FERRARI : il dopo Montezemolo

Discussioni di carattere generale sul sito, news, eventi etc.

da Niki » 08/09/2014, 17:07

Dal Corriere della Sera di oggi

MILANO — È un addio amaro. Le parole di Sergio Marchionne non lasciano margini di incertezza. Luca Cordero di Montezemolo tuttavia sente di non avere le responsabilità che si vede attribuire. È amareggiato, il presidente della Ferrari, racconta chi ha raccolto il suo sfogo. Essere messo alla porta perché da sei anni il Cavallino Rampante non riesce a conquistare il titolo mondiale della Formula 1, brucia. Quando nel 2000 Michael Schumacher riuscì a conquistare il suo primo titolo, ricordava ieri, «erano 21 anni che Maranello non vinceva un campionato mondiale. La Mercedes l’ultimo lo ha vinto nel 1955».

Scorrendo il nastro dei 23 anni alla guida della Ferrari, di cui il manager bolognese è stato anche direttore sportivo, si trovano 14 titoli mondiali, di cui 8 costruttori, e 118 vittorie nei Gran premi. Ieri Montezemolo il film lo ha ripercorso per intero. Con grande dispiacere perché a fare da sottofondo c’erano le parole di Marchionne che rimbalzavano da Cernobbio. La durezza dei toni l’ha scosso. «Ingenerose» le avrebbe definite. Insieme al film degli anni a Maranello nella testa di Montezemolo ieri scorreva in realtà tutta la sua storia, legata a doppio filo alla Fiat e alla famiglia Agnelli. E nei racconti c’era commozione. Ha ricordato quella drammatica domenica di maggio del 2004. Non erano stati ancora celebrati i funerali di Umberto Agnelli che l’allora amministratore delegato del Lingotto, Giuseppe Morchio, tentò con una manovra di prendersi l’azienda. Fu messo alla porta e Susanna Agnelli chiese senza esitare a Montezemolo di assumere il comando. In uno dei momenti forse più difficili per la Casa torinese. Era persino a rischio la sopravvivenza del gruppo.

Ci resterà fino al 2010 lasciando il timone a John Elkann che però gli riservò un posto nel consiglio di amministrazione della Fiat. Un posto che non è stato confermato nella nuova Fca, la società che nascerà dalla fusione tra Fiat e Chrysler e che il 13 ottobre debutterà a Wall Street. L’obbligo di dotare il nuovo board di un certo numero di consiglieri indipendenti, come vogliono le buone pratiche delle grandi corporation, lo ha escluso. Come presidente Ferrari non aveva i requisiti. Chi lo conosce bene racconta che la decisione di lasciarlo fuori, «estromesso senza nemmeno una parola di ringraziamento», sia all’origine della frattura. Giovedì scorso era atteso a Villar Perosa alla festa per i 10 anni di matrimonio di John Elkann e Lavinia Borromeo. Non si è visto.

In cuor suo Montezemolo il capitolo lo ha già chiuso. «È finita un’epoca» ha confidato, «la verità è che ormai la Ferrari è americana». E qui è partito un altro spezzone del film, in cui il manager racconta di quando l’Avvocato Agnelli comprò la Ferrari per tenerla in Italia ed evitare proprio che finisse nelle mani degli americani. La voleva la Ford.

Ora, con la quotazione a Wall Street e la sua uscita da Maranello, ha detto di temere che la Ferrari possa «diventare come la Lamborghini». Certo, guardando agli investitori americani, e non solo, la Ferrari rappresenta un indubbio atout per la nuova Fca avviata sulla strada della Borsa. È l’oggetto dei desideri per eccellenza, «il marchio più conosciuto al mondo» ricordava il manager, confessando che non sarebbe sorpreso se alla fine fosse Marchionne a diventare presidente della Ferrari.

Le logiche di business che dominano il mondo Fiat le conosce bene Montezemolo. Ovvio. Ma fatica ad adattarle a una storia fatta soprattutto di passione e sentimenti. Anche di risultati economici, certo. In questo non è così distante da Marchionne. E forse è uno dei motivi dell’amarezza confessata agli amici per un «divorzio che si consuma nell’anno record per i conti della Ferrari». Giovedì prossimo il consiglio esaminerà il resoconto semestrale della gestione. Potrebbe essere il momento dell’addio. Che è scontato, sebbene lui le dimissioni non le abbia date. Un accordo si troverà.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da TANAO 73 » 08/09/2014, 18:00

In questo caso quoto Della Valle al 100%...
Se e'tanto orgoglioso di essere italiano cominci a pagare le tasse in Italia.
"Marchionne che vuole dare lezioni a noi italiani su cosa e come dobbiamo fare per sottolineare il suo 'orgoglio italiano' è una cosa vergognosa ed offensiva.
Se si sente orgoglioso di essere italiano, cominci a pagare le sue tasse personali in Italia dove le pagano i lavoratori Fiat. Noi italiani non dobbiamo permettere a questi 'furbetti cosmopoliti' di prenderci in giro in questo modo, sicuri di farla sempre franca.
Sono dieci anni che Marchionne fa annunci e promesse a vuoto agli italiani e ai suoi dipendenti, facendo invece sempre e solo i fatti suoi e dei suoi compari.
Di persone come Marchionne, gli italiani che vivono una crisi tremenda, ne fanno volentieri a meno.
Speriamo che lo capisca anche lui e non salga più in cattedra per dare insegnamenti non richiesti".
L'Italia è piena di imprenditori seri, grandi e piccoli, che amano i loro prodotti e che sono veramente orgogliosi di essere italiani e lo dimostrano tutti i giorni con i fatti. Occupiamoci di loro che se lo meritano veramente".....
"Se mi fanno paura i più di 1000 cavalli della mia auto? Per me non c'è abbastanza potenza fino a che le ruote non slittano a fine rettilineo."
(Mark Donohue)
Avatar utente
TANAO 73
GP2
GP2
 
Messaggi: 858
Iscritto il: 28/12/2013, 10:02
Località: Autodromo di Monza (MB)

da groovestar » 08/09/2014, 19:26

La Ferrari ed i ferraristi, quelli veri, devono solo dire grazie a Montezemolo.

La continuità con Ferrari, la passione di un ragazzo che 40 anni fa era sulle piste con Niki Lauda.
Una striscia irripetibile di vittorie, alcune delle vetture più belle della storia delle corse.
Vittorie clamorose e sconfitte all'ultima gara che riuscivi comunque ad accettare perchè si era dato tutto, perchè tutti remavano nella stessa direzione.
Quando la Ferrari perdeva semiassi facendo figure di ***** Schumacher difendeva i suoi, quando Schumacher non vinceva Todt difendeva Michael, quando i risultati latitavano Montezemolo difendeva Todt e ne rifiutava le dimissioni.

Certo, si è allontanato molto dopo il 2007, ha commesso errori di valutazione che hanno determinato lo stato della attuale Ferrari, ma la passione, quella vera c'è sempre stata.

Marchionne non ha passione che per i suoi interessi e non mi stupirei fosse capace di vendere Ferrari per finanziare Fiat...

E' stato davvero un bel viaggio
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 8101
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Aviatore » 08/09/2014, 19:33

Marchionne non ha passione che per i suoi interessi e non mi stupirei fosse capace di vendere Ferrari per finanziare Fiat...


Leggo infatti che la quotazione in Borsa della Ferrari è ormai imminente.........
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Jackie_83 » 08/09/2014, 21:15

Io lo rispetto e lo ringrazio, ma è anche vero che negli ultimi 6/7 anni si è "scavato la fossa" da solo, prendendosi a mano una moltitudine di incarichi tale che hanno finito per distrarlo dall'obiettivo primario (la Ferrari) gettando la squadra in una caos tecnico-politico che è sotto gli occhi di tutti...

Ritornando nello specifico sulle parole di quel "simpaticone" di Marchionne (ed evitando qualsiasi discorso politico su proprietà e quotazioni in borsa) a livello sportivo ha ragione...la Ferrari ha tecnici e piloti di prim'ordine, ma nessuno in grado di amalgamare il tutto, se sei in grado di rimettere in moto la baracca Ok, sennò togli pure il disturbo e tante grazie

Il problema è che non c'è proprio nessuno al livello del Pres che possa sostituirlo
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7370
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da groovestar » 09/09/2014, 7:48

Montezemolo ha fatto un solo grave errore: accettare il blocco dei test e dello sviluppo, facendo spostare la ricerca dal reale al virtuale, ove noi abbiamo ancora carenze.

Ma nel 2010 e 2012 eravamo li a giocarci la posta grossa,quali unici avversari della redbull.

Certo che ci si ricorda di chi vince, ma la Ferrari è stata sempre li, a volte con budget meno elevati di altri e correndo con vetture forse mai al limite del regolamento ed in anni in cui si sono tollerate ali flessibili, traction control, cambiato gomme dietro lamentele di chi stava perdendo.

Abbiamo perso per pochi motivi abbastanza banali: errori in momenti chiave da parte di tecnici e piloti (ultima gara del 2010, la sospensione a Monza nel 2012, i problemi in qualifica di Alonso etc etc) e l'assenza di un genio assoluto. Tuttavia qualcuno dovrebbe fare meta culpa sulla transizione post Schumacher, su come è stato allontanato todt, e Brawn, oltre che dei risultati ottenuti da Costa dopo il suo licenziamento. Ma sappiamo che non è colpa di Montezemolo...
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 8101
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Niki » 09/09/2014, 8:39

Così come non era colpa del **** :mrgreen:
Uno dei problemi congeniti del paesucolo: è sempre colpa di qualcun altro 8-)
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da groovestar » 09/09/2014, 10:51

Certo, si ride solo della Ferrari quando non vince il titolo...

Dove era la redbull nel 2006/07/08, pur avendo Newey? E adesso si magnifica la sua capacitá di recupero anche se vince le briciole!
Quando nel 2012 si lottava per il titolo si parlava dell'incompetenza del team, invece di lodarne in ogni caso lo sforzo. Eppure la situazione non mi pare troppo dissimile da quella attuale, per cui ci si spertica in lodi.

E dove era la Mercedes? Ultimo titolo costruttori vinto nel 1998 (o 2009 con un motore clienti montato su una Honda). vetture indecenti prodotte per 3 anni di fila nonostante l'acquisto di un team campione del mondo. Però sia mai smontare l'efficienza teutonica, nonostante corrano in F1 da 21 anni ed abbiano vinto 5 titoli su 42 disponibili (albo d'oro motoristi riporta molto piu spesso il nome Ferrari o Renault).

Saremo un paesucolo, ma la F1 parla tedesco solo se si tratta di piloti, i quali vincono su mezzi Italiani o Anglofrancesi.

In ultimo mi ricollego a quanto affermava già qualcuno su Lauda, che oggi vince, ma fino ad ieri era anche lui uno di quelli bravi a tagliare teste e a dire che la colpa degli insuccessi era di chiunque tranne che sua. Che sia un caso che Ferrari e redbull/Jaguar abbiano iniziato a vincere dopo il suo allontanamento?
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 8101
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da Aviatore » 09/09/2014, 11:05

groovestar ha scritto:Certo, si ride solo della Ferrari quando non vince il titolo...

Dove era la redbull nel 2006/07/08, pur avendo Newey? E adesso si magnifica la sua capacitá di recupero anche se vince le briciole!
Quando nel 2012 si lottava per il titolo si parlava dell'incompetenza del team, invece di lodarne in ogni caso lo sforzo. Eppure la situazione non mi pare troppo dissimile da quella attuale, per cui ci si spertica in lodi.

E dove era la Mercedes? Ultimo titolo costruttori vinto nel 1998 (o 2009 con un motore clienti montato su una Honda). vetture indecenti prodotte per 3 anni di fila nonostante l'acquisto di un team campione del mondo. Però sia mai smontare l'efficienza teutonica, nonostante corrano in F1 da 21 anni ed abbiano vinto 5 titoli su 42 disponibili (albo d'oro motoristi riporta molto piu spesso il nome Ferrari o Renault).

Saremo un paesucolo, ma la F1 parla tedesco solo se si tratta di piloti, i quali vincono su mezzi Italiani o Anglofrancesi.

In ultimo mi ricollego a quanto affermava già qualcuno su Lauda, che oggi vince, ma fino ad ieri era anche lui uno di quelli bravi a tagliare teste e a dire che la colpa degli insuccessi era di chiunque tranne che sua. Che sia un caso che Ferrari e redbull/Jaguar abbiano iniziato a vincere dopo il suo allontanamento?


Questioni interessanti, condivisibili e spinose.
A mio parere in Italia manca, e tanto, del sano nazionalismo (inteso in senso buono), orgoglio di Patria, etc
Di base si schifa quello che si ha e pertanto qualsiasi cosa che arriva dall'estero si propende a considerarla migliore salvo poi andare all'estero e toccare con mano che nessuno "ricambia il favore" ma anzi son mazzate sui denti per chi arriva da fuori e tutti a difendere la propria nazione (loro).
La mia esperienza personale anzi professionale (vado spessissimo all'estero per quello) perlomeno mi dice questo, ma non muove di un centimetro la dicotomia tra "l'erba del vicino è sempre più verde" quando si è in Italia e "azz ma questi qua ci considerano dei poveracci" quando si è all'estero
Avatar utente
Aviatore
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6434
Iscritto il: 23/09/2005, 23:00
Località: Ferrara (residenza) Vicenza (sede lavoro) Estero (trasferte)

da Niki » 09/09/2014, 11:14

Guardacaso la Mercedes ha iniziato a vincere quando è arrivato lui.
La ferrari gli ha baciato i piedi dopo 19 anni di figuracce.
A parte le solite baggianate, contano i dati non le chiacchiere: chiaro che non è Montezemolo che costruisce nè progetta la macchina e sicuramente dipende da qualcuno se non va. E' qualcosa di materiale e tangibile, per cui ci sarà qualcuno che ha progettato in un modo anzichè nell'altro, che ha deciso per una via anzichè per l'altra.
E' chiaro che al netto delle solite chiacchiere nazionalistiche, non sanno che pesci pigliare. E la gente che c'è, o almeno chi progetta e decide, non è all'altezza della posizione che occupa.
E' anche vero che non si vince da un anno all'altro, vedi Mercedes, ma qui ormai sono anni che non vincono e progettano "auto" una più sbagliata dell'altra.
Oltretutto quella di guardare sempre agli altri è una delle sane abitudini di questo paesucolo.
Prima di tutto (e aggiungerei unicamente) bisognerebbe guardare in casa propria e aggiustare quello che non va.
Non osannare questo o quello anche quando non si vince, o dare la colpa agli altri, o fare raffronti con gli altri, tanto per rimanere nel loro libro paga.
Non ricordo chi lo ha detto durante il gp, o prima o dopo, che l'ultimo titolo della Mercedes risale al '55 proprinando alla gente, falsamente, che la Ferrari invece aveva vinto anche in seguito.
Ad una imbecillità del genere può credere qualcuno che è nato ora o che è talmente invasato da avere due cocomeri sugli occhi.
Com'è che nessun "giornalista" (stessa domanda come nel caso di Ecclestone), quando Montezemolo ha cianfrinato che bisognerebbe reintrodurre i test e chi non può farli non li fà, non gli ha chiesto "...ma signor Montezemolo, perchè lei durante una pausa tra i suoi dodicimila incarichi, ha firmato ed è stato promotore della messa al bando dei test? Cosa ha avuto in cambio?"
Ende.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da 330tr » 09/09/2014, 11:22

Aviatore ha scritto:
groovestar ha scritto:Certo, si ride solo della Ferrari quando non vince il titolo...

Dove era la redbull nel 2006/07/08, pur avendo Newey? E adesso si magnifica la sua capacitá di recupero anche se vince le briciole!
Quando nel 2012 si lottava per il titolo si parlava dell'incompetenza del team, invece di lodarne in ogni caso lo sforzo. Eppure la situazione non mi pare troppo dissimile da quella attuale, per cui ci si spertica in lodi.

E dove era la Mercedes? Ultimo titolo costruttori vinto nel 1998 (o 2009 con un motore clienti montato su una Honda). vetture indecenti prodotte per 3 anni di fila nonostante l'acquisto di un team campione del mondo. Però sia mai smontare l'efficienza teutonica, nonostante corrano in F1 da 21 anni ed abbiano vinto 5 titoli su 42 disponibili (albo d'oro motoristi riporta molto piu spesso il nome Ferrari o Renault).

Saremo un paesucolo, ma la F1 parla tedesco solo se si tratta di piloti, i quali vincono su mezzi Italiani o Anglofrancesi.

In ultimo mi ricollego a quanto affermava già qualcuno su Lauda, che oggi vince, ma fino ad ieri era anche lui uno di quelli bravi a tagliare teste e a dire che la colpa degli insuccessi era di chiunque tranne che sua. Che sia un caso che Ferrari e redbull/Jaguar abbiano iniziato a vincere dopo il suo allontanamento?


Questioni interessanti, condivisibili e spinose.
A mio parere in Italia manca, e tanto, del sano nazionalismo (inteso in senso buono), orgoglio di Patria, etc
Di base si schifa quello che si ha e pertanto qualsiasi cosa che arriva dall'estero si propende a considerarla migliore salvo poi andare all'estero e toccare con mano che nessuno "ricambia il favore" ma anzi son mazzate sui denti per chi arriva da fuori e tutti a difendere la propria nazione (loro).
La mia esperienza personale anzi professionale (vado spessissimo all'estero per quello) perlomeno mi dice questo, ma non muove di un centimetro la dicotomia tra "l'erba del vicino è sempre più verde" quando si è in Italia e "azz ma questi qua ci considerano dei poveracci" quando si è all'estero


Il problema di fondo è che non siamo una nazione. Siamo un coacervo di campanili. Ci trasciniamo dietro un maledetto spirito intollerante verso il vicino di casa, e se ci sono problemi, anziché risolverli in famiglia, si guarda all'estero.. ed ecco che da secoli chiamiamo in soccorso lo spagnolo, il francese, il tedesco a risolvere i nostri problemi, dimenticandoci che poi questi in cambio si sono sempre pappati la nostra libertà e i nostri beni. Ora il caso non è poi tanto diverso. Il salvatore (semi)straniero può pure rimettere in piedi la baracca, ma se la porterà via tutta intera.
Cosa rimarrà ancora qui? Forse niente, se non i ricordi di un passato straordinario, e molto rimpianto per un paese che è passato dal rinascimento al medioevo mentre il mondo continuava ad evolversi nella modernità. Amen.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4641
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Baldi » 09/09/2014, 11:26

eh eh NIKI, quella della "Mercedes che non vince dal 1955" stona incredibilmente. :D
Avatar utente
Baldi
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 10638
Iscritto il: 10/01/2004, 0:00

da Tangorfopper » 09/09/2014, 11:27

groovestar ha scritto:Certo, si ride solo della Ferrari quando non vince il titolo...

Dove era la redbull nel 2006/07/08, pur avendo Newey? E adesso si magnifica la sua capacitá di recupero anche se vince le briciole!
Quando nel 2012 si lottava per il titolo si parlava dell'incompetenza del team, invece di lodarne in ogni caso lo sforzo. Eppure la situazione non mi pare troppo dissimile da quella attuale, per cui ci si spertica in lodi.

E dove era la Mercedes? Ultimo titolo costruttori vinto nel 1998 (o 2009 con un motore clienti montato su una Honda). vetture indecenti prodotte per 3 anni di fila nonostante l'acquisto di un team campione del mondo. Però sia mai smontare l'efficienza teutonica, nonostante corrano in F1 da 21 anni ed abbiano vinto 5 titoli su 42 disponibili (albo d'oro motoristi riporta molto piu spesso il nome Ferrari o Renault).

Saremo un paesucolo, ma la F1 parla tedesco solo se si tratta di piloti, i quali vincono su mezzi Italiani o Anglofrancesi.

In ultimo mi ricollego a quanto affermava già qualcuno su Lauda, che oggi vince, ma fino ad ieri era anche lui uno di quelli bravi a tagliare teste e a dire che la colpa degli insuccessi era di chiunque tranne che sua. Che sia un caso che Ferrari e redbull/Jaguar abbiano iniziato a vincere dopo il suo allontanamento?


AMEN! Siamo la patria del "L'erba del vicino e' sempre più verde!" e dell'"E' tutto sbagliato, e' tutto da rifare.".
Quoto tutto.
Avatar utente
Tangorfopper
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1381
Iscritto il: 09/02/2010, 14:53

da Niki » 09/09/2014, 11:35

330tr ha scritto:Il problema di fondo è che non siamo una nazione. Siamo un coacervo di campanili. Ci trasciniamo dietro un maledetto spirito intollerante verso il vicino di casa, e se ci sono problemi, anziché risolverli in famiglia, si guarda all'estero.. ed ecco che da secoli chiamiamo in soccorso lo spagnolo, il francese, il tedesco a risolvere i nostri problemi, dimenticandoci che poi questi in cambio si sono sempre pappati la nostra libertà e i nostri beni. Ora il caso non è poi tanto diverso. Il salvatore (semi)straniero può pure rimettere in piedi la baracca, ma se la porterà via tutta intera.
Cosa rimarrà ancora qui? Forse niente, se non i ricordi di un passato straordinario, e molto rimpianto per un paese che è passato dal rinascimento al medioevo mentre il mondo continuava ad evolversi nella modernità. Amen.


Fotografia perfetta della situazione.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da Niki » 09/09/2014, 11:36

Baldi ha scritto:eh eh NIKI, quella della "Mercedes che non vince dal 1955" stona incredibilmente. :D


Ho pensato che a Sun fosse preso un infarto, nel caso l'avesse sentito.
Immagine
il riportatore seriale di notizie, l'orgoglione (cit.)
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14661
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

Prossimo

Torna a Generale

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 589 registrato il 17/01/2020, 0:54
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite