"O si abbassano i costi o qui affondiamo tutti"

Discussioni sulla stagione 2009

da Roberto82 » 06/12/2008, 14:32

LONDRA (Inghilterra), 6 dicembre 2008 - La Formula 1 affonda. La falla aperta dall’improvvisa uscita della Honda mette in pericolo il futuro prossimo del Mondiale. Max Mosley propone tagli, tagli e ancora tagli. Per il presidente della Fia solo una riduzione verticale dei costi può tenere in vita la F.1. La Fota, l’associazione dei team, si è riunita giovedì per proporre economie e per modificare punteggi e qualifiche a favore dello spettacolo. "Siamo tutti su una nave che affonda - replica Mosley -. I team sono come passeggeri che discutono sul colore delle pareti della cabina, invece di cercarsi un posto sulle scialuppe di salvataggio".
PROPOSTA - La scialuppa di Mosley, lanciata ieri in una lettera alla Fota, si chiama motore e cambio standard. La Fia è in trattativa esclusiva con la Cosworth e con Xtrac e Ricardo Transmissions (XR) per la produzione di un gruppo motore-cambio dal 2010 a un costo di 6 milioni di euro, che scenderà se i team acquirenti saranno più di 4. "Sono in contatto costante con Montezemolo — spiega Mosley — ma le proposte Fota si limitano a ridurre del 20-30% gli attuali budget di 200-300 milioni. Noi proponiamo una riduzione fino all’80%. Con motore e cambio standard, e tutti i tagli, si potrà vincere il Mondiale con 50 milioni al massimo per team". Attualmente 50 milioni non bastano per il catering delle big.
OPZIONI - Motore e cambi standard, non unici. Le case potranno continuare a costruire propulsori, ma bloccando lo sviluppo, che è già congelato. Mosley propone di tagliare tutto quello che il pubblico, ai circuiti e in tv, non vede. "Solo i meccanici sanno la differenza tra il cambio attuale da 10 milioni, e quello da uno che proponiamo noi e che pesa 5 kg di più. I team spendono un mucchio di soldi per bulloni da fantascienza, dotti dei freni, una quantità di pezzi per ottenere un millesimo di secondo di vantaggio. Limitiamo la concorrenza e la competizione ai soli elementi utili". Il piano Mosley prevede massima libertà per le geometrie delle sospensioni, da realizzare con materiali poco costosi, invece che multimilionari. Limiti massimi allo sviluppo aerodinamico. Libera concorrenza per il sistema di recupero di energia: "Il Kers sarà su tutti i veicoli stradali tra 40 anni".
DIPENDENTI E STIPENDI - Tagli massicci al personale: "Non si può più andare avanti con organici di 700-1000 impiegati. Ai box conserveremo il personale visibile, per guasti e rifornimenti, ma gli addetti alle telemetrie, i costi enormi delle telemetrie, possono sparire, non li vede nessuno. Tagli ai compensi dei piloti. "Molto più facile che licenziare 500 persone. Pagare un pilota un milione invece che 20 è sempre molto, rispetto alle alternative per lui".
GRIGLIA - Ecclestone e la Fom per contratto debbono schierare 16 vetture per GP. "Se fossero meno, la Fia può far entrare altre macchine, come la F.2 nelle gare F.1 Anni ’50. Ma non credo succederà". Infine Mosley conclude affermando che "c’è il rischio che altre case seguano la Honda. Ma con i costi ridotti la F.1 torna accessibile alle scuderie private, che per 40 anni hanno tenuto vivo lo sport".
Giancarlo Galavotti

Gazzetta.it
"In corsa bisogna essere in due: la macchina e il pilota. Se il pilota sbaglia sono guai", Niki Lauda
Avatar utente
Roberto82
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1485
Iscritto il: 17/12/2005, 0:00
Località: latina

da sundance76 » 06/12/2008, 14:51

Io continuo a insistere: i soldi vengono spesi se ci sono. Bisognava impedire l'ingresso esagerato di sponsor estranei all'automobile, e inoltre ormai i diritti TV sono il grosso della torta, impensabile eliminarli ora. Inutile chiudere la stalla quando gli animali sono scappati.
Invece di fare queste proposte, Mosley potrebbe lasciare che le grandi scuderie vendano i telai alle piccole, che così non sarebbero più costruttori, ma scuderie private alla maniera della Nascar, o come Rob Walker e la Centro-Sud negli anni '60 in F1....

E pensare che nell'89 c'erano 40 iscritti al Mondiale, e tentavano la F1 con organici di 20 persone....
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8388
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da AmanteMercedes » 06/12/2008, 15:00

Io credo che gli sponsor estranei all'auto non siano un problema come non lo sono i diritti TV.
Senza noto marchio di sigarette McLaren era finita 30 anni fa, senza un altro marchio la stessa fine faceva Lotus.
Certo, è un cedimento che urtò e urta i romantici del mondo della f1 e, per certi versi, è giusto criticare quella svolta epocale che snaturò l'ambiente.
però è stato un passaggio necessario, secondo me, altrimenti la f1 chiudeva da un bel pezzo.
Il punto è che la maggior parte del denaro prodotto non va ai team ma al padrone del vapore.
Se si cambiavano le percentuali, dando di più ai team, si potevano sostenere meglio i costi.
Standardizzare non è una soluzione. Perchè? Perchè farà scappare il pubblico, riddurrà l'appeal della formula.

Aumentare la quota dei ricavi almeno per un anno per finanziare lo sviluppo delle vetture a nuovi seri regolamenti tecnici e poi congelare gli stessi regolamenti, con costi di puro affinamento.
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

da sundance76 » 06/12/2008, 15:07

Sarà come dici, AmanteMcLaren, ma io non so qual è la causa e qual è l' effetto: il tabacco fu fatto entrare perchè nel 1968 si ritirarono Esso, BP, Firestone, e e due anni prima si era ritirata la Climax (motori). Allora, per non fare affondare la F1, si permisero finanziamenti estranei all'auto.
Ma oggi che la F1 è uno show planetario, la gente lo guarderebbe lo stesso in TV (che dà il grosso dei soldi) anche se non ci fossero più banche, bibite e altre amenità.

Disse un tecnico di recente: "Se nel 1982 avessimo avuto i soldi che ci sono ora, altro che turbo e minigonne!! Avreste visto delle astronavi!!".
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8388
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da groovestar » 06/12/2008, 15:38

Più che altro penso che la torta dei diritti TV vada spezzata in modo più equo,soprattutto per i team minori,d'altronde chi i soldi li ha,è giusto che li spenda come meglio crede(finchè li ha).

Costi enormi,certo,ma i bravi boss perchè non fanno i conti anche con gli organizzatori che non possono permettersi di pagare la FIA per organizzare i GP,perchè non si fanno 2 conti su quanto costa iscrivere una squadra al circo o su che penali ci siano quando si salta una gara?
Perchè nn permettono a chi spende miliardi per costruire una vettura vincente di vendere il materiale vecchio,permettendo ad altri di acquistare un pacchetto dignitoso?
Cavolo le esperienze di Toro Rosso e Super Aguri erano lampanti ed esemplari:bravi tecnici e bravi piloti che bastonavano la casa madre!

Del ritiro della Honda poi...non è un fulmine a ciel sereno,già da tempo avevano problemi ed hanno colto la palla al balzo poi per liquidare un progetto in perdita a livello prestazionale(poi mi spieghino le motivazioni di investire su un Brawn a lungo periodo...).

Sono sicuro poi che se arrivasse lo Stewart di turno a rilevare il team,questo inizierebbe a viaggiare in modo dignitoso,come insegna l'esperienza del Signor Suzuki e con budget meno rilevanti,così come accaduto alla RedBull e alla ex Jaguar...

Ma qui il giocattolo e i lauti guadagni non si mollano facilmente e spero che presto si ritrovino aria fritta in mano.

Bell'appeal che avrebbe un campionato con motori depotenziati,cambio standard,elettronica standard,aerodinamica castrata,monomarca gomme...e dove sarebbe lo "spettacolo"?
Se poi il discorso è:tanto nessuno se ne accorge...allora prendiamo le GP2 e riverniciamole...che cavolo,così si che si risparmia
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7492
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da gillesthegreat » 07/12/2008, 11:17

una volta tanto mi associo, almeno a livello di principio con la FIA
mi sembra che negli anni si sia avuta una deriva inumana, in cui per mettere in pista 18 volte all'anno più le giornate di test, due vetture, impieghiamo 700 persone, e almeno 400 milioni di euro.
ma stiamo scherzando? logico che in un periodo di crisi molta gente leva baracche e burattini. non penso che l'honda con 400 milioni di euro in più o in meno fallisca, ma certo ha preso al volo il pretesto per andarsene. chiediamoci però che ne sarà di TR, force india, williams. forse loro sono i più solidi come dice qualcuno, ma certo, se non ci fossero REd BUll, Fly Kingfisher, Lenovo sono nella pupù. e non è che queste realtà di sponsorizzazione siano minuscole realtà locali, ma piuttosto sono giganti mondiali.
chiedere a uno sponsor in un momento di crisi 50,100,200 milioni è follia. se i costi fossero dieci volte inferiori a quelli attuali se ne parlerebbe senza problemi.
ma non credo che imponendo una uniformità di componenti si arrivi a spendere meno. queste cose non possono essere regolate perchè per controllare eventuali tetti di budget ci vorrebbe il KGB.
i motori che devono durare più gare purtroppo è un male necessario, per non tornare ai propulsori da qualifica, che certo era una bella cosa, ma di sicuro costava.
penso si debba iniziare a tagliare su ospitality e gettoni, o meglio, il pizzo che ecclestone e soci impongono alle piste (però su questo vedo che anche una categoria come la motogp non sta meglio, visto che i prezzi prato al mugello sono superiori che ai prezzi prato della f1 a monza)

e poi mi balena un'idea: ma perchè non usare i motori stradali come base per quelli di f1?
mi spiego, ovviamente lavorando per renderlo racing, ma mantenere lo stesso numero di cilindri e lo stesso angolo delle bancate di un motore di serie. ferrari avrebbe sia i 12 che gli 8 cilindri, bmw 6,8,10,12 mercedes idem
non sarebbe un risparmio sul costo di progetto e non si eviterebbe la spersonlizzazione dei propulsori (ssia tutti devono avere degli 8 anche se non li hanno in listino)??
PER SCOPRIRE IL LIMITE DEVI PRIMA PASSARLO
Avatar utente
gillesthegreat
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 10/03/2007, 0:00

da Roberto82 » 07/12/2008, 11:51

[quote="gillesthegreat"]
una volta tanto mi associo, almeno a livello di principio con la FIA
mi sembra che negli anni si sia avuta una deriva inumana, in cui per mettere in pista 18 volte all'anno più le giornate di test, due vetture, impieghiamo 700 persone, e almeno 400 milioni di euro.
ma stiamo scherzando? logico che in un periodo di crisi molta gente leva baracche e burattini. non penso che l'honda con 400 milioni di euro in più o in meno fallisca, ma certo ha preso al volo il pretesto per andarsene. chiediamoci però che ne sarà di TR, force india, williams. forse loro sono i più solidi come dice qualcuno, ma certo, se non ci fossero REd BUll, Fly Kingfisher, Lenovo sono nella pupù. e non è che queste realtà di sponsorizzazione siano minuscole realtà locali, ma piuttosto sono giganti mondiali.
chiedere a uno sponsor in un momento di crisi 50,100,200 milioni è follia. se i costi fossero dieci volte inferiori a quelli attuali se ne parlerebbe senza problemi.
ma non credo che imponendo una uniformità di componenti si arrivi a spendere meno. queste cose non possono essere regolate perchè per controllare eventuali tetti di budget ci vorrebbe il KGB.
i motori che devono durare più gare purtroppo è un male necessario, per non tornare ai propulsori da qualifica, che certo era una bella cosa, ma di sicuro costava.
penso si debba iniziare a tagliare su ospitality e gettoni, o meglio, il pizzo che ecclestone e soci impongono alle piste (però su questo vedo che anche una categoria come la motogp non sta meglio, visto che i prezzi prato al mugello sono superiori che ai prezzi prato della f1 a monza)

e poi mi balena un'idea: ma perchè non usare i motori stradali come base per quelli di f1?
mi spiego, ovviamente lavorando per renderlo racing, ma mantenere lo stesso numero di cilindri e lo stesso angolo delle bancate di un motore di serie. ferrari avrebbe sia i 12 che gli 8 cilindri, bmw 6,8,10,12 mercedes idem
non sarebbe un risparmio sul costo di progetto e non si eviterebbe la spersonlizzazione dei propulsori (ssia tutti devono avere degli 8 anche se non li hanno in listino)??
[/quote]

Mosley dice: "tagliamo tutto ciò che lo spettatore con vede". Questa frase testimonia il fatto che ormai la F1 non è più uno sport, bensì un reality show. Sono d'accordo nel tagliare, ma c' è modo e modo. Si predica ormai da anni il taglio dei costi e poi se ne escono con il kers?
"In corsa bisogna essere in due: la macchina e il pilota. Se il pilota sbaglia sono guai", Niki Lauda
Avatar utente
Roberto82
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1485
Iscritto il: 17/12/2005, 0:00
Località: latina

da Elio11 » 12/12/2008, 17:41

World Motor Sport Council - Decisions
12/12/2008


The World Motor Sport Council met in Monaco on 12 December 2008. The following decisions were taken:


FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP

The following measures to reduce costs in Formula One have been agreed by the World Motor Sport Council. These proposed changes have the unanimous agreement of the Formula One teams, who have played a major role in their development. The FIA is grateful to the Formula One Teams’ Association (FOTA) and its Chairman Luca di Montezemolo for their incisive contribution.

2009

Engine

• Engine life to be doubled.  Each driver will use a maximum of eight engines for the season plus four for testing (thus 20 per team).

• Limit of 18,000 rpm.

• No internal re-tuning.  Adjustment to trumpets and injectors only.

• The three-race rule voted on 5 November remains in force.

• Cost of engines to independent teams will be approximately 50% of 2008 prices.

• Unanimous agreement was reached on a list of proposed changes to the Renault engine for 2009; all other engines will remain unchanged.  Comparative testing will not be necessary.

Testing

• No in-season testing except during race weekend during scheduled practice.

Aerodynamic research

• No wind tunnel exceeding 60% scale and 50 metres/sec to be used after 1 January 2009.

• A formula to balance wind tunnel-based research against CFD research, if agreed between the teams, will be proposed to the FIA.

Factory activity

• Factory closures for six weeks per year, to accord with local laws.

Race weekend

• Manpower to be reduced by means of a number of measures, including sharing information on tyres and fuel to eliminate the need for “spotters”.

Sporting spectacle

• Market research is being conducted to gauge the public reaction to a number of new ideas, including possible changes to qualifying and a proposal for the substitution of medals for points for the drivers.  Proposals will be submitted to the FIA when the results of the market research are known.

Note: It is estimated that these changes for 2009 will save the manufacturer teams approximately 30% of their budgets compared to 2008, while the savings for independent teams will be even greater.

2010

Power train

• Engines will be available to the independent teams for less than €5 million per team per season.  These will either come from an independent supplier or be supplied by the manufacturer teams backed by guarantees of continuity.  If an independent supplier, the deal will be signed no later than 20 December 2008.

• This same engine will continue to be used in 2011 and 2012 (thus no new engine for 2011).

• Subject to confirmation of practicability, the same transmission will be used by all teams.

Chassis

• A list of all elements of the chassis will be prepared and a decision taken in respect of each element as to whether or not it will remain a performance differentiator (competitive element).

• Some elements which remain performance differentiators will be homologated for the season.

• Some elements will remain performance differentiators, but use inexpensive materials.

• Elements which are not performance differentiators will be prescriptive and be obtained or manufactured in the most economical possible way.

Race weekend

• Standardised radio and telemetry systems.

• Ban on tyre warmers.

• Ban on mechanical purging of tyres.

• Ban on refueling.

• Possible reduction in race distance or duration (proposal to follow market research).

Factory activity

• Further restrictions on aerodynamic research.

• Ban on tyre force rigs (other than vertical force rigs).

• Full analysis of factory facilities with a view to proposing further restrictions on facilities.

Longer term

The FIA and FOTA will study the possibility of an entirely new power train for 2013 based on energy efficiency (obtaining more work from less energy consumed).  Rules to be framed so as to ensure that research and development of such a power train would make a real contribution to energy-efficient road transport.

An enhanced Kinetic Energy Recovery System (KERS) system is likely to be a very significant element of an energy-efficient power train in the future.  In the short term, KERS is part of the 2009 regulations, but is not compulsory.  For 2010 FOTA is considering proposals for a standard KERS system.  The FIA awaits proposals.

A number of further amendments were adopted for the 2009 and 2010 Sporting and Technical Regulations. Full details will be available shortly on www.fia.com.
Avatar utente
Elio11
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2026
Iscritto il: 31/01/2006, 0:00

da Elio11 » 12/12/2008, 17:42

da 422race.com

MONTE CARLO - La FIA doveva intervenire dopo che la crisi economica aveva portato il ritiro persino di un costruttore come la Honda, e lo ha fatto senza pudore, con decisioni che definire drammatiche è dir poco. A partire dal 1 Gennaio 2009 l’utilizzo delle gallerie del vento sarà limitato a modelli inferiori al 60% della scala originale e le fabbriche dovranno rimane chiuse per almeno 6 settimane all’anno. Durante la stagione i team potranno utilizzare un massimo di 20 motori per vettura, limitati a 18.000 secondo le ultime regole stabilite, mentre dettagli migliori si sapranno in futuro sul motore unico ufficializzato dal 2010 ma che coesisterà con i propulsori realizzati dai costruttori che dovranno vendere i loro motori a prezzi molto bassi.

Ma la decisione più dura e più drastica è quella che sancisce l’abolizione totale dei test durante la stagione, a partire quindi dal GP d’Australia sino al Gp di Abu Dhabi, non sarà permesso a nessuna squadra effettuare anche solo un chilometro di test che non sia il venerdì dei gran premi stessi, che molto probabilmente avranno un’aumento di ore di prove libere.

Ma se queste regole sono ferree, dal 2010 saranno ancora più drammatiche, ci sarà l’abolizione delle termocoperte, l’abolizione dei rifornimenti, l’abolizione della misurazione della temperatura dei pneumatici da parte dei meccanici, vi saranno telemetrie e radio standard ed ulteriori restrizioni a livello aerodinamico. Saranno da discutere poi l’introduzione del sistema di punteggio a medaglie, cambiamenti alle qualifiche e la riduzione della distanza dei gran premi.
Avatar utente
Elio11
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2026
Iscritto il: 31/01/2006, 0:00

da Mad » 12/12/2008, 19:29

Specchietti per le allodole... :001_rolleyes:
Immagine
Avatar utente
Mad
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1293
Iscritto il: 08/02/2004, 0:00
Località: Noceto

da gelax » 12/12/2008, 21:04

[quote="Mad"]
Specchietti per le allodole... :001_rolleyes:
[/quote]

no no..... caxxate da mongoloidi.............
a parte il fatto di eliminare i rifornimenti.
Scrolla, scrolla pure fin che vuoi, tanto l'ultima goccia va a finire nella mutanda..............
Avatar utente
gelax
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1470
Iscritto il: 24/04/2005, 23:00
Località: Modena

da Gilles » 12/12/2008, 22:38

[quote="Elio11"]
da 422race.com
Ma la decisione più dura e più drastica è quella che sancisce l’abolizione totale dei test durante la stagione, a partire quindi dal GP d’Australia sino al Gp di Abu Dhabi, non sarà permesso a nessuna squadra effettuare anche solo un chilometro di test che non sia il venerdì dei gran premi stessi, che molto probabilmente avranno un’aumento di ore di prove libere.
[/quote]

Ma quante scuderie hanno una pista privata dove fare prove lontano da occhi indiscreti?
Fino ad oggi la Ferrari gira a Fiorano a piacimento in barba ad ogni limitazione sulle prove...ci mettono un delegato FIA a controllare?  ???
Gilles
 

da Niki » 12/12/2008, 22:57

Una serie di *****ate assurda. Penso che il passo più assurdo è stato quello che dice "...Manpower to be reduced by means of a number of measures, including sharing information on tyres and fuel to eliminate the need for “spotters”..." tradotto suona come "...la forza lavoro deve essere ridotta nel senso che devono essere adottate una serie di misure, inclusa quella che faccia si che venga attuato uno scambio di informazioni riguardo carburante e gomme per eliminare l'uso di guardoni..."
Non capisco perchè non bombardano le sedi dove di volta in volta si riuniscono questi pagliacci.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da groovestar » 13/12/2008, 11:33

quante di queste cose vedremo realmente?

bah,alcune cose sconfinano nel ridicolo,tipo l'assenza di termocoperte(pericoloso anche,Zanardi ne sa qualcosa),vietare le misurazioni delle temperature(???),divieto di fatto di sviluppo(se uno parte lento,rimane lento tutta la stagione??)e modifiche ai punteggi,qualifiche e gare basate su RICERCHE DI MERCATO(e non dal buon senso????).limitare i giri motori a 18.000(mah)

Ottima l'idea di eliminare i rifornimenti e di una telemetria unica,i tagli dei costi dei propulsori e quella di valorizzare le prove libere,magari con l'inserimento di nuovo della terza vettura per i team che non arrivano nei primi 5(per la renault è stato molto utile in quell'annata).

i 20 motori per un anno...e se si rompono per problemi che si fa?se finiscono nn si corre?
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7492
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da AmanteMercedes » 13/12/2008, 11:59

Grazie tante per queste bellissime regole. Se al primo gp la Mecca va male, uno non può neanche illudersi di recuperare per il "divieto di sviluppo". Che roba.  >:(
Firma DiAmante.
Immagine
Avatar utente
AmanteMercedes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1643
Iscritto il: 24/10/2008, 17:32

Prossimo

Torna a 2009

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 107 registrato il 24/10/2018, 16:41
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti