[17] GP Abu Dhabi - Yas Marina Circuit

Discussioni sulla stagione 2009

da GTO » 05/11/2009, 17:54

[quote="Powerslide"]
...... Uno dei tanti modi per riciclare le immense ricchezze oggi possedute è quello del turismo ed a questo scopo Abu Dhabi si sta attrezzando. Capisco che, essendo il tuo campo, le opere costruite ti possano affascinare. Ma non è cosa loro, è tutta importata: basta pagare.
Che poi a noi sia impedito di tagliare una pianta o simili, è lo scotto che a volte si paga ingiustamente alla democrazia, in cambio delle tante in cui ci protegge....
[/quote]

Ma è vero anche che le aziende che vi lavorano sono per larga parte italiane (es. questa http://www.permasteelisa.it/) e ci fa comodo che il made in Italy sia così apprezzato nel mondo anche quello dei "signori del deserto"....anche perchè di questi tempi è più redditizio vincere appalti all'estero che in Italia (e il 4° ponte a Venezia insegna...la ditta che ha vinto l'appalto è fallita :drool:). :sneaky2:
               Immagine               [center]F O R Z A  F E R R A R I !
Avatar utente
GTO
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1936
Iscritto il: 09/12/2007, 0:00

da Baldi » 07/11/2009, 11:16

[quote="Powerslide"]
Baldi, condivido al 100% quello che dici. In particolare due cose: che siano le F1 attuali (e non solo quelle) a dover cambiare e non i circuiti; che i paesi arabi non siano affatto emergenti ed abitati da cammellieri.
Sul primo punto sfondi una porta per me aperta da sempre, sul secondo idem: sono "emersi" all'inizio degli anni '70 ed ora tengono per le palle il mondo intero. I loro Fondi Sovrani dispongono di capitali tanto ingenti da poter ricattare tranquillamente anche gli USA: cambiassero in Euro o in Yen i loro bond quotati in dollari, Obama diverrebbe bianco dalla paura. Che poi ciò sia accaduto per il volere e gli interessi di capitalisti e speculatori ai massimi livelli, con la connivenza di governi e delle Sette Sorelle (che poi 7 non sono perchè contano solo le quattro statunitensi), è un altro discorso che sarebbe OT in questo forum.
Il petrolio attualmente scoperto, a detta del presidente dell'ENI Scaroni, è sufficiente per i prossimi 80 anni e si presume di trovare altri giacimenti per i successivi 40. Io non mi preoccupo tanto ....... ma gli arabi, certamente e giustamente, sì. Uno dei tanti modi per riciclare le immense ricchezze oggi possedute è quello del turismo ed a questo scopo Abu Dhabi si sta attrezzando. Capisco che, essendo il tuo campo, le opere costruite ti possano affascinare. Ma non è cosa loro, è tutta importata: basta pagare.
Che poi a noi sia impedito di tagliare una pianta o simili, è lo scotto che a volte si paga ingiustamente alla democrazia, in cambio delle tante in cui ci protegge.

Quello che dici circa la scarsa passione di noi europei verso le corse è sacrosanto: l'ultima gara di GP2 del 2007 si svolgeva priva del supporto della F1 e l'autodromo era deserto. Per assurdo l'unico popolo, gl'inglesi, che ancora lo amano sono quelli che rischiano di non avere un GP nel prossimo anno. Di tutto questo diciamo grazie a Bernie.

Quando parlavo di "curve da pelo", mi riferivo ad esempio alla 8 di Istanbul, non certo alle vecchia Lesmo 2.
Da Tilke vorrei solo che non fosse obbligato (sempre da Bernie) ad asfaltare le vie di fuga: resterebbe almeno il timore di doversi ritirare. Quando dici che li progetta al meglio per tentare di offrire spettacolo con le attuali F1 dici la verità. Ed è una verità molto triste.
[/quote]

...parafrasando una frase celebre...

"ogni epoca ha la F1 che si merita..."
:'(
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10494
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Baldi » 07/11/2009, 11:26

[quote="Powerslide"]
Baldi Capisco che, essendo il tuo campo, le opere costruite ti possano affascinare. Ma non è cosa loro, è tutta importata: basta pagare.

[/quote]

bè... cose del genere son sempre capitate...

La Gioconda è francese perchè Francesco I l'ha commissionata a Leonardo, aveva i soldi e il potere per farlo...
e piu' in generale l'arte italiana veniva spesso ricercata dagli altri stati visto che in certi momenti storici era quanto di meglio esistesse al mondo...

analogamente, ogni qualvolta artisti di una certa nazione si rivelavano al top in arte, tecnologia, letteratura o quant'altro... venivano ricercati da quei paesi che di volta in volta avevano il potere politico ed economico per goderne.

...San Pietroburgo non l'hanno fatta certo i russi...  ;)
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10494
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da sgarbo » 07/11/2009, 15:23

[quote="Baldi"]
Non sono i tracciati da cambiare ma le auto...
[/quote]


Io penso ci voglia una via di mezzo....le auto dovrebbero tendere all'errore, ovvero bisognerebbe vietare l'elettronica in tronco e mettere il cambio ad H con tanto di frizione a pedale (vediamo poi quanti tornano a casa senza averla bruciata in partenza), ma in tutto questo i circuiti dovrebbero anche loro penalizzare l'errore. Insomma, basta guardare il GP di Interlagos o Montecarlo (dove le ve di fuga non sono ancora così abominevoli) per renderci conto di come l'errore si paga. Il sorpasso (leggasi spettacolo) nasce da un errore fatto dal pilota a vantaggio di chi gli sta dietro nel 90% delle volte.....i contatti poi nascono dagli errori e diaciamocelo.....qualche ruotata ogni tanto (stile Alonso Massa Nurburgring 2007) ci piace di brutto.


Io dico sempre che se oggi la Formula 1 è un mito dipende dal fatto che fino a qualche anno fa era uno sport davvero estremo, dove chi partecipava sapeva di correre enormi rischi ma lo faceva. Oggi le macchine alla fine sono ancora rischiose, ma i tracciati non lo sono più, e a me sinceramente è questo che non piace....
1-5-1994:La fine di una storia,l'inizio di una leggenda.
Avatar utente
sgarbo
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 24/10/2005, 23:00
Località: varese

da Baldi » 08/11/2009, 12:10

[quote="sgarbo"]
[quote="Baldi"]
Non sono i tracciati da cambiare ma le auto...
[/quote]


Io penso ci voglia una via di mezzo....le auto dovrebbero tendere all'errore, ovvero bisognerebbe vietare l'elettronica in tronco e mettere il cambio ad H con tanto di frizione a pedale (vediamo poi quanti tornano a casa senza averla bruciata in partenza), ma in tutto questo i circuiti dovrebbero anche loro penalizzare l'errore. Insomma, basta guardare il GP di Interlagos o Montecarlo (dove le ve di fuga non sono ancora così abominevoli) per renderci conto di come l'errore si paga. Il sorpasso (leggasi spettacolo) nasce da un errore fatto dal pilota a vantaggio di chi gli sta dietro nel 90% delle volte.....i contatti poi nascono dagli errori e diaciamocelo.....qualche ruotata ogni tanto (stile Alonso Massa Nurburgring 2007) ci piace di brutto.


Io dico sempre che se oggi la Formula 1 è un mito dipende dal fatto che fino a qualche anno fa era uno sport davvero estremo, dove chi partecipava sapeva di correre enormi rischi ma lo faceva. Oggi le macchine alla fine sono ancora rischiose, ma i tracciati non lo sono più, e a me sinceramente è questo che non piace....

[/quote]

Per l'auto siamo un pò tutti d'accordo...

Sui tracciati dici bene, anche se parlerei di selettività... e non di pericolosità... ;)
Una pista non deve essere pericolosa (la F1 e gli appassionati hanno pianto anche già troppo) ma sicuramente selettiva.
Si!!!

meno asfalto fuori dalle curve ma sopratutto solo dopo avere auto che permettano il sorpasso e magari che permettano anche un certo margine  d'errore (in una qualche misura) per convincere il pilota a "provarci".

Se poi esagerano o son delle chiaviche, è giusto che stiano a marcire in mezzo alla sabbia!  :D

Riflettevo cmq che l'asfalto è stato pensato per far si che una certa percentuale di piloti venisse "conservata" per non dilapidare il numero dei piloti in pista (soprattutto in questo periodo di poche auto) e anche pèer permettere in una qualche misura ai piloti di "togliersi dall'impiccio" il più rapidamente e facilmente possibile...

Con le auto sulla sabbia sai quante SC uscirebbero?

Questo sempre con la testa rivolta alla sicurezza.

Una soluzione potrebbe essere del'asfalto ma molto corrugato... tanto da dissuadere i piloti ad approfittarne e non dar vantaggio a chi taglia o esce largo riuscendo ad avere la stesa accelerazione di chi invece stava coscienziosamente in pista.

Si manterrebbe la sicurezza ma si pensalizzrebbe che sbaglia o fa il furbetto.
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10494
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da echoes » 08/11/2009, 12:29

[quote="Baldi"]
[quote="sgarbo"]
[quote="Baldi"]
Non sono i tracciati da cambiare ma le auto...
[/quote]


Io penso ci voglia una via di mezzo....le auto dovrebbero tendere all'errore, ovvero bisognerebbe vietare l'elettronica in tronco e mettere il cambio ad H con tanto di frizione a pedale (vediamo poi quanti tornano a casa senza averla bruciata in partenza), ma in tutto questo i circuiti dovrebbero anche loro penalizzare l'errore. Insomma, basta guardare il GP di Interlagos o Montecarlo (dove le ve di fuga non sono ancora così abominevoli) per renderci conto di come l'errore si paga. Il sorpasso (leggasi spettacolo) nasce da un errore fatto dal pilota a vantaggio di chi gli sta dietro nel 90% delle volte.....i contatti poi nascono dagli errori e diaciamocelo.....qualche ruotata ogni tanto (stile Alonso Massa Nurburgring 2007) ci piace di brutto.


Io dico sempre che se oggi la Formula 1 è un mito dipende dal fatto che fino a qualche anno fa era uno sport davvero estremo, dove chi partecipava sapeva di correre enormi rischi ma lo faceva. Oggi le macchine alla fine sono ancora rischiose, ma i tracciati non lo sono più, e a me sinceramente è questo che non piace....

[/quote]

Per l'auto siamo un pò tutti d'accordo...

Sui tracciati dici bene, anche se parlerei di selettività... e non di pericolosità... ;)
Una pista non deve essere pericolosa (la F1 e gli appassionati hanno pianto anche già troppo) ma sicuramente selettiva.
Si!!!

meno asfalto fuori dalle curve ma sopratutto solo dopo avere auto che permettano il sorpasso e magari che permettano anche un certo margine  d'errore (in una qualche misura) per convincere il pilota a "provarci".

Se poi esagerano o son delle chiaviche, è giusto che stiano a marcire in mezzo alla sabbia!  :D

Riflettevo cmq che l'asfalto è stato pensato per far si che una certa percentuale di piloti venisse "conservata" per non dilapidare il numero dei piloti in pista (soprattutto in questo periodo di poche auto) e anche pèer permettere in una qualche misura ai piloti di "togliersi dall'impiccio" il più rapidamente e facilmente possibile...

Con le auto sulla sabbia sai quante SC uscirebbero?

Questo sempre con la testa rivolta alla sicurezza.


Una soluzione potrebbe essere del'asfalto ma molto corrugato... tanto da dissuadere i piloti ad approfittarne e non dar vantaggio a chi taglia o esce largo riuscendo ad avere la stesa accelerazione di chi invece stava coscienziosamente in pista.

Si manterrebbe la sicurezza ma si pensalizzrebbe che sbaglia o fa il furbetto.
[/quote]

ma tanto tempo fa non avevano inventato delle bandiere di colore giallo con il proposito di segnalare una situazione di pericolo?? ricordo male o con bandiera gialla esposta i piloti devono alzare il piedino dall'acceleratore e rallentare?? con i sistemi di telemetria e cronometraggio si sa subito se uno ha alzato il piede o no e a chi fa il furbetto non un drive.through, ma una bella penalizzazione di 10/15 secondi ai box, aggiungendo magari anche la minaccia di partenza dal fondo dello schieramento nel gp successivo a causa di un comportamento che mette in serio pericolo molte persone...secondo me sarebbero argomenti sufficientemente adeguati per convincere anche i piu' smaliziati a rallentare..ovviamente l'applicazione dev'essere dura per tutti, dal campione del mondo all'ultimo degli esordienti...  ;)

io continuo a vedere la SC come corpo estraneo alla f1...
Ultima modifica di echoes il 08/11/2009, 12:30, modificato 1 volta in totale.
"E' l'eterno e sempre presente pericolo della morte a rendere sublimi le corse automobilistiche" (S. Moss)
Avatar utente
echoes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 08/06/2005, 23:00
Località: Bologna

da sgarbo » 08/11/2009, 13:39

Per me la SC ci potrebbe stare....ma solo per incidenti davvero grossi con tanti rottami (più che altro perchè può segnalare ai piloti dove passare per evitare forature, dato che il carbonio va in mille pezzi e la visuale è molto ridotta per un pilota in condizione di pioggia).

Non ci sta però per incidenti di piccola rilevanza o all'inizio dei GP bagnati (al massimo la potrei accettare solo per la partenza, così partirebbero più scremati). Ricordiamoci sempre che la SC è un'invenzione americana, nata su ovale e lì effettivamente è utile perchè spesso si vengono a creare bagarre enormi e intervenire in pista per icommissari sarebbe davvero tragica in punti dove lagari c'è il banking è fai fatica a salire coi mezzi di soccorso).
1-5-1994:La fine di una storia,l'inizio di una leggenda.
Avatar utente
sgarbo
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 24/10/2005, 23:00
Località: varese

da Powerslide » 08/11/2009, 13:41

[quote="echoes04"]


ma tanto tempo fa non avevano inventato delle bandiere di colore giallo con il proposito di segnalare una situazione di pericolo?? ricordo male o con bandiera gialla esposta i piloti devono alzare il piedino dall'acceleratore e rallentare??

io continuo a vedere la SC come corpo estraneo alla f1...[/quote]

:thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup: :thumbup:
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6379
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da Pisy » 08/11/2009, 19:47

Le bandiere gialle sono l'unico segnale e sistema per rallentare le vetture e consentire la messa in sicurezza della pista, basta con l'utilizzo improprio della SC. Devono solamente essere rispettare. Ridicolo anche usare la SC per le partenze sotto la pioggia.
Avatar utente
Pisy
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 456
Iscritto il: 21/04/2005, 23:00
Località: Bologna

da Baldi » 09/11/2009, 18:49

[quote="Pisy"]
Le bandiere gialle sono l'unico segnale e sistema per rallentare le vetture e consentire la messa in sicurezza della pista, basta con l'utilizzo improprio della SC. Devono solamente essere rispettare. Ridicolo anche usare la SC per le partenze sotto la pioggia.
[/quote]

Quoto!

Ma sai com'è, ormai le F1 sembrano inadatte alla pioggia, anche mettendo un assetto apposito, si trovano ugualmente in difficoltà... pure con gomme moonson e piste piattissime...
è pazzesco...

D'altra parte ormai son progettate per andare forte e tanto nelle condizioni ideali, ragion per cui la pioggia è devastante...

Ma tu progettista che fai? Progetti un'auto quasi "ognitempo" ma lenta o preferisci realizzarla teoricamente perfetta in condizioni da asciutto... tanto c'è la SC?
...alla mal parata mascherandoti sotto la falsa maschera della sicurezza ad oltranza...
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10494
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Eagle » 09/11/2009, 18:56

Io ho l'impressione che la SC a volte venga usata per mischiare un po le carte, facendo andare a monte le strategie.
E superfluo aggiungere che lo trovo un sistema assolutamente antisportivo, e lo spettacolo che eventualmnte ne deriva, assai artificioso!
"mai attribuire alla malizia o alla malvagità quello che è già sufficientemente spiegato dalla semplice stupidità".
Napoleone B.
Avatar utente
Eagle
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1201
Iscritto il: 09/09/2009, 10:50

da GTO » 09/11/2009, 19:08

[quote="echoes04"]
[quote="Baldi"]
[quote="sgarbo"]
[quote="Baldi"]
Non sono i tracciati da cambiare ma le auto...
[/quote]


Io penso ci voglia una via di mezzo....le auto dovrebbero tendere all'errore, ovvero bisognerebbe vietare l'elettronica in tronco e mettere il cambio ad H con tanto di frizione a pedale (vediamo poi quanti tornano a casa senza averla bruciata in partenza), ma in tutto questo i circuiti dovrebbero anche loro penalizzare l'errore. Insomma, basta guardare il GP di Interlagos o Montecarlo (dove le ve di fuga non sono ancora così abominevoli) per renderci conto di come l'errore si paga. Il sorpasso (leggasi spettacolo) nasce da un errore fatto dal pilota a vantaggio di chi gli sta dietro nel 90% delle volte.....i contatti poi nascono dagli errori e diaciamocelo.....qualche ruotata ogni tanto (stile Alonso Massa Nurburgring 2007) ci piace di brutto.


Io dico sempre che se oggi la Formula 1 è un mito dipende dal fatto che fino a qualche anno fa era uno sport davvero estremo, dove chi partecipava sapeva di correre enormi rischi ma lo faceva. Oggi le macchine alla fine sono ancora rischiose, ma i tracciati non lo sono più, e a me sinceramente è questo che non piace....

[/quote]

.....cut..cut..

io continuo a vedere la SC come corpo estraneo alla f1...
[/quote]
[/quote]
Beh...a volte può servire....ma usata così spesso....serve solo alla Mercedes.... :asd: :lol: :lol: :P
               Immagine               [center]F O R Z A  F E R R A R I !
Avatar utente
GTO
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1936
Iscritto il: 09/12/2007, 0:00

da gelax » 09/11/2009, 19:12

[quote="Baldi"]
[quote="Pisy"]
Le bandiere gialle sono l'unico segnale e sistema per rallentare le vetture e consentire la messa in sicurezza della pista, basta con l'utilizzo improprio della SC. Devono solamente essere rispettare. Ridicolo anche usare la SC per le partenze sotto la pioggia.
[/quote]

Quoto!

Ma sai com'è, ormai le F1 sembrano inadatte alla pioggia, anche mettendo un assetto apposito, si trovano ugualmente in difficoltà... pure con gomme moonson e piste piattissime...
è pazzesco...

D'altra parte ormai son progettate per andare forte e tanto nelle condizioni ideali, ragion per cui la pioggia è devastante...

Ma tu progettista che fai? Progetti un'auto quasi "ognitempo" ma lenta o preferisci realizzarla teoricamente perfetta in condizioni da asciutto... tanto c'è la SC?
...alla mal parata mascherandoti sotto la falsa maschera della sicurezza ad oltranza...
[/quote]

infatti......
se lasciano la vettura a 2,82 mm. di altezza dal suolo e vanno fuori sono caxxxxxi loro........
lasciaci passare una spanna e vedrai che l'acquaplaning viene eliminato.

se rischiano troppo e vanno nela sabbia sono caxxxxxxxi loro mettici dei chiodi nell'asfalto fuori pista e vedrai che qualche errorino lo fanno, o se qualcuno vuole prendersi dei rischi IN PIU magari viene premiato con UN SORPASSO.

è da cambiare sia la vettura che la pista, ma purtroppo se una macchina va fuori pista o si ritira c'è meno visibilità per gli sponsor e si incaxxano
Scrolla, scrolla pure fin che vuoi, tanto l'ultima goccia va a finire nella mutanda..............
Avatar utente
gelax
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1470
Iscritto il: 24/04/2005, 23:00
Località: Modena

da Aviatore » 11/11/2009, 10:24

[quote="Pisy"]
Le bandiere gialle sono l'unico segnale e sistema per rallentare le vetture e consentire la messa in sicurezza della pista, basta con l'utilizzo improprio della SC. Devono solamente essere rispettare. Ridicolo anche usare la SC per le partenze sotto la pioggia.
[/quote]

A chi è a favore della SC farei vedere in modalità coatta stile arancia meccanica il GP di Dallas 1984 fino allo sfinimento
:asd:
Immagine

"Sia anche lodata l'Austria, Patria di Colui che ha distribuito il Verbo e le lezioni di guida" - Niki (quello nostro)
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Baldi » 21/11/2009, 14:44

[quote="l'Aviatore"]
[quote="Pisy"]
Le bandiere gialle sono l'unico segnale e sistema per rallentare le vetture e consentire la messa in sicurezza della pista, basta con l'utilizzo improprio della SC. Devono solamente essere rispettare. Ridicolo anche usare la SC per le partenze sotto la pioggia.
[/quote]

A chi è a favore della SC farei vedere in modalità coatta stile arancia meccanica il GP di Dallas 1984 fino allo sfinimento
:asd:

[/quote]

In effetti la SC tende a sfalsare la gara in qualche modo, andrebbe usata solo per situazioni di estremo pericolo... d'altra parte le bandiere gialle (e aggiungerei una bella comunicazione UFFICIALE da parte della Direzione di Corsa via radio a tutti i piloti, facile da fare) per rispettare una andatura standard (magari collegata alla centralina come si fa in corsia dei box) e sanzioni abnormi per chi non le rispetta.

Basterebbe probabilmente

C'è pero' da dire che ormai si vuol essere iper-garantisti quando sussiste una condizione di pericolo o di potenziale pericolo in pista.

E mi pare giusto direi.

Quando noi stessi parliamo e raccontiamo di incidenti di una volta, delle cause e delle concause che hanno originato una disgrazia, spesso siamo concordi nel'affermare che l'incidente mortale si compone son solo di un incidente diretto ma spesso di tanti piccoli fattori singolarmente trascurabili o quasi ma che si accumulano e causano il dramma.

Direi che anche adesso, in una F1 altamente ipertecnologica e sicura, piena di controlli e aiuti etc... non bisognerebbe mai abbassare la guardia.
Una auto esce di pista? intervendono i commissari per portarla via...  se qualche altra auto esce (per una maligna sorte) proprio in quel momento e nello stesso punto? Ecco che l'auto che s'era fermata deve essere portata via per non creare un ostacolo che in caso di impatto potrebbe essere altamente pericoloso... e mentre lo si fa, gli stessi commissari devono essere certi di non essere esposti ad un investimento.

Puo' capitare una volta su un milione?

Poi chi lo va a raccontare alla "vedova" di turno?

Direi che all fin fine si preferisce "stallare" tutto che lasciare anche una infinitesima possibilità di tragedia.
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10494
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

PrecedenteProssimo

Torna a 2009

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite