Briatore dimesso...

Discussioni sulla stagione 2009

da AmanteMercedes » 23/09/2009, 11:54

Penso che il diritto non sia una formula matematica, per cui ognuno la vede come crede, però non vedo giuridicamente come si possa pensare di annullare una corsa perchè uno ha barato: allora annulliamo tutti i tour de france della storia.
Parlando da tifoso, sarebbe una delusione micidiale.
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

da Pedro59 » 23/09/2009, 12:18

[quote="Andras"]
Ormai non mi sorprende più nulla ma se la Ferrari facesse davvero un'azione legale a causa di Singapore 2008 volta a sovvertire il risultato sportivo dello scorso campionato sarei profondamente deluso
:thumbdown:

[/quote]

Parole sante.
Si vince e si perde e si "rosica" solo in pista, i GP non si annullano "a tavolino". Almeno spero.
LCDM mi auguro voglia evitare ricorsi ed azioni legali che renderebbero ancora più deprimente quanto è accaduto.
"For if the trumpet give an uncertain sound, who shall
prepare himself to the battle?"  1 Corinthians 14/8
------------
"Che la vuoi una mora ?" - stepv11 /15-11-11
"Dou you like a blackberry ?"
"Machen Sie mögen eine Brombeere ?"
"Est ce que tu veux une mûre ?"
"Hágale quiere una zarzamora ?"
Avatar utente
Pedro59
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 30/08/2008, 14:34
Località: S.Piero a Sieve (FI) - Mugello

da AmanteMercedes » 23/09/2009, 12:20

Beh, se uno bara è giusto che subisca una sanzione e gli altri fanno bene a chiederla. Francamente però non capisco cosa c'entri la regolarità di una corsa con il fatto che uno bari.
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

da Die Mensch-Maschine » 23/09/2009, 12:25

[quote="AmanteMcLaren"]
Beh, se uno bara è giusto che subisca una sanzione e gli altri fanno bene a chiederla. Francamente però non capisco cosa c'entri la regolarità di una corsa con il fatto che uno bari.
[/quote]
Non è difficile da capirlo: perchè così Massa sarebbe campione del mondo. Come se la figura di ***** di farlo uscire dai box col tubo della benzina attaccato fosse colpa dell'incidente di Nelsinho.
Fine esteta und kampionen di raffinatezzen.
Avatar utente
Die Mensch-Maschine
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2627
Iscritto il: 17/09/2007, 23:00
Località: Avia Pervia

da Aviatore » 23/09/2009, 12:44

[quote="Paragon"]
[quote="AmanteMcLaren"]
Beh, se uno bara è giusto che subisca una sanzione e gli altri fanno bene a chiederla. Francamente però non capisco cosa c'entri la regolarità di una corsa con il fatto che uno bari.
[/quote]
Non è difficile da capirlo: perchè così Massa sarebbe campione del mondo. Come se la figura di *****a di farlo uscire dai box col tubo della benzina attaccato fosse colpa dell'incidente di Nelsinho.
[/quote]

Occhio però che noialtri rossi mi pare evidente siamo compatti nel non desiderare una rivisitazione o meglio un sovvertimento del risultato sportivo 2008
;)
Immagine

"Sia anche lodata l'Austria, Patria di Colui che ha distribuito il Verbo e le lezioni di guida" - Niki (quello nostro)
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Die Mensch-Maschine » 23/09/2009, 13:03

[quote="Andras"]
[quote="Paragon"]
[quote="AmanteMcLaren"]
Beh, se uno bara è giusto che subisca una sanzione e gli altri fanno bene a chiederla. Francamente però non capisco cosa c'entri la regolarità di una corsa con il fatto che uno bari.
[/quote]
Non è difficile da capirlo: perchè così Massa sarebbe campione del mondo. Come se la figura di *****a di farlo uscire dai box col tubo della benzina attaccato fosse colpa dell'incidente di Nelsinho.
[/quote]

Occhio però che noialtri rossi mi pare evidente siamo compatti nel non desiderare una rivisitazione o meglio un sovvertimento del risultato sportivo 2008
;)

[/quote]
Sì, ma lo sai meglio di me che quella è gente che ha la faccia peggio del culo.
Fine esteta und kampionen di raffinatezzen.
Avatar utente
Die Mensch-Maschine
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2627
Iscritto il: 17/09/2007, 23:00
Località: Avia Pervia

da Aviatore » 23/09/2009, 13:31

[quote="Paragon"]
[quote="Andras"]
[quote="Paragon"]
[quote="AmanteMcLaren"]
Beh, se uno bara è giusto che subisca una sanzione e gli altri fanno bene a chiederla. Francamente però non capisco cosa c'entri la regolarità di una corsa con il fatto che uno bari.
[/quote]
Non è difficile da capirlo: perchè così Massa sarebbe campione del mondo. Come se la figura di *****a di farlo uscire dai box col tubo della benzina attaccato fosse colpa dell'incidente di Nelsinho.
[/quote]

Occhio però che noialtri rossi mi pare evidente siamo compatti nel non desiderare una rivisitazione o meglio un sovvertimento del risultato sportivo 2008
;)

[/quote]
Sì, ma lo sai meglio di me che quella è gente che ha la faccia peggio del culo.
[/quote]

Ah parlavi di GES e compagnia bella, ora ho capito. Mi sa che hai ragione, poi si sa, le narici desertificate dalla coca annebbiano il senso della realtà
:asd:
Immagine

"Sia anche lodata l'Austria, Patria di Colui che ha distribuito il Verbo e le lezioni di guida" - Niki (quello nostro)
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Baldi » 23/09/2009, 13:36

...mi pare che la FIA abbia già detto che il risultato della gara ai fini mondiali (quindi il mondiale... anche perchè magari Rosberg avrebbe da dire la sua...) non cambierebbe comunque.
Nel senso che il mondiale sarebbe arrivato ugualmente a chi l'ha poi vinto.

In effetti non si può iniziare a tirar fuori considerazioni (sia pure legittime) su cosa sarebbe o non sarebbe successo senza l'incidente. Per esempio il patatrac al box di Massa... o qualsiasi altra cosa accaduta in gara.

Questo ai fini mondiali...
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10516
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da AmanteMercedes » 23/09/2009, 13:45

Io non me la prendo con la Ferrari, anche nell'ipotesi di un appello, ognuno fa quel che crede.
Avvenissero sovvertimenti, penso che sarei un pò perplesso con il giudice.
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

da GTO » 23/09/2009, 14:51

Convengo...ormai il 2008 è bell'è che andato...tuttavia credo che una bella "scossa" al (non) sistema usato dalla FIA per giudicare i suoi tesserati (intendo quella farsa che ormai sono queste manifestazioni di simil-(in)giustiza sportiva) sia auspicabile....voglio dire....tutti ci scandalizziamo del "Briatore gate"....ma se penso che in Brasile 2007 gli amici "grigio/argento" sapevano anche il giro in cui Kimi si sarebbe fermato a fare rifornimento....beh....permettetemi di IN*****...MI COME UNA BESTIA :sneaky2: anche perchè alcuni di quei "signori" calcano ancora la pista.... :cursing: :cursing:

Senza aggiugere la "ciliegina" sulla torta:...questa dichiarazione di Mohammed Ben Sulayem, vicepresidente della Fia e presidente dell’Automobil Club degli Emirati Arabi che, in un’intervista al quotidiano Guardian, si è lasciato sfuggire queste frasi:

“Abbiamo negoziato ogni cosa prima e tutti siamo felici del verdetto…Il mio dovere è tutelare l’investimento fatto per il Gran Premio di Abu Dhabi. E’ un grande show e ha bisogno dei team. Tutti noi vogliamo vedere la Renault (in F1, ndr.)“.
 8) :thumbdown:
Ultima modifica di GTO il 23/09/2009, 16:47, modificato 1 volta in totale.
               Immagine               [center]F O R Z A  F E R R A R I !
Avatar utente
GTO
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1936
Iscritto il: 09/12/2007, 0:00

da AmanteMercedes » 23/09/2009, 17:13

Che le decisioni siano prese per tutelare gli investimenti si era capito da un pò.
Gli episodi che mi hanno lasciato perplesso sono tanti, senza far nomi se no si rischia di vedere il dito e non la luna che viene indicata, ossia si rischia di concentrarsi sui protagonisti senza vedere che il problema è a monte.
Ossia, un mondiale all'ultima corsa è un investimento da proteggere.
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

da Uitko » 28/09/2009, 9:25

copio/incollo il post di un amico in un altro forum

Un bell'articolo che fa capire meglio che tipo di persone si scontrano a quei livelli.

Flavio Briatore radiato dalla Formula Uno

SPLENDORI E MISERIE

BRIATORE. FINITO CONTRO UN MURO

Lo scandalo della F1, ultimo capitolo di una saga in cui fanno capolino anche bombe e boss mafiosi di Gianni Barbacetto

Ora è fuori dalla Formula 1, Flavio Briatore, dopo essere stato accusato

di aver pianificato l’incidente volontario di Nelson Piquet jr, che il 28 settembre 2008 a Singapore ha fatto vincere la Renault di Fernando Alonso e ha soffiato il titolo alla Ferrari. Ma il personaggio ci ha abituato a repentine cadute e a rapide resurrezioni. Briatore ha una storia piena di sorprese, che parte dall’autobomba che nel 1979 uccide il suo primo datore di lavoro, il finanziere di Cuneo Attilio Dutto, e arriva fino ai rapporti con Marcello Dell’Utri. Nel 2007 è stato interrogato a Palermo dal pubblico ministero Antonio Ingroia, nell’ambito di una indagine sul riciclaggio internazionale: «Ho conosciuto alcuni esponenti delle

famiglie Gambino e Genovese, tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta», ha ammesso Briatore.

«Ricordo di averli conosciuti in occasione di un concerto tenuto da Iva Zanicchi e Riccardo Fogli a Brooklyn, erano loro che avevano organizzato

questa manifestazione, ma con costoro non ho mai avuto rapporti di nessun tipo». Ecco i passaggi cruciali della sua vita da Formula 1, tratti dal libro “Campioni d’Italia” (G. Barbacetto, Tropea editore).

Partenza in salita. Giovanotto, a Cuneo lo ricordano un po’ playboy, un po’ gigolo. Il nomignolo che gli sibilano alle spalle, quando passa sotto i portici di corso Nizza, è Tribüla: in Piemonte si dice di uno che fa fatica, che si arrabatta. Ma Flavio Briatore ha fretta di arrivare.

Gli sembra di aver fatto un bel salto quando diventa l’assistente di Attilio Dutto, che tra l’altro aveva rilevato la Paramatti Vernici, una ex

azienda di Michele Sindona. Ma alle 8 di un mattino fine anni Settanta, Dutto salta in aria insieme alla sua auto: gran finale libanese per un

piccolo uomo d’affari cuneese.

La verità su quel botto del 1979 non si è mai saputa; in compenso sono fiorite leggende di provincia, secondo cui a far saltare in aria il finanziere sarebbe stato la mafia.

Di certo c’è solo che il Tribüla, dopo quel fuoco d’a rtificio, sparisce da Cuneo.

Ricompare a Milano. Casa in piazza Tricolore, molta ricchezza esibita, occupazione incerta. Si dà arie da finanziere.

Riesce a convincere il conte Achille Caproni a rilevare la Paramatti e ad affidargli la gestione della Cgi, la holding dei conti Caproni.

Risultati disastrosi: la Paramatti naufraga nel crac; la Cgi lascia un buco di 14 miliardi. Briatore, però, non se ne preoccupa: per un certo periodo si presenta in pubblico come discografico, gira per feste e salotti con una cantante al seguito: Iva Zanicchi.

Milano da bere. Il Tribüla continua faticosamente a inseguire il colpo grosso, a sognare il grande affare. Nell’attesa, trova una compagnia

da Amici miei con cui tira scherzi birboni ai polli di turno, spennati al tavolo verde. Cadono nella rete, tra gli altri, l’imprenditore Teofilo Sanson, quello dei gelati, il cantante Pupo, l’ex presidente della Confagricoltura Giandomenico Serra (che perde un miliardo tondo tondo, in buona parte in assegni intestati a Emilio Fede). Un gruppo di malavitosi di rango, eredi del boss Francis Turatello, aveva pianificato una truffa alla grande e Briatore era a capo di quello che i giudici chiamano “il gruppo di Milano”. Il gioco s’inter rompe con una retata, una serie d’arresti, un’inchiesta giudiziariae un paio di processi.

Fede è assolto per insufficienza di prove, Briatore è condannato in primo grado a un anno e sei mesi a Bergamo, a tre anni a Milano. Ma non si fa un solo giorno di carcere, perché scappa per tempo a Saint Thomas, nelle isole Vergini, e poi una bella amnistia all’italiana cancella ogni peccato. Cancella anche dalla memoria un numero di telefono di New York (212-833337) segnato nell’agenda di Briatore accanto

al nome “Genovese” e riportato negli atti giudiziari del processo per le bische: «È un numero intestato alla ditta G&G Concrete Corporation di John Gambino. Tanto il Gambino quanto il Genovese sono schedati dagli uffici di polizia americana quali esponenti di rilievo nell’organizzazione mafiosa Cosa Nostra».

Generali in giro. Nei primi anni Ottanta, il Tribüla entra anche nella vicenda complicata di un pacchetto di oltre 330 miliardi di azioni delle Generali. Protagonisti: Mazed Rashad Pharson, sceicco arabo, e Florio Fiorini, padrone della Sasea ed ex manager Eni. Il pacchetto di Generali passa di mano per sette anni, prima di tornare in Italia, perché diventa la garanzia di opache transazioni internazionali: di petrolio tra la Libia e l’Eni, di armi ed elicotteri da guerra che dopo qualche triangolazione finiscono a Gheddafi malgrado l’embargo. La vicenda è rimasta oscura. Certo è che, nel suo giro del mondo, il superpacchetto di Generali è passato anche per una sconosciuta fiduciaria milanese, la Finclaus, fondata nel 1978 da Luigi Clausetti, ma per qualche tempo nelle mani di Flavio Briatore.

Donne e motori. Dopo l’“incidente” delle bische, Flavio, ricercato, condannato e latitante, proprio alle isole Vergini spicca il volo definitivo verso il successo.

Prima della tempesta, ai bei tempi della casa di piazza Tricolore, aveva conosciuto Luciano Benetton. A presentarglielo era stato Romano

Luzi, maestro di tennis di Silvio Berlusconi e poi suo fabbricante di fondi neri. Briatore apre alle isole Vergini qualche negozio Benetton, ma fa rapidamente carriera. Come venditore è bravo, la sua specialità sono però gli affari off shore. E che cosa c’è di più off shore della Formula 1? All’inizio degli anni Novanta prende in mano la scuderia Benetton, nata sulle ceneri della Toleman. «La Formula 1 non è uno sport, è

un business», ripete il Tribüla ormai arrivato al successo.

Da questo business (off shore per definizione, fuori da ogni regola e da ogni trasparenza) sa spremere miliardi. E anche successi sportivi: nel 1994 e nel 1995, con Michael Schumacher come pilota, vince il titolo mondiale. A Londra, dove prende casa, Flavio diventa amico di Bernie

Eccleston, il re della Formula 1, ma anche di David Mills, l’avvocato londinese specialista nella costruzione di sistemi finanziari internazionali

“riser vati”, che ha lavorato per Berlusconi, ma anche per la Benetton.

Stinchi di santo. Negli anni Novanta, Briatore finisce dritto in una megainchiesta antimafia dei magistrati di Catania. Niente di penalmente

rilevante, intendiamoci; ma la sua voce resta registrata in conversazioni con personaggi come Felice Cultrera, uomo d’affari catanese ritenuto all’epoca vicino al boss di Cosa Nostra Nitto Santapaola. Nel maggio 1992,

Cultrera si offre come mediatore di un contrasto nella fornitura di motori che era scoppiato tra Briatore e Cipriani jr (il figlio di Arrigo, quello dell’Harris Bar), che diceva di avere alle spalle boss come Angelo Bonanno, Tommaso Spadaro, Tanino Corallo. Pochi mesi dopo, il 10 febbraio 1993, una bomba esplode (è la seconda, nella vita di Briatore) davanti alla porta della sua splendida casa londinese in Cadogan Place, distruggendo una colonna del porticato, sporcando di calcinacci i libri finti

della libreria e facendo saltare i vetri tutt’attorno. Ma i giornali inglesi scrivono che Flavio non c’entra: è solo una “piccola bomba” dell’Ira .
di Gianni Barbacetto ("Il Fatto Quotidiano" n.5 pag.14 - 27/09/2009)
Immagine
"Quando voglio andare più veloce non c'è bisogno che spinga. Basta che mi concentri un pò." (Jim Clark)
Avatar utente
Uitko
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 5045
Iscritto il: 15/12/2003, 0:00
Località: Zena

da Niki » 28/09/2009, 9:40

Mi sembra che questo articolo fosse stato inserito qui tempo fa, da qualcun altro del forum.
Comunque spero che serva a rendere un pò più chiare le idee a quanti hanno ridotto la questione ad un mero fatto riguardante Piquet, McLaren, Ferrari, e così via.
Quando dico che la F1 è mafiosa, lo dico sul serio.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da DanieleSkywalker » 28/09/2009, 9:46

Le relazioni tra Briatore e ambienti poco puliti sono note da tempo, o meglio non sono note ma a volte saltano fuori.

Però collegarle con i fatti di Singapore 2008 mi sembra una forzatura, se non per far capire con che tipi di persone si ha a che fare.
Avatar utente
DanieleSkywalker
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1838
Iscritto il: 27/02/2006, 0:00
Località: Roma

da Uitko » 28/09/2009, 14:52

[quote="DanieleSkywalker"]
Però collegarle con i fatti di Singapore 2008 mi sembra una forzatura, se non per far capire con che tipi di persone si ha a che fare.
[/quote]
è proprio questo l'intento, sai gestiva il team per cui tifa Baldi, quindi c'è a stare all'occhio anche a lui  :001_tt2:
Immagine
"Quando voglio andare più veloce non c'è bisogno che spinga. Basta che mi concentri un pò." (Jim Clark)
Avatar utente
Uitko
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 5045
Iscritto il: 15/12/2003, 0:00
Località: Zena

Precedente

Torna a 2009

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti