Il "medagliere" di Bernie è la proposta-Ickx '73

Discussioni sulla stagione 2009

da sundance76 » 20/03/2009, 22:37

Ragazzi, promettetemi di leggere integralmente quest'articolo di Ickx del 1973 fornito dall'amico Duvel:

Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8361
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da duvel » 20/03/2009, 22:42

Sfogliando qua e là è saltato fuori ancora un articolo di Ickx a riguardo.
Vedrò prossimamente di scannerizzare e postare
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2080
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da sundance76 » 20/03/2009, 22:46

[quote="duvel"]
Sfogliando qua e là è saltato fuori ancora un articolo di Ickx a riguardo.
Vedrò prossimamente di scannerizzare e postare
[/quote]

Fantastico!! Grazie in anticipo, Duvel!!

Intanto, faccio notare non solo che la proposta-Ickx '73 era identica a quella Ecclestone 2008, ma anche che la "Ecclestone 2008" era diversa da quella "ibrida" cioè "vittorie per il titolo ma punti per gli altri" che in questi giorni la FIA ha cercato di imporre, ed è una differenza sostanziale....
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8361
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Powerslide » 20/03/2009, 23:26

Purtroppo dovremmo aspettare almeno un'altra stagione per abolire i "Ragionieri del Rischio"  >:(

Con tutto il rispetto per i ragionieri. Quelli veri, ovviamente  8)

Vorrei inoltre ringraziare duvel e sun : ora so che non era un'intervista, ma un articolo (i miei neuroni avevano fatto ancora una volta cilecca  :001_rolleyes: ).
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6350
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da duvel » 21/03/2009, 14:49

Ecco l'altro articolo di Ickx, apparso su AS n°30 22-29 luglio 1975....lire 350!

Immagine
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2080
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da sundance76 » 21/03/2009, 15:06

Grazie infinite Duvel, è un prezioso documento!!!!!  :thumbup:
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8361
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Powerslide » 21/03/2009, 15:20

Mi piacerebbe (e non lo dico con spirito polemico, sia ben chiaro) che quelli di noi che sono contrari al metodo Ickx leggessero con attenzione questi due articoli e li commentassero evidanziondo pregi e difetti.
Personalmente di difetti non ne trovo così tanti  8)
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6350
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da sundance76 » 21/03/2009, 15:44

[quote="Powerslide"]
Mi piacerebbe (e non lo dico con spirito polemico, sia ben chiaro) che quelli di noi che sono contrari al metodo Ickx leggessero con attenzione questi due articoli e li commentassero evidenziando pregi e difetti.
Personalmente di difetti non ne trovo così tanti  8)
[/quote]

E' proprio come dici, Power. Avrà anch'esso dei difetti, poco ma sicuro, tuttavia mi pare enormemente migliore della boiata attuale 10-8-6, ma anche molto migliore della proposta "ibrida" fatta in questi giorni dalla FIA....
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8361
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Powerslide » 21/03/2009, 16:43

Di una cosa sono certo: il 10-8-6-5 (ma che gran differenza tra il salire sul podio e restarne giù >:( ) è la peggiore delle soluzioni che si potevano adottare  >:( >:( >:( >:( >:( >:( >:( >:(

Una piccola osservazione: una volta al GP di Montecarlo, al cospetto di Ranieri e Grace, sul podio saliva solo il primo  :thumbup1:
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6350
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da Jackie_83 » 21/03/2009, 19:37

Pensa te!....allora x una volta quel nano malefico di Bernie una buona idea l'aveva avuta! :scared:
Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7106
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da sundance76 » 23/03/2009, 16:20

Ecco trascritto il secondo articolo, del 1975, di Ickx:

                                      C’ERANO UNA VOLTA I “GRAND PRIX”……

Nella mia infanzia (cioè non molto tempo fa) esistevano i “Gran Premi”. Ascoltando le conversazioni dei grandi, quando Stirling Moss e Jean Behra venivano a cena da noi (Ickx è figlio di un famoso giornalista automobilistico belga, nd.s.), avevo fatto conoscenza con un mondo sportivo ben definito dove esisteva un “Gran Premio dell’A.C. di Francia”, un “Gran Premio di Gran Bretagna”, un “Gran premio di Germania”, un “Gran Premio di Spagna”, che erano altrettanti elementi autonomi  e completi, pur se facevano parte del campionato. Tizio era vincitore di questo e quel GP; Caio era vincitore di un terzo GP. Era soltanto verso la fine della stagione che ci si preoccupava della classifica del campionato del mondo che era un supplemento più o meno artificioso alla realtà individuale delle singole corse classiche.
20 anni sono bastati per cambiare tutto questo. Non esistono più G.P. nel significato tradizionale del termine. Anche se il nome è stato conservato per abitudine, non si tratta altro che della settima, nona, tredicesima tappa del campionato del mondo.
Diciamo chiaramente che la stagione dei G.P. si è trasformata in una corsa a tappe, nel genere del Giro di Francia o del Giro d’Italia ciclistici, che dura però 10 mesi e non 3 settimane.
Si è arrivati a questo punto, immancabilmente, da entrambe le parti. Una delle verità apparentemente meno conosciute dagli uomini di oggi, è che esiste un limite ben definito per le facoltà di interesse, di attenzione e di assimilazione mnemonica dell’individuo.
Organizzate 6 o 7 G.P. all’anno e ciascuno di essi sarà un Avvenimento, prima, durante e dopo. Salite fino a 12 (o di più) e l’attenzione non segue più, e la memoria ancor meno.
Ripensate dunque, al Giro di Francia o al Giro d’Italia. Non vedo quale sportivo potrebbe dire, anche durante le tre settimane della corsa, quali sono stati i primi sei, o i primi tre, o persino il vincitore di ogni singola tappa. Ma, per fortuna, l’attenzione e la memoria,  con tali limiti, si appoggiano sulla scala della classifica generale quotidiana.
Di fronte a un problema identico, e con il precedente ben stabilito delle corse ciclistiche a tappe, era inevitabile che il pubblico tendesse a assumere la stessa posizione riguardo alla stagione di F1, che l’individualità delle 15 corse successivamente si cancellasse e che esse si trasformassero in elementi costituenti, quasi anonimi, e in ogni caso intercambiabili, in un campionato del mondo forte della sua unicità.
Da parte loro, certi piloti hanno adottato lo stesso modo di vedere e, quando sono in competizione in uno dei 15 G.P. annuali, lottano non per la vittoria in una corsa, ma per la classifica (futura) del campionato. In verità, il fatto è relativamente nuovo. Jackie Stewart lottava ancora per la vittoria del singolo GP, quanto per il titolo annuale. E’ dopo di lui che è apparso quello che chiamerò il metodo del “contabile” che consiste nel ricercare “punti” invece di un “risultato”. In effetti chi gioca per il risultato, si trova molto spesso a giocare per il tutto o niente, mentre colui che gioca cercando i punti, cioè ottenendo sempre un po’ di più o un po’ di meno, segue una via più sicura.
Eppure lo sport ci perde nella sua purezza, nel suo slancio, nella sua intensità, tutte cose che fanno la sua qualità. E che, per questo stesso fatto, è la soddisfazione del pubblico (di cui pertanto vivono organizzatori, costruttori e piloti) che ne risente. Girate le cose come volete: giocando per la classifica generale finale, non si dà al pubblico di un Gran Premio ciò che si attende e ciò che è lieto di attendere.
Eppure sarebbe così facile conciliare gli interessi oggi divergenti, che sono rappresentati, da una parte, dalla vittoria in un singolo Grand Prix e, dall’altra, dalla vittoria di un titolo mondiale! Ne ho già parlato tempo fa su queste colonne e se ci ritorno su, oggi, è perché la redazione e i lettori di Autosprint comprenderanno meglio, ora, cosa questo sistema porterebbe.
Si trattava di rinunciare all’artificioso modo dell’attribuzione dei punti che regge il campionato dalla sua creazione, e di sostituirlo semplicemente con il numero delle vittorie ( già nell’articolo precedente Ickx aveva specificato che i successivi piazzamenti servivano come discrimine in caso di parità, n. d. s.).
La classifica provvisoria attuale ( ’75) prima del GP di Inghilterra darebbe:
1 - Niki Lauda……………… 4 vittorie
2 – E. Fittipaldi…………….1 vittoria (2 secondi posti, 1 terzo posto)
3 – J. Hunt…………………..1 vittoria ( 2 secondi posti)
4 – J. Scheckter…………..1 vittoria (1 secondo posto)
5 – C. Pace………………….1 vittoria (1 terzo posto)
6 – J. Mass…………………mezza vittoria (GP Spagna sospeso e punteggio dimezzato)
Non è questo più chiaro e più espressivo che la classifica ufficiale a punti? Il nostro amico Niki Lauda non sarebbe trattato in modo più equo? E meglio protetto? Si può ben vedere quale classifica semplice e chiara questo sistema permette di presentare.
A chi opponesse che da quando il campionato esiste (1950-1974), il titolo sarebbe stato attribuito 22 volte su 26 allo stesso pilota, sia che si conti per punti o per vittorie, risponderò due cose: la prima è che per 4 volte un pilota è stato privato di un titolo che gli toccava secondo la legge fondamentale dello sport, che per definizione premia chi vince. La seconda, è che se si applicasse d’ora in poi il mio modulo, finirebbero automaticamente le prestazioni prudenti, talvolta piene di precauzioni, e le rinunce temporanee alla lotta alle quali si assiste nei G.P. contemporanei e che costituiscono, a parlar chiaro, una erosione dello sport automobilistico.
Jacky Ickx
Ultima modifica di sundance76 il 23/03/2009, 17:52, modificato 1 volta in totale.
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8361
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da pierosinger » 23/03/2009, 19:06

Scusate la materialità dell'opinione, ma una volta agli albori della formula 1 per tutto il periodo degli anni 50 almeno, nessuna squadra navigava nell'oro, ed a seconda del Gran Premio il pilota vincitore della corsa aggiungeva (un più o meno) ricco premio alla sua paga (se c'era) stagionale....vedi l'ambìto montepremi del Gran premio di Francia, che fu "concausa" dell'incidente di Musso...
Ora se non sbaglio gli stipendi assurdamente alti sono quelli per tutta la stagione ed eventuali  premi vengono dagli sponsor e non dipendono dalla singola prestazione, percui magari una bella riduzione delle paghe e dei "premi gara" potrebbero incentivare i piloti...
<a href="http://www.myspace.com/fistofragerock" target="_blank"><img src="http://img512.imageshack.us/img512/3316/bannercopiah.jpg" /a>
Avatar utente
pierosinger
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 330
Iscritto il: 02/01/2009, 18:05
Località: Monfalcone (GO)

da Baldi » 23/03/2009, 23:09

[quote=&quot;pierosinger&quot;]
Scusate la materialità dell'opinione, ma una volta agli albori della formula 1 per tutto il periodo degli anni 50 almeno, nessuna squadra navigava nell'oro, ed a seconda del Gran Premio il pilota vincitore della corsa aggiungeva (un più o meno) ricco premio alla sua paga (se c'era) stagionale....vedi l'ambìto montepremi del Gran premio di Francia, che fu "concausa" dell'incidente di Musso...
Ora se non sbaglio gli stipendi assurdamente alti sono quelli per tutta la stagione ed eventuali  premi vengono dagli sponsor e non dipendono dalla singola prestazione, percui magari una bella riduzione delle paghe e dei "premi gara" potrebbero incentivare i piloti...

[/quote]

...cosa del tutto impossibile al giorno d'oggi...
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10473
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Jackie_83 » 23/03/2009, 23:11

Penso ke piero abbia colto proprio nel segno!  8)

Risolveremo in un microsecondo sia il problema dei costi ke quello dei sorpassi!...vedrete ke improvvisamente i piloti metteranno in pista 2 attributi grandi come scogli! alla faccia dell'impenetrabilità dei corpi e di qualunque tipo di scia :asd:
Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7106
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da Baldi » 24/03/2009, 13:53

[quote=&quot;Jackie_83&quot;]
Penso ke piero abbia colto proprio nel segno!  8)

Risolveremo in un microsecondo sia il problema dei costi ke quello dei sorpassi!...vedrete ke improvvisamente i piloti metteranno in pista 2 attributi grandi come scogli! alla faccia dell'impenetrabilità dei corpi e di qualunque tipo di scia :asd:
[/quote]

No, io sono dell'opinione che almeno il 99% dei piloti di F1 attuali e degli ultimi anni abbiano la "fame di vittoria" come quelli del passato.

Stesse motivazioni.
adrenalina per la velocità (vedi passione per tutto ciò che va forte)
sfida tra "colleghi".. non foss'altro che per dimostrare di essere il migliore.

Adesso come allora.

L'unica cosa è una certa "impersonalità" nel rapporto tra piloti che una volta non esisteva (dovuto anche e solo in parte alla commercializzazione sempre più sfreata di questo sport)...
...in parte limitato dalle gogliardiche "sfide a poker" con cui recentemente si sollazzano piloti come Alonso, Kubica, Fisichella e altri... che appaiono sicuramente come un club tra amici.

Nulla a he vedere con le "riunioni" e feste tra piloti di una volta che quasi non sapevano se il giorno dopo si sarebbero più rivisti...

tornando alla velocità... state tranquilli che se c'è un barlume di possibilità di passare lo fanno!

Pensate ad Alonso e Schumacher in due anni consecutivi di quell'ammasso di curve senza senso che era l'Imola degli ultimi tempi
E Alonso (2007) su Massa... al.... Nurburgring, mi pare.

Tranquilli, se solo avessero per davvero la possibilità....
Immagine
C'è un'unica differenza tra me e un pazzo: io non sono pazzo. (Salvador Dalì)
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10473
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

Prossimo

Torna a 2009

cron
  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 4 utenti connessi :: 1 iscritto, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 107 registrato il 24/10/2018, 16:41
  • Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 3 ospiti