essere stato benissimo un detrito della pista.
D'altra parte non ci sono solo i pezzi di carrozzeria nel caso di incidenti, ma anche pezzi degli pneumatici (non sono solo gomma).


In ogni caso io dico che sarebbe curioso saperlo.

[/quote]


Ho la certezza di aver visto un fondo che toccava a 7 giri dal termine e a 5 si è alzato.

[/quote]

...difatti non era il fondo (integro) che toccava
[/quote]

Non metto in dubbio che la RB8 è forte, ma siccome negli ultimi 4 gp si distingue troppo da MC e F allora qualcosa di diverso ha.

.... Proprio santarelli non sono:



Michael Schmidt è uno dei giornalisti più rispettati della F.1. Il tedesco, sul sito di Auto Motor und Sport, ha tirato fuori un retroscena emerso a Budapest relativo al Gp del Canada che riguarda la Red Bull Racing. Un episodio che sarebbe stato svelato da una gola profonda della FIA che però ha voluto restare anonima. Cos’è successo a Montreal? Pare che siano stati sorpresi i meccanici della squadra di Milton Keynes ad effettuare delle regolazioni all’altezza da terra delle due RB8 mentre la monoposto era in parco chiuso. Una grave violazione regolamentare, dal momento che è vietato cambiare l’assetto fra le qualifiche e la gara. La FIA proprio per evitare le solite “furbate” ha imposto alle squadre di lavorare con strumenti ben visibili e facilmente riconoscibili, per dare modo ai commissari di verificare chi e come interviene sulle monoposto (quando ci sono delle rotture si può chiedere l’autorizzazione alla sostituzione di un pezzo).

MODIFICA FATTA CON LE DITA I meccanici della Red Bull Racing, invece, sarebbero in grado di variare l’altezza da terra modificando l’estensione del terzo ammortizzatore con le dita. Sono stati beccati dal commissario del box mentre simulavano di pulire accuratamente i bracci delle sospensioni. Insomma sono stati presi di nuovo con le mani nella… marmellata.

SMASCHERATI DALLA FIA Charlie Whiting e Jo Bauer, i delegati tecnici della FIA, subito informati sono intervenuti per far ripristinare le misure precedenti e hanno imposto alla squadra di Milton Keynes di dotarsi di strumenti adeguati, altrimenti sarebbe scattata una squalifica.

E SUBITO GRAZIATI La Red Bull Racing, quindi, è stata inspiegabilmente graziata in Canada, ma questo episodio testimonia come la squadra diretta da Christian Horner interpreti le corse: non bisogna essere dei complottisti per vedere quale sia l’atteggiamento dei “bibirati”, sempre pronti ad andare al limite se non ben oltre ai regolamenti.

LA FILOSOFIA DELLE FURBATE Questo episodio precede quello delle mappature di Hockenheim e il puntone al limite dei cinque gradi di incidenza a Valencia (è rientrato nella regolarità solo grazie alle tolleranze).
.....



[/quote]

Che abbia qualcosa di diverso (in senso lato) è ovvio: sta dominando. (!)


Che sia qualcosa di illegale io non lo so. So solo che di sicuro sarebbe più che opportuno un controllo accurato per verificarlo. Su questo non ho dubbi.
E sarebbe come minimo la cosa più normale che una Federazione debba fare. O per trovare dei furbastri, o per dissipare qualsiasi dubbio, che altrettanto nuoce.

Ma tirar fuori automaticamente l'equazione: Auto superiore = Auto illegale è facile.
Azz... allora la Ferrari dei bei tempi di Schumacher era da squalificare a prescindere!!!  :o



A parte gli scherzi.
Il senso del mio intervento era ed è semplice

Trovo che sparare a bruciapelo non appena si vede qualche scintilla, sia cosa gratuita, soprattutto se a dirlo per primi son i telecrinisti RAI!!!  :asd: 
difatti sembra sia stato un pezzo del fondo...
:D


In ogni caso: detrito o non detrito, fondo piegato o non fondo piegato, uno dei compiti principali di una Federazione e di un organizzatore sia quello di vigilare.
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da russora » 28/10/2012, 20:09

[quote="Baldi"]
[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
[quote="russora"]
[quote="Baldi"]
Io non ho la certezza. Voi l'avete?
Semmai complimenti!

Dico solo che potrebbe essere stato benissimo un detrito della pista.
D'altra parte non ci sono solo i pezzi di carrozzeria nel caso di incidenti, ma anche pezzi degli pneumatici (non sono solo gomma).


In ogni caso io dico che sarebbe curioso saperlo.

[/quote]


Ho la certezza di aver visto un fondo che toccava a 7 giri dal termine e a 5 si è alzato.

[/quote]

...difatti non era il fondo (integro) che toccava
[/quote]

Non metto in dubbio che la RB8 è forte, ma siccome negli ultimi 4 gp si distingue troppo da MC e F allora qualcosa di diverso ha.

.... Proprio santarelli non sono:



Michael Schmidt è uno dei giornalisti più rispettati della F.1. Il tedesco, sul sito di Auto Motor und Sport, ha tirato fuori un retroscena emerso a Budapest relativo al Gp del Canada che riguarda la Red Bull Racing. Un episodio che sarebbe stato svelato da una gola profonda della FIA che però ha voluto restare anonima. Cos’è successo a Montreal? Pare che siano stati sorpresi i meccanici della squadra di Milton Keynes ad effettuare delle regolazioni all’altezza da terra delle due RB8 mentre la monoposto era in parco chiuso. Una grave violazione regolamentare, dal momento che è vietato cambiare l’assetto fra le qualifiche e la gara. La FIA proprio per evitare le solite “furbate” ha imposto alle squadre di lavorare con strumenti ben visibili e facilmente riconoscibili, per dare modo ai commissari di verificare chi e come interviene sulle monoposto (quando ci sono delle rotture si può chiedere l’autorizzazione alla sostituzione di un pezzo).

MODIFICA FATTA CON LE DITA I meccanici della Red Bull Racing, invece, sarebbero in grado di variare l’altezza da terra modificando l’estensione del terzo ammortizzatore con le dita. Sono stati beccati dal commissario del box mentre simulavano di pulire accuratamente i bracci delle sospensioni. Insomma sono stati presi di nuovo con le mani nella… marmellata.

SMASCHERATI DALLA FIA Charlie Whiting e Jo Bauer, i delegati tecnici della FIA, subito informati sono intervenuti per far ripristinare le misure precedenti e hanno imposto alla squadra di Milton Keynes di dotarsi di strumenti adeguati, altrimenti sarebbe scattata una squalifica.

E SUBITO GRAZIATI La Red Bull Racing, quindi, è stata inspiegabilmente graziata in Canada, ma questo episodio testimonia come la squadra diretta da Christian Horner interpreti le corse: non bisogna essere dei complottisti per vedere quale sia l’atteggiamento dei “bibirati”, sempre pronti ad andare al limite se non ben oltre ai regolamenti.

LA FILOSOFIA DELLE FURBATE Questo episodio precede quello delle mappature di Hockenheim e il puntone al limite dei cinque gradi di incidenza a Valencia (è rientrato nella regolarità solo grazie alle tolleranze).
.....



[/quote]

Che abbia qualcosa di diverso (in senso lato) è ovvio: sta dominando. (!)


Che sia qualcosa di illegale io non lo so. So solo che di sicuro sarebbe più che opportuno un controllo accurato per verificarlo. Su questo non ho dubbi.
E sarebbe come minimo la cosa più normale che una Federazione debba fare. O per trovare dei furbastri, o per dissipare qualsiasi dubbio, che altrettanto nuoce.

Ma tirar fuori automaticamente l'equazione: Auto superiore = Auto illegale è facile.
Azz... allora la Ferrari dei bei tempi di Schumacher era da squalificare a prescindere!!!  :o



A parte gli scherzi.
Il senso del mio intervento era ed è semplice

Trovo che sparare a bruciapelo non appena si vede qualche scintilla, sia cosa gratuita, soprattutto se a dirlo per primi son i telecrinisti RAI!!!  :asd: 
difatti sembra sia stato un pezzo del fondo...
:D


In ogni caso: detrito o non detrito, fondo piegato o non fondo piegato, uno dei compiti principali di una Federazione e di un organizzatore sia quello di vigilare.
[/quote]

Concordo, ma si punta il dito contro la RB perchè non ci sono dei precedenti e sai chi nasce quadrato non può morire tondo....  :D
Avatar utente
russora
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 14/05/2011, 17:21
Località: Boscoreale

da depailler on tyrrell p34 » 28/10/2012, 20:24

non pensavo di leggere certi commenti proprio qui..non anche voi amici. ma pensate che se veramente la rebull fosse illegale la fia non farebbe nulla e gli altri se ne starebbero zitti? con tutti i soldi che ci sono in ballo? per favore non seguite la massa anche voi vi prego..che già cinoensa mazzoni & co. a sparare cavolate.
Presidente Official Dindo Capello Fan Club
editor http://motorsportrants.wordpress.com/
Avatar utente
depailler on tyrrell p34
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3020
Iscritto il: 08/07/2010, 10:21

da groovestar » 28/10/2012, 20:36

Può anche starci che nessuno abbia capito cosa ha in più, può anche darsi che sia qualcosa di perfettamente legale.

Certo partire dai sospetti per dire che c'è del marcio è un po' azzardato, però sicuramente è particolare il recupero fatto dalla Redbull nel giro di 4 settimane, considerando che anche la Ferrari è cresciuta (questo è innegabile, si guardi Monza e quanto visto oggi) e la McLaren era molto avanti rispetto a loro. Il tutto quando si è verso la fine della stagione ed ormai la performance dovrebbe essersi stabilizzata.
Qualcosa in più lo ha sicuramente ed è strano che nemmeno gli spioni della F1 se ne siano accorti, e sicuramente mi vien da credere che non sia solo aerodinamica.

Ma a parte ciò quello che vorrei sapere, a fine stagione, quali sono state le spese Redbull e se è rientrata nei limiti. Perchè l'alternativa potrebbe essere anche ricerca estrema senza badare a spese
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7584
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da russora » 28/10/2012, 20:46

penso che a toccare sia il fondo !
Allegati
sv.png
Avatar utente
russora
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 14/05/2011, 17:21
Località: Boscoreale

da gilles70 » 28/10/2012, 22:30

Imbarazzante anche oggi la performance delle Mercedes.
Lauda sembra aver preso il posto di Haug come si vociferava da un pò.
Sicuramente stanno pensando all'auto per il prossimo anno
ma arrivare in fondo senza problemi e fuori dai punti.....
Avatar utente
gilles70
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2655
Iscritto il: 03/07/2010, 17:42
Località: Olgiate Olona

PrecedenteProssimo

Torna a 2012

cron
  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti